new icn messageflickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged vigodarzere

La Certosa di Vigodarzere è un monastero certosino edificato a Vigodarzere (Padova) nel corso del XVI secolo. La costruzione fu decisa dopo che nel corso del cosiddetto "guasto delle mura" (la distruzione ordinata dalla Repubblica di Venezia di tutti gli edifici che circondavano le mura cinqucentesche di Padova) fu abbattuto il vecchio monastero certosino. Il monastero fu consacrato nel 1560 e abbandonato nel 1768 a seguito della soppressione decisa dalla Serenissima. Dopo vari utilizzi durante le ultime guerre la Certosa è attualmente abbandonata.

 

Dopo le distruzioni causate dalla guerra della Lega di Cambrai, i monaci Certosini di Padova ricostruirono il loro monastero in un'ansa del fiume Brenta, sui terreni che il vescovo aveva donato all'Ordine. A partire dal 1534, fino al 1560, grazie all'opera di due celebri architetti dell'epoca: Andrea Moroni e Andrea Da Valle, i lavori vennero portati a termine con grande soddisfazione dei monaci che si insediarono nel nuovo importante edificio fin dall'anno successivo. Anche se la costruzione era imponente e rappresentava un notevole centro di cultura e meditazione, il numero dei monaci presenti non fu mai elevato, tanto che, nel 1768, la Serenissima ne decise la chiusura e incamerò i beni ad essa collegati.

Con un treno di auto, ripreso nei pressi di Vigodarzere (PD). Luglio 2014

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 515

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 515 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 390

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 390 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 439

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 439 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 315

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 315 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 337

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 337 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 291

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 291 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

"c'è qualcosa che non va... maremma maiala" avrà pensato questo cagnolino che si ostinava ad annusare... lei :D

 

Solo per ridere! Buona serata

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 346

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 346 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Image taken from:

 

Title: "Guida di Padova e della sua provincia. [By G. Furlanetto, L. Menin, P. Selvatica, R. de Visiani, A. de Zigno, Count N. da Rio, A. Cittadella-Vigodarzere, and Count G. Cittadella.]", "Appendix"

Contributor: CITTADELLA VIGODARZERE, Andrea - Count

Contributor: CITTADELLA, Giovanni - Count

Contributor: FURLANETTO, Giuseppe.

Contributor: MENIN, Lodovico.

Contributor: RIO, Niccolò da - Count

Contributor: SELVATICO, Pietro - Marquis

Contributor: VISIANI, Roberto de.

Contributor: ZIGNO, Achille de - Baron

Shelfmark: "British Library HMNTS 10132.d.21."

Page: 228

Place of Publishing: Padova

Date of Publishing: 1842

Issuance: monographic

Identifier: 002746175

 

Explore:

Find this item in the British Library catalogue, 'Explore'.

Download the PDF for this book (volume: 0) Image found on book scan 228 (NB not necessarily a page number)

Download the OCR-derived text for this volume: (plain text) or (json)

 

Click here to see all the illustrations in this book and click here to browse other illustrations published in books in the same year.

 

Order a higher quality version from here.

  

Looking for stoplists and other details? See Organi padovani on my website.

Fear of the dark

 

da Micromega

 

"La legge sul testamento biologico che il governo e la maggioranza si apprestano a votare imprigiona la libertà di tutti i protagonisti coinvolti al momento supremo della morte. Definendo il nutrimento e l’idratazione forzati come cura ordinaria e obbligata e non più come intervento terapeutico straordinario, la legge annulla ogni possibilità di valutazione sull’accanimento terapeutico. L’interessato, i familiari e il medico stesso sono impotenti di fronte ad una volontà esterna che impone un protocollo che è solo politico e non morale. La vita deve essere rispettata sempre e senza condizioni, finché resta vita umana nella coscienza, nella dignità e nella forza di sostenerla.

La morte è un appuntamento naturale a cui tutti siamo chiamati; per i credenti poi è il vertice della vita vissuta, la soglia che introduce all’eternità. La decisione di porre fine ad una parvenza di esistenza è di pertinenza esclusiva della persona interessata che ha il diritto di esporla preventivamente in un testamento, oppure alla famiglia di concerto con il medico che agisce in scienza e coscienza. Con la forza della ragione e la serenità della fede ci opponiamo ad un intervento legislativo che mortifichi la libertà di coscienza informata e responsabile in nome di principi che non sono di competenza dello Stato e tanto meno di un governo o di un parlamento che agiscono in modo ideologico sull’onda emotiva e la strumentalizzazione di una dolorosa vicenda (Eluana Englaro). Come credenti riteniamo che chiunque come è stato libero di vivere la propria vita, così possa decidere anche di morire in pace, quando non c’è speranza di migliorare le proprie condizioni di esistenza umana."

 

don Paolo Farinella (Genova), don Vitaliano della Sala (Sant’Angelo a Scala, Avellino), don Enzo Mazzi (Firenze), don Raffaele Garofalo (Pacentro, l’Aquila), padre Fausto Marinetti (Sinigaglia, Ancona), don Andrea Tanda (Oristano), don Ferdinando Sudati (Paullo, Milano), don Adolfo Percelsi (La Loggia, Torino), don Giovanni Marco Gerbaldo (Modena), don Pierantonio Monteccucco (Voghera), don Chino Piraccini (Cesena), don Marcello Marbetta (Albano Laziale, Roma), padre Tiziano Donini (Trento), don Aldo Antonelli (Antrosano, l’Aquila), don Roberto Fiorini (Mantova), don Luigi Consonni (Pioltello, Milano), don Angelo Cassano (Bari), don Renzo Fanfani (Firenze), don Nicola De Blasio (Benevento), don Goffredo Crema (Cremona), don Guglielmo Sanucci (Roma), dom Giovanni Franzoni (Roma), padre Benito Maria Fusco (Bologna), padre Pierangelo Marchi (Caserta), don Paolo Tornambè (Avezzano, l’Aquila), don Carlo Sansonetti (Attigliano, Terni), don Franco Brescia (Napoli), don Carlo Carlevaris (Torino), padre Nino Fasullo (Palermo), don Andrea Gallo (Genova), don Angelo Bertucci (Rovereto), don Alessandro Santoro (Firenze), don Franco Barbero (Pinerolo), don Giorgio De Capitani (S. Ambrogio in Monte di Rovagnate, Lecco) don Francesco Capponi (Itaberai, stato di Goias, Brasile), don Alessandro Raccagni (Bergamo), don Salvatore Corso (Trapani) don Riccardo Betto (Vigodarzere, Padova), don Albino Bizzotto, (Padova).

 

(23 marzo 2009)

  

Crescete, moltiplicatevi e ammalatevi

di Michele Usuelli

 

Preservativo: non solum sed etiam.

Le parole con le quali papa Razinger ha ribadito la dottrina ufficiale della sua chiesa non giungono inaspettate. Una ovvia priorità: il primo argomento scelto per questo viaggio africano. Sono state pronunciate in volo, chissà se già in suolo africano, o addirittura poco dopo il decollo. Il candido stupore di molti italiani non è giustificato, dato che le politiche della chiesa riguardanti la salute materno-riproduttiva delle donne sono sempre state le stesse, immodificate dai due diversi papi che hanno dovuto confrontarsi con l’epoca dalla tragedia dell’AIDS. L’equazione “crociata anticondom/diffusione HIV”, oggetto principale delle critiche di molti commentatori, non coglie nella sua pienezza la portata e le implicazioni del messaggio papale. Infatti, il vero oggetto di questa pastorale non sono i malati di HIV, bensì, e ci risiamo, il femminino sacro, la donna e la sua libertà e dignità in tema di salute materno riproduttiva. Il divieto di preservativo è figlio di una interpretazione del messaggio di moltiplicarsi che non può, secondo il Vaticano, lasciare spazio a compromessi. In qualunque situazione. Preservativo a parte, la chiesa cattolica nei paesi in via di sviluppo, è attivamente impegnata a boicottare tutte le forme di controllo della natalità, dalla pillola anticoncezionale, alla spirale alle iniezioni a lento rilascio ormonale che hanno un potere contraccettivo della durata di 3 mesi e che sono molto richieste dalle donne, date le difficoltà di spostamento e la lontananza dei centri di salute dai villaggi. Degli impianti sottocute (durano 5 anni) nè di legatura delle tube, procedure assolutamente previste dai ministeri della sanità africani. Non voglio nemmeno sfiorare l’argomento del diritto all’aborto, perché da funzionario della cooperazione, io ho sempre lavorato entro le linee guida stabilite dai ministeri della salute dei paesi in cui ho lavorato: Cambogia, Malawi ed Afghanistan. Tutti recepiscono le direttive delle Nazioni Unite e prevedono i servizi di pianificazione familiare.

La Chiesa cattolica, nei paesi africani non ha solo un molto grande potere di influenzare le scelte dei credenti, dei politici e delle politiche, ma è essa stessa fornitrice diretta di servizi sanitari con i suoi numerosi ospedali religiosi. In molti di essi sono offerti anche i servizi di sana maternità: i controlli clinici in gravidanza e assitenza al parto sono offerti di regola a pagamento, o gratis, ma con un rimborso ottenuto dal ministero della sanità di quel paese, con un meccanismo simile al tanto praticato in Italia, privato-convenzionato. Nei presidi sanitari cattolici tutti gli interventi di pianificazione familiare sono assenti. O in alcuni casi sono clandestini, merito di alcuni missionari che, su questo punto, ritengono il Dio di Roma lontano da quello della Foresta. Inseriamo questa scelta politica nel suo proprio contesto: l’indicatore demografico che ci può aiutare è il total fertility rate: la media dei bambini nati ad una donna rapportando numero di donne e anni di vita fertile (child-bearing years) con i tassi di natalità. Secondo il World FactBook della CIA il total fertility rate in Afghanistan è pari a 6,53 bambini per ogni donna e 5,59 in Malawi. Nella mia esperienza professionale all’interno di progetti materno-infantili gestiti da ONG, e finanziati da Unione Europea e Ministero Italiano degli Esteri, ho potuto verificare che in qualunque contesto religioso, culturale e socioeconomico, quando i servizi di contraccezione sono disponibili, essi vengono chiesti e scelti da moltissime donne e famiglie. Le infermiere e ostetriche con cui lavoravo al Bwaila Hospital di Lilongwe, la più grande maternità publica del Malawi con oltre 12,000 parti l’anno, non hanno quasi mai più di 3 figli. Non parlo delle colleghe più anziane, ma delle under 35. Questo gruppo di donne rappresenta la borghesia, la classe media del paese, che ha ricevuto una educazione e che ha scelto di puntare sulla qualità della speranza di vita dei suoi figli (molto costosa in Africa), e non sulla quantità. Ciò è drammaticamente non vero per la povera gente, che inizia a fare figli a 14-15 anni e non si ferma più. Anche per poca conoscenza dei servizi di pianificazione familiare, ma soprattutto per la non facilità ad accedere a pillola anticoncezionale e simili.

Ciò non ha solo una valenza demografica, ma incide profondamente sulla salute della donna. E’ infatti un dato assodato che ripetute gravidanze ravvicinate mettono a rischio la salute della donna, soprattutto se molto giovane o male nutrita. Considerando i dati di mortalità materna durante la gravidanza ed il parto, superiori all’1% in Afghanistan e Malawi, una donna con 10 figli (dato assolutamente non raro), ha il 10% di rischio di morire di parto. Nel villaggio di Mentomantenga in Malawi, nel 2006 ho incontrato un’anziana che aveva partorito 20 volte in vita sua. E ne parlava come una situazione normale, ineluttabile, che le era capitata. Santa subito, ella è miracolata in quanto viva, e decisamente ha moltiplicato. Citare anche l’Afghanistan non è fuori luogo in questo commento sul viaggio Africano, perché permette di osservare come in maniera per nulla differente i custodi della religione Islamica si muovono esattamente come questo pontefice su questo argomento. Vatican e taleban. Mi pare che questo argomento sia pericolosamente minimizzato, non mai affrontato, innanzitutto da quella parte di cattolici sociali che per pietas, formazione e cultura dovrebbero innescare il dibattito nelle associazioni, nelle parrocchie, incalzando parroci e missionari, creando un dibattito dal basso. E massime le donne credenti. Condom e pillola, almeno.

Fertility regulation behaviors and their costs, rapporto pubblicato dalla Banca Mondiale nel 2007, mostra come il dato di total fertility rate a livello continentale africano sia superiore a 5. Delle 182 milioni di gravidanze annue nei paesi in via di sviluppo, 76 milioni risultano non volute. Di questi 76 milioni, il 66% è costituito da donne che non avrebbero voluto il figlio, ma al momento della procreazione non usavano alcun mezzo di protezione. Un gigantesco, vasto bisogno non intercettato. In tema di leader spirituali, il contributo del Dalai Lama a questo dibattito, come riferito in una celebre intervista al quotidiano brasiliano "Folha de Sao Paulo" è il seguente: ''Il controllo delle nascite è necessario, il mondo ha sei miliardi di abitanti".

 

(21 marzo 2009)

 

bene, torno a casa per un fine settimana di polenta, cotechino, uova sode, frittelle, crostoli e vin brulè. Buona continuazione a tutti.

 

aggià, quasi dimenticavo l'url

www.chiamatadimarzo.com/

Looking for stoplists and other details? See Organi padovani on my website.

Looking for stoplists and other details? See Organi padovani on my website.

1 3 4 5 6 7 ••• 9 10