flickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged remora

Please don't use my images on websites, blogs or other media without my explicit permission.

:copyright: All rights reserved - Use without permission is illegal!!!

"Chi mi credo d'essere? Non vale: "non lo so"...

c'è un fulgente immaginario da osservare.

Cercherò un riflesso iridescente e favoloso

che abbia luce da farmi brillare:

 

un radioso mix di tutti "noi"

che combini un me ideale a "voi";

un radioso mix per cui vivere

di riflesso, senza remore. "

 

(Marlene Kuntz_Chi Mi Credo D'Essere?!)

Dive site :- Barracuda Point, Spadan, Malaysia. Taken at a depth of 18.1 metres.

I took this capture of a young fisherman who just landed a very unusual looking fish from the Belleair Causeway in Belleair Bluffs, Florida.

 

This unusual fish is a 'Remora' fish. The top of his head is a suction cup it uses to attach itself to the underside of sharks, whales, large fish and even boats to feed upon.

  

Amazing experience! [Addendum: June 21 2014 is Ocean Sampling Day. get involved! Sampling guidelines here: www.microb3.eu/myosd]

Estudio sobre el otoño

 

Tejados mojados, Vetusta dormía,

silencio otoñal, por Oviedo llovía,

talludo ciprés, su madera crujía,

mustia catedral de cabellera fría.

 

Hacia la mar galopa nube vacía,

del cielo, en San Julián, orvallo caía,

al vuelo campana danzaba y tañía,

la iglesia en sollozos el ceño fruncía.

 

Al sur de los mares, Castilla tenía

arcilla de bronce, al sereno sequía,

el cielo enfermizo, púrpura blandía,

allende los montes de la tierra mía.

 

De Castilla, Segovia bella lucía,

a sus pies camastro de otoño prendía,

oro y cobre, remanso de agua tardía,

luces y plata, admirable melodía.

 

Vereda de lodo, larga travesía,

celeste plomizo su paso impedía,

encrucijada esquina de agua bravía,

desnuda broza en la ribera yacía.

 

Apuesto sol, galán de mediodía,

atusador de hojas con coquetería,

espejo de agua dorada faz volvía,

sutil cortejo de agraciada armonía.

 

Nuestras vidas son los ríos, escribía

Jorge, que van a dar a la mar, seguía,

vehemente destino que a todos unía,

azoradas olas de melancolía.

 

Ambiguo arroyo, su pasión encendía,

maquillaje carmín su rostro cubría,

remiso descenso el caudal emprendía,

rémora anciana su esbeltez impedía.

 

Rafael Ángel Fernández

Il 25 gennaio 2013 nel Gazzettino di Treviso è apparso un articolo contro le nutrie in cui il vice sindaco Giancarlo Gentilini manda richieste perchè sia concesso sparare alle nutrie sia in campagna che in città...

Ne elenca i danni agli argini, la paura da parte di tutti gli abitanti che vivono lungo e fiumi e i fossati data la loro aggressività e punge le autorità. «Chiedo un provvedimento - proclama - che attesa la calamità provocata da questi roditori, autorizzi, senza remore e senza dare ascolto agli animalisti, i cacciatori a uccidere questi animali sia nelle campagne che nelle città. Io sono un alpino che durante il periodo di naia (1956) era pronto a imbracciare la carabina Winchester contro il nemico e pertanto credo che quello attuale rappresentato dal nutrie debba essere eliminato allo stesso modo».

 

Ma è già Carnevale? Qualcuno dica a Gentilini che l'atteggiamento da Far-West non è una cosa di cui farsi vanto, dato che riporta subito alla memoria una pagina della storia che corrisponde al massacro dei nativi americani. Siamo nel 2013 eppure spesso mi pare che l'Homo sapiens stia diventando un Homo rincitrullitos. Il nemico? Ma per favore....

San Juan Bautista, DE LEONARDO DA VINCI. Sólo de él. Por mucha textura y recorte que le meta, el mérito no es mío. Es sacar partido de una obra ajena. El trabajo y arte de otra persona.

Pero hay mucho parásito y rémora que utiliza el talento ajeno, con un par de retoques PS, la obra la hacen suya y, a veces, ni mencionan al autor. Y firman. Y llueven comentarios con sabor a ignorancia y papanatismo. Y son grandes artistas con el trabajo ajeno. Lo dirijo a todos los grandes "tratadores" de imágenes...de otros, claro. Ni creadores ni fotógrafos. Decoradores.

Esto no es fotografía. Es otra cosa. Lo llamaría falsa pastelería, y con huevina y sacarina.

"Por "sus" obras los conoceréis".

www.goear.com/listen/aafc4ad/tarantella-tarantella-napoli...

 

Texture by SkeletalMess.

Obra de da Vinci, estropeada por mí. ¡Perdón, Maestro, vos me entendéis!

A male great white shark (Carcharodon carcharias) breaks the surface off the coast of Mexico's Isla de Guadalupe. A small remora (not sure of the species) can be seen attached to the side of the shark.

 

The relationship between the shark and the remora is a symbiotic one that is mutually beneficial to both fish. The shark provides cover and protection to the remora from potential predators, while the remora cleans the shark of parasites such as copepods.

 

This particular shark had a couple of remoras with him every day that I saw him, and he appeared to be free of parasitic copepods, which are commonly seen on white sharks at Guadalupe.

Forse era la mia vita intera, che mi lambiva. Ma entrato oltre la porta verde, mai con più remora m'era accaduto che Genova (da me lasciata), morta io già piangessi, e sepolta, nel tonfo di quella porta. Eppure, io piansi Genova, ...

 

G. Caproni

Title: Emblemata Florentii Schoonhovii, partim moralia, partim etiam civilia. Cum latiori eorundem ejusdem auctoris interpretatione. Accedunt et alia quædam poëmatia in alijs poëmatum suorum libris non contenta

Identifier: emblemataflorent182scho

Year: 1618 (1610s)

Authors: Schoonhoven, Florens, 1594-1648

Subjects: Emblems

Publisher: Goudae, Apud A. Burier

  

View Book Page: Book Viewer

About This Book: Catalog Entry

View All Images: All Images From Book

 

Click here to view book online to see this illustration in context in a browseable online version of this book.

  

Text Appearing Before Image:

124 Florentix Schoonhovii Efi morofwr, efi avariorque, Sed hos canities, petita cunttis, Adducitcomites perennefecum. ^^f gudlis qualis erit,tamenferendu& Efi tibi,potius modefius ipfum Qidm perverfus, & obfiinatus audu Si durofueris molefius idem9 Nihil projicies 9 refhfcitatur, Sednon repprimitur premendo9ftrpens+ Palpanti nihil ajferumferumve efi: Vnda liberih vagans per alveum Tranquillo pede labitur9fluitque Afi h(£C,fi lapides, trabefve curfum Hapacemimpediant,fonat furitqucy Etcum murmure bulliensfonoro Pugnantes lapides trabefque quajfat» Omnis hoc habet ira,fcvienfque Indignatio, crefcit in dolores Et tormentafui,jugumque nullum eft Qtiod non durius urgeat morantem, Qyam quifubfequitur ducem paratus* Vnum efi triilwus in malis levamenr Pati leniter. Et neceffnati (yt virum decet) obfequi libenter. Sapieas Emblsmata. 12$ Sapiens fupervacanea bona negligit. V EMBLEMA Xll>

 

Text Appearing After Image:

Biogenesquofdamcernenshaurire liquorem Manu puellos limpidum,Abjecit cyathum,pahnas in pocula ^vertens^ Gjuets ufus efl impoflerum.Pmidti remoras Sapiens, quo promptius akam Virtutis JEdem tranfeat* N COMMENTARIVS* Ihil aliud olim Diogenes, quani peram, pallium, & fci~phum, circumtulit,&$»\w7r»0y,id eft,doliaremvitamagerefolitusfuit. Adhunc Alexander Magnus ita ali- Q^3 quandoi iit Florentii Schoonhovii quando locutus fcrtnr: Adfom, O Diogenes, tibi fubvcnturus,cui Diogenes,utcr noftrum pluribus,eget,cgo qui ultra peram,SfcpalHtim nihil defidero, antu,qui non contentuspafrio reg-no , tot periculis temct objicis, ut latius imperes, ade6 utvix totus orbis tuac cupiditati videatur fatis futurus?Hsecad. Alexandrum: Memor fcilicet illius Apulei,in Apologia,fentenatiaejPauperem me vis?prius avarum ciTe doccas ncccfTeeft.Quod ii nihil in animo deeft, derebus extrancisquantum defitnon laboro. Aliquando ctiam, cum videret quofdam puerosmanu fua aquam haurientcs , & bibentes, indi

  

Note About Images

Please note that these images are extracted from scanned page images that may have been digitally enhanced for readability - coloration and appearance of these illustrations may not perfectly resemble the original work.

FOR HER

  

un manojo de hombres

que se agolpan debajo

de la lona, sedientos,

jadeantes.

carnívoros.

comensalistas.

deseando devorar los

jirones de un cadaver.

 

es un circo, de pies

y manos, un circo de

cuerpos inertes y

abyectos.

buscando el sudor ajeno,

para lamerlo.

 

alimentarse de los

otros, ha de ser un buen

negocio.

rémoras humanas.

chupar, en este montículo

de deseos.

cristalizar el más

anhelado, y fagocitarlo.

  

un circo de hombres

jugando a vivir.

un circo de seres,

sedientos por morir.

 

hbЯ

  

questa foto è dedicata a e., o m., che dir si voglia, la persona che c'è stata e c'è sempre

questa foto è quanto di meglio sia riuscita a partorire con una compatta, ma a lei piace così tanto che valeva la pena di farla vedere in giro

questa foto è nata da una delle nostre solite chiacchierate sulla spiaggia, di quelle senza filtri né false remore..calma, pacata, come il mare che avevamo di fronte, e la luna arancio in cielo e la barca alla nostra destra, immobile.

questa foto è fatta di sabbia e vento freddo della sera

questa foto è tutta per lei che sa sempre tendermi una mano e stringermi in un abbraccio, per lei il cui sorriso mi scalda anche da lontano

 

:*

"La vita è breve.

Portare rancore toglie tempo alla felicità.

Ridi ogni volta che puoi e chiedi scusa quando dovresti,

lascia andare ciò che non puoi cambiare,

ama profondamente e perdona velocemente.

Corri i tuoi rischi e dona tutto te stesso senza remore.

La vita è troppo breve per essere infelici,

devi accettare il buono insieme al cattivo.

Sorridi quando sei triste,

apprezza quello che ottieni, sempre,

ma non dimenticare mai quello che hai avuto!

Con umiltà impara dai tuoi sbagli,

purtroppo le persone cambiano

e le situazioni vanno storte,

ma non dimenticare mai,

che la vita continua!"

Title: Homo microcosmus, hoc est: parvus mundus, macrocosmo, id est: magno mundo, in variis æri incisis figuris totq; carminibus Latinis, per selectiores veterum poëtarum fabulas, nec non elegantiores quasdam historias, emblematice expositus; cujus hæc editio tertia. In qua Latina ista carmina puris rhythmis, Germanicis sunt donata ... Opus, non solùm ad studiosæ juventutis, sed etiam pictorum, sculptorum ... usum et delectationem adornatum

Identifier: homomicrocosmush00meye

Year: 1670 (1670s)

Authors: Meyer, Martin, of Hayn, Silesia

Subjects: Macrocosm Microcosm

Publisher: Francofurti

  

View Book Page: Book Viewer

About This Book: Catalog Entry

View All Images: All Images From Book

 

Click here to view book online to see this illustration in context in a browseable online version of this book.

  

Text Appearing Before Image:

ar»gcin. <3Ber vicl ligenbc ®utcr bat/ unb um fcincSgroffcn 9?ei*fbumitviUcn fi* ftbtn dw unb bo*mubtifl bafrrcin gcbff/ btt ftbt auffftiaItftte * (?nbt / unb rvifft/ ba$ bit ® lucf ^® uf tr ivanbelbar unb vrrgana*li*ffpn. QKrrmfpntffrfi^fbfm®lucft garinbtme*oo^/ unbfrp femlicbc» jTino/ bc^glri^ennjfrtubrr.-f^tn baf/ imbvrrmogen»tft/ tvifau*n>finaUf«iu®lucfff*lagt/ btrffbfauffffiititftfc^u»bc/unb bebrncff/ bag fin jrbtrglficfl;afffigrr<3)?rnf*/ tvannfi* bat©iucf^»^abtfin umivfnbtf / no* vor Slbtub btr aUmarraffltgfte tvfrbtn fonnt / unb baf ibttt »ir( ntifftn in btm SaufjbcrbliibfiibtB ^tr:li*feitgefti!rt)cf/ ja i^on bem bo*fttn Q3ipfjti btr 6brcnbcrunftr gttvorjftn rvorbtn. Rz MU J3S VARVVS <JKV7^DVS. mika FOF.TITUDO piscis. 2Bun&erbare (Sfarcfe etnttf ffifcte*. Loquereterr*, & rcfpondebit tibi, & narra- OtcbCttltf btt&btn bit rfrfrbbfcfofefrren/unbNcbunt pifces maris. Job. u. f. 8. gtf*c tm €Q?«rc werbcn bivt twtytn. $iob tom.CSap.S.SBcr*.

 

Text Appearing After Image:

^quor habet pifcem (a) Remora eft hicnominc (a) 2Dcr @Cj)necf*Sifci)/ fDCfcfjer falim bf|? dictus, Non eftextenfo longior illepede.Fronteeeritcornu, quomagnasfaepecarinas Ne fugiant, tumidas continetinteraquas,Hinc vosTerrigena? perpendite quanta poteftas Sitfuperis, quam fit dextera longa Dei.Qiiin etiam fi qua eft(fed abeft)demcntia Chrifto, Exfuperatcautos hactamen ille viros.Et domini robur nimium profterneret omncs Humanas acies , militijeque viros.Rumpere caftra poteftqua»cunq; geruntur in orbe 3a Cine<janjc S)«r<g-$)lA(frt/ (fampffen/ Cum tonat, & Martis fulmine verfat opus. &\\t<t) fcitien £>oficrf?ra()l aitff Ctnmaf g^U^ltcO Continuatque licct tonitrus & fulmina, nutu bAmpffen / In caput au&oris tela rcmiffa cadent. 2Ber tt>ibcrf?re&f/ ttitb umge&racflf. RE~ <5*uj)e$ kfo\$ enet*cf/ Unb cm £orn (>af an fctncm #aupf/•Ofiffein <S*iffauff batffdjnea burcf)tt>t(beS(n<tfjen f?rei*ef/ l\\\b bcmben&wff nfcfcf mefjrcrf au

  

Note About Images

Please note that these images are extracted from scanned page images that may have been digitally enhanced for readability - coloration and appearance of these illustrations may not perfectly resemble the original work.

rémoras (un peu de pain leur est lancé)

 

fr.wikipedia.org/wiki/Remora

 

Nouméa

Nouvelle-Calédonie

voglio cambiare pelle

volgio strappare ogni catena

voglio correre incontro alle persone

voglio buttare ogni tedioso pensiero

voglio ridere, ridere e ridere ancora

voglio perdere ogni remora

voglio essere leggera leggera

voglio regalare una smorfia ad ogni persona che incontro

voglio che la mia mamma sorrida

voglio rivedere ogni bella scena della mia vita

voglio che lui veda un ufo

voglio che ogni stella abbia un suo spettatore

voglio che il mio papà diventi uno scalatore

voglio solo svegliarmi felice ogni mattina

A male great white shark (Charcharodon carcharias) nearly completely stretched out, swims just below the surface off of Mexico's Isla de Guadalupe. On his underside below his gill slit area, a remora tags along for a ride. The gender of this shark is easily identifiable as male by the clearly visible pair of claspers (male reproductive organs) located between the shark's pelvic fins and anal fin.

Title: Emblemata Florentii Schoonhovii I.C. Goudani, partim moralia, partim etiam civilia. Cum latiori eorundem ejusdem auctoris interpretatione. Accedunt et alia quaedam poëmatia in alijs poëmatum suorum libris non contenta

Identifier: goudanipartimmor00scho

Year: 1618 (1610s)

Authors: Schoonhoven, Florens, 1594-1648 Passe, Crispijn van de, d. 1670

Subjects: Emblems

Publisher: Goudae, Apud Andream Burier

  

View Book Page: Book Viewer

About This Book: Catalog Entry

View All Images: All Images From Book

 

Click here to view book online to see this illustration in context in a browseable online version of this book.

  

Text Appearing Before Image:

mjuventa carpit. Te nuper monui, monebo rurfus, Ne (quod pettoraconcoquit bonorum) Vtfoles trcmulo Patri refjias. Q^z Ejl moro* 124 Florentii Schoonhovu Eji morofwr, eji avariorque,Sed hos canities, petita cunclis,Adducit comites perennlfecum.Qitalis qualis erit,tamenferendmEji tibi, potius modejius ipfumQtam perverfus, & objiinatus audi.Si durofueris molejius idem,Nihil profcies, refufcitatur,Sednon repprimitur premendo,ferpem.Palpanti nihil ajperumferumve eji:Vnda liberius vagans per alveumTrantytillo pede labitur,fiuitqucAji h<cc,fi lapides, trabefve curfumRapacem impediant ,fonat furitqucyEt cum murmure bulliens fonoroPugnantes lapides trabefque quajfat.Omnis hoc habet ira,fevienfqueIndignatio, crefcit in doloresEt tormentafui,jugumque nullum eslQuod non dttrius urgeat morantem,Qum quifubfequitur ducem paratus.Vnum eji trislwus in malis levamen,Pati leniter. Et neceffitati(Vtvirumdecet) obfequi libenter. Sapicns Emblemata, 12? Sapiens fupervacanea bona negligit. EMBLEMA XLL

 

Text Appearing After Image:

Dlogenes quofdam cernens baurire liquorem Manu puellos limpidumyAbjecit cyathum,palmas in pocula rvertens, 6) ueis ufus efl impoflerum.Vmcidit remoras Sapiens, quo promptius akam Virtutis JEdem tranfeat. N COMMENTARIVS. lhilaliud olim Diogenes,quam peram, pallium, & fci-phum, circumtulit, & fwfo» ?r»0s,id eft,doliarem vitamagere folitus fuit. Adhunc Alexander Magnus ita ali- Q^j quando 12* Florentii Schoonhovii quando locutus fertur: Adfum, O Diogenes, tibi fubventurus,^ cui Diogcnes,uter noftrum pluribus eget,ego qui ultra peram, &palliura nihil defidero, antu,qui non contentuspatrio reg- no, tot periculis temct objicis, nt latius imperes, ade6 ut vix totus orbis tuae cupiditati videatur fatis futurus?H2ecad Alexandrum: Memor fcilicet illius Apulei,in Apologia,fenten- tiaejPauperem me vis?prius avarum efTe doceas necefleeft. Quodfi nihil in animo deeft, derebus extraneis quantum defit non laboro. Aliquando etiam, cum videret quofdam pueros rnanu fua aquam naurientes , &

  

Note About Images

Please note that these images are extracted from scanned page images that may have been digitally enhanced for readability - coloration and appearance of these illustrations may not perfectly resemble the original work.

Manta Ray in Maldives.

Paradise Rock (Bando) April 2007

 

Please don't use this images on websites, blogs or other media without my explicit permission. © All rights reserved.

 

You can buy a printed copy of this image here:

estebantore.redbubble.com/

Comptine d'un autre eté - Yann Tiersen

 

Un uomo si abbandonò al suo destino senza alcuna remora. Visse quei momenti, quei giorni, pensando ad un futuro fino ad allora solo immaginato. Si ritrovò nel mezzo di una stanza, alcuni letti ed una luce che affiorava dalle finestre in fondo. Visse così, tra quelle quattro mura, dando un nome ad ogni letto ed immaginandosi virtù e condanne come viventi sui quei materassi. Il regno della polvere. Il regno dell'abbandono.

 

Una mattina però si risvegliò, accecante la luce che non permetteva di veder l'intorno, la polvere lo aveva ricoperto, anche lui diventò vivente di quel materasso, vestendosi del suo stesso abito. Solo di polvere. Si riscosse dal suo torpore, il brivido percorse la spina dorsale e forte fu la sensazione di oppressione. Voglia di uscire, voglia di evadere, spasmi allo stomaco. Momenti di follia. Duro fu il colpo al cuore e l'anima urlò nel vedere quel pugno dischiudersi e lasciar scivolare via solo sottile sabbia. Rimase là ancora per decenni, con solo polvere nelle mani e cieco di ricordi.

 

Leica M6

Fujifilm Neopan 1600

This Hawaiian Spinner Dolphin was trying to shake the two Remoras but was having no luck.

Whale shark tail with remoras, Darwin's Arch, Galapagos Islands

 

---- The impassible Lucia is carried in procession, she resists the temptations of the Devil ----

 

---- La Lucia viene condotta in processione, resiste impassibile alle tentazioni del Demonio ----

 

------------------------------------------------------------

 

the slideshow

 

Qi Bo's photos on Fluidr

  

Qi Bo's photos on Flickriver

  

Qi Bo's photos on FlickeFlu

 

--------------------------------------------------------------------------

  

This is a short and long report, I did in Savoca (Sicily) on August 2014 about the living representation of the martyrdom of Saint Lucia (patron saint of the city of Savoca); the cult of the young Saint of Syracuse seems to date back to the fifteenth century, under the influence of Spanish traditions. The commemoration of the history of St. Lucia occurs in two consecutive days, Saturday and Sunday: here I try to tell some times of the day on Sunday, a day during which the festival is held at the height of her beauty. And 'This is a historical event which speaks of Demons and Angels: Saint Lucy refused to marry a rich and powerful suitor (Lucy declared She was married in Christ), which reported the Christian faith of Lucia to prefect Pascasio that ordered his Praetorian Guard to drag Lucia with a rope to a place of prostitution; legend has it that the Holy became heavy, they then tried to drag it with the help of oxen, but it was impossible to move it from where he stood; failing in this, it was then given the order to cavarle eyes, but the young martyr (native of Syracuse) her eyes reappeared.

In the village of Savoca a young girl, affectionately called the "Lucy" is carried on the shoulder of a porter along the streets of the country (sitting on a pillow tied on the shoulder of a man, but in fact men are two); the young Saint remains impassive in the face of demonic temptations: the Devil, called in Sicilian dialect "u Diavulazzu, shake, shakes, turns his pitchfork in an attempt to "distract" the Saint.

The first day of this representation, on Saturday, in an old church in Savoca, the two girls who impersonate the Lucia, of the current year and the previous year, meet with the delivery of palm; the traditional event which we witness on Saturday, has all the appearance of an important rehearsal for the next day, on Sunday when the traditional festival will take place in all its beauty.

Sunday: on top of the procession there are the "Jews" (the emissaries of the prefect Pascasio) along with some Angels, is located immediately after the wagon drawn by two cows from which branches off a rope that will arrive to Saint Lucia (a girl of six years); between her and the cows there are Roman soldiers, who make their way through the crowd squirming like crazy; to hold the rope there are also male figures; the job of Devil (his mask is made of wood, whose invoice is dated, it seems, of the 400') is to distract the little Saint with the help of a long stick equipped of curved points, called "u 'croccu": Lucia hardly is deceived by the promises of the evil one, she will not abandon the state of her property concentration, aided in this by staring, almost in a trance, a small palm branch in silver , she brings devoutly in her hands.

It's very important to mention the Baron Baldassarre (nicknamed Baron Altadonna), who applied without any hesitation the practice of Jus de seigneur: using this law the Baron obliged the young brides to spend the wedding night in his alcove. It 'very possible that in the representation of Saint Lucia of Savoca the character of the Devil tempting young Santa with his pitchfork, in reality is nothing but himself, Baron Altadonna, so allegorically described in this traditional Sicilian feast: the figure of the Devil if one takes into account what historians relate, does not belong more to the legend, but sadly to actual event happened.

------------------------------------------------------------------------------------------

Questo è un report corto e lungo, che ho realizzato a Savoca (Sicilia) lo scorso mese di Agosto 2014, su quella che è la rappresentazione vivente del martirio di Santa Lucia (Santa patrona della città di Savoca); il culto della giovane Santa di Siracusa sembra risalire al XV secolo, sotto l'influenza delle tradizioni spagnole. La rievocazione vivente della storia di S.Lucia avviene in due giornate consecutive, il sabato e la domenica: qui tento di raccontare alcuni momenti della giornata della domenica, giorno durante il quale la festa si svolge nel pieno della sua bellezza. E' questa una rievocazione storica che parla di Demoni ed Angeli: la storia rievoca di quando la Santa, si rifiutò di andare in sposa ad un suo ricco e potente pretendente (essendosi dichiarata Cristiana e sposa in Cristo), il quale per vendette riferì della fede Cristiana di Lucia al prefetto Pascasio; costui diede ordine ai suoi pretoriani di trascinare Lucia con una corda fino ad un lupanare, un luogo di prostituzione; la leggenda narra che la Santa divenne pesantissima, si tentò allora di trascinarla con l'ausilio dei buoi, ma fu impossibile smuoverla da dove si trovava; non riuscendo in ciò, fu allora dato l'ordine di cavarle gli occhi, ma alla giovane martire (nativa di Siracusa) gli occhi le rispuntarono.

Nel paese di Savoca una giovane ragazza, chiamata con affetto "la Lucia" viene portata in spalla lungo le vie del paese (seduta su di un cuscino legato sulla spalla di un uomo; in realtà gli uomini portatori sono due, dandosi il cambio l'un l'altro); la giovane Santa rimane impassibile di fronte alle tentazioni demoniache: il Diavolo, chiamato in dialetto siciliano "u Diavulazzu, agita, scuote, fa ruotare il suo forcone nel tentativo di "distrarre" la Santa ma, vani saranno i suoi tentativi.

Il primo giorno di questa rappresentazione, il sabato, in una vecchia chiesa di Savoca, le due bambine che impersonano la Lucia, dell'anno in corso e dell'anno precedente, si incontrano con la consegna della palma da una bimba all'altra; l'evento tradizionale al quale si assiste il sabato, ha tutto l'aspetto di una importante prova generale per il giorno dopo, quando la domenica la festa tradizionale avverrà in tutta la sua bellezza.

La domenica: in cima alla processione ci sono i "Giudei" (gli emissari del prefetto Pascasio) insieme ad alcuni Angeli, subito dopo si trova il carro tirato da due giumente dalle quali si diparte una corda che giungerà fino a cingere il fianco della bimba che impersona Santa Lucia (una bambina di sei anni); tra lei e le giumente ci sono i soldati Romani, che si fanno largo tra la folla dimenandosi a più non posso; a tenere la corda ci sono anche delle figure maschili che evitano che gli strattonamenti dei soldati romani possano giungere fino alla Santa (ricordiamolo, che è legata a quella corda); davanti alla Santa piroetta il diavolo tentatore, u' Diavulazzu (la maschera è in legno, la cui fattura è datata, sembra, del 400'), il cui compito è quello di distrarre la piccola Santa con l'aiuto di un lungo bastone dotato di punte ricurve, chiamto dialettalmente "u' croccu": Lucia difficilmente si lascerà ingannare dalle promesse del Maligno, non abbandonerà quel suo stato di immobile concentrazione, aiutata in ciò dal fissare, quasi in stato di trance, un piccolo ramo di palma in argento, che lei strige devotamente tra le sue mani.

E’ fondamentale menzionare tra i vari personaggi storici della tradizione, il barone Baldassarre soprannominato barone Altadonna, che applicava senza remora alcuna la pratica dello Jus primae noctis: avvalendosi di questa legge il barone obbligava le giovani spose a trascorrere la prima notte di nozze nella sua alcova. E’ fortemente ipotizzabile che nella rappresentazione di Santa Lucia di Savoca il personaggio del Diavolo che tenta la giovane Santa col suo forcone, in realtà non sia altro che egli stesso, il barone Altadonna, così allegoricamente descritto nella festa tradizionale siciliana: la figura del Diavolo, se si tiene conto di quanto narrano gli storici, non apparterrebbe più alla leggenda, ma ad evento reale tristemente accaduto.

some 4 metres or so "wingspan" there is nothing quite like the grace of the Manta Ray (mobulidae) - a magical experience!

5 Remoras (echeneis naucrates) hitch a ride.

Essere o non essere, questo è il problema: se sia più nobile d'animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna, o prender l'armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. Morire, dormire, nulla di più, e con un sonno dirsi che poniamo fine al cordoglio e alle infinite miserie naturale retaggio della carne, è soluzione da accogliere a mani giunte.

Morire, dormire, sognare forse: ma qui é l'ostacolo, quali sogni possano assalirci in quel sonno di morte quando siamo già sdipanati dal groviglio mortale, ci trattiene: é la remora questa che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.

Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gli insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell'uomo borioso, le angosce del respinto amore, gli indugi della legge, la tracotanza dei grandi, i calci in faccia che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto

con due dita di pugnale? Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una vita stracca, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte, la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore, a sgomentare la nostra volontà e

a persuaderci di sopportare i nostri mali piuttosto che correre in cerca d'altri che non conosciamo? Così ci fa vigliacchi la coscienza; così l'incarnato naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo sono distratte dal loro naturale corso:

e dell'azione perdono anche il nome...

William Shakespeare

hamlet

www.youtube.com/watch?v=lsNLbO7d-GE&feature=player_em...

Title: Mikrokósmos = Paruus mundus

Identifier: mikroparuusmundus00haec

Year: 1618 (1610s)

Authors: Haecht Goidtsenhoven, Laurens van, fl. 1600 Jode, Gerard de, 1509-1591

Subjects:

Publisher: Francofurti : Apud Iacobu[m] de Zetter

  

View Book Page: Book Viewer

About This Book: Catalog Entry

View All Images: All Images From Book

 

Click here to view book online to see this illustration in context in a browseable online version of this book.

  

Text Appearing Before Image:

Profirtmlitilmmferclctlllos, Promrh, li Empev am icaiuit Samio fortuna Tyranno,Vixilli inuenies trefue duofueparcs.Temporequodlongodidicitcum Regis amicus, Compofitumreuoco foedus amoris, ait.Rexvt amicitiacharifruereturamici, Annulum in a^quoreasprascipitauit aquas.Poftque dics aliquot, fuit ad conuiuia dudus, Fulgebat varijs menfa refeila cibis.lamque dapes caperent^Regis^quis crederepoiTc.tr Annultisinmedijspifcibus eccciacet.cQuisfuit in totofeliciororbecreatus? Non Cfcefus fimilis, nec fuitante Midas.Auri facra famcs anima? folet efle nociua Diuitis exemplo quod docct a tque monet. % tMlMJ: FORTl TrD O PISCIS,. 6Sl^

 

Text Appearing After Image:

Xo^Hereterra» ^refiondebittihii (jr narrahunrtifcesmaris» lob.iz.b. /f^ QuorHabetpifcem Remora cfthic nominc-^JL!/ di6lus, Non eft extenfo longior ille pede.Fronte gerit cornU:,quo magnas Ixpc carinas Nefugiant^tumidascontinctinceraquas.Hinc vos Terrigen^ perpendite quanta poteflas Sit fuperis:, quam fit dextera longa Dei.Quin etiam fi qua eft (fed abeft^dementia C hrifto,. Exuperatcautoshactamcnilleviros.Erdominiroburnimiumprofterneret omnes HumanasacieS;,militii€queviros.Rumpere caftra poteft quascunqvgeruntur in orbe Cum tonatj&: martis fulmine verfat opus.Contincatquehcettonitrus & fulmina,nutuIn caputauftoris tela remiffa cadent. LVPI OVES DErO£^.NTES. ^7

  

Note About Images

Please note that these images are extracted from scanned page images that may have been digitally enhanced for readability - coloration and appearance of these illustrations may not perfectly resemble the original work.

Whale Shark, Rhincodon typus, with Remoras, Echeneidae, Isla Mujeres, Quintana Roo, Caribbean Sea

Spies have reported wintermute industries has begin a dramatic arms build up.

A remora swims directly under a male great white shark (Carcharodon carcharias) off Mexico's Isla de Guadalupe.

 

The relationship between the remora and the white shark can be mutually beneficial. The remora can act as a "cleaner" removing parasites from the shark, while the shark provides a "safe haven" for the remora.

A male great white shark (Carcharodon carcharias) swims just below the surface off the coast of Isla de Gaudalupe (you can faintly see the island through through the surface of the water in the upper-right). Two remoras have attached themselves to the shark and are along for a free ride.

Sirentum era una fanciulla nata dall’unione di Mirone e Leucosia, due contadini che abitavano nella zona collinare, Casarlano. Ella doveva la sua nascita ad un voto fatto dai suoi genitori nel tempio delle Sirene situato a Massa Lubrense. I suo capelli biondi come l’oro, il suo carattere dolce, la sua voglia di vivere, la spensieratezza dei giochi ne facevano una creatura unica. Pare che sulla spiaggia di marina Grande un giorno ebbe anche un incontro con la sirena Partenope che lodò la sua bellezza e le pronosticò un futuro da regina. Infatti, fatale fu l’incontro che Sirentum ebbe con un principe della famiglia Durazzo… in breve tempo si sposarono. I due giovani condussero una vita da viaggiatori ma nei momenti in cui vissero a Sorrento erano molto ospitali con tutti dispensando vini , dolci al miele, mandorle, fichi senza alcuna remora. Un brutto giorno del 1558 sbarcarono i saraceni che oltre a razziare le ricchezze della popolazione, fecero anche dei prigionieri, tra questi ci fu la bella Sirentum. Solo dopo alcuni anni Sirentum potè tornare al suo paese grazie agli abitanti, anche i più poveri, che donarono spontaneamente ciò che possedevano pur di riavere tra loro Sirentum.

  

A great white shark (Carcharodon carcharias) swims just under the bottom of the surface cages (approximately 3m deep).

.., questo è il problema: se sia più nobile d'animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna, o prender l'armi contro un mare di triboli e combattendo disperderli. Morire, dormire, nulla di più, e con un sonno dirsi che poniamo fine al cordoglio e alle infinite miserie naturale retaggio della carne, è soluzione da accogliere a mani giunte.

Morire, dormire, sognare forse: ma qui é l'ostacolo, quali sogni possano assalirci in quel sonno di morte quando siamo già sdipanati dal groviglio mortale, ci trattiene: é la remora questa che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.

 

Amleto

 

[ancora un vecchio scatto.. ]

1 3 4 5 6 7 ••• 79 80