flickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged fiorentini

Secondo alcuni fondata in età romana, Caprona ebbe un castello (documentato dal 1051), situato probabilmente sul colle che domina il paese, forse proprio su quello spuntone roccioso dove oggi è ben visibile la Torre degli Upezzinghi, all'apice di una cava dismessa, sovrastante l'abitato di Caprona, situato nel territorio di Vicopisano.

La torre di Caprona è citata da Dante nel XXI canto dell'inferno, là dove il Poeta descrive la battaglia del 16 agosto 1289 tra Guelfi fiorentini e Ghibellini pisani, alla quale aveva partecipato in occasione dell'attacco a Vicopisano, una delle più importanti roccaforti ghibelline:

 

"così vid’io già temer li fanti

ch’uscivan patteggiati di Caprona

vegendo sé tra nemici cotanti",

(Inferno, XXI, 94-96).

 

L'episodio fa riferimento alla paura che i soldati pisani, usciti "patteggiati" ossia dopo aver nogoziato la resa, mostravano di fronte alla numerosa schiera di soldati fiorentini.

La Torre odierna non è quella menzionata da Dante, ma ciò che resta del castello che dominava la riva destra dell'Arno, alla confluenza con lo Zambra.

Explore 06/02/2009 highest position #252

La fama di Anghiari deriva principalmente dal fatto di essere stata teatro della Battaglia combattuta Mercoledì 29 Giugno dell'anno 1440 tra i Fiorentini, vincitori, guidati da Michelotto Attendolo e Giampaolo Orsini ed i Milanesi, condotti da Niccolò Piccinino. La battaglia viene così ironicamente ricordata dal Machiavelli: "Ed in tanta rotta e in si lunga zuffa che durò dalle venti alle ventiquattro ore, non vi morì che un uomo, il quale non di ferite ne d'altro virtuoso colpo, ma caduto da cavallo e calpesto spirò".

La storia dell'iris è antichissima, fin dai

tempi più lontani è

stata impiegata

soprattutto in profumeria,

più che in medicina.

Plinio scrive che

le più pregiate essenze

di iris venivano dal

vicino oriente mediterraneo.

Sembra che gli Arabi

abbiano diffuso la coltivazione

dell'iris in

Spagna, Carlo Magno

invece, nella Francia.

Ma per tradizione, la

patria dell'iris è

Firenze, che ha scelto

questo fiore anche come emblema del

suo gonfalone: i fiorentini in passato, con

orgoglio, ribadivano che il giaggiolo, e

non il giglio, è il simbolo della città.

A Firenze, del resto, nel Rinascimento, si

coltivava l'iris per farne preparati in profumeria

e famosi erano quelli della

Farmacia di Santa Maria Novella.

In omaggio a questa tradizione in una

delle più belle zone di Firenze, sotto il

Piazzale Michelangelo, c'è oggi il

"Giardino dell'iris", dove sono coltivate

decine di specie ibride dell'iris florentina,

dalle splendide colorazioni: uno spettacolo

da non perdere per chi giunge nella

città toscana nei mesi di maggio e giugno.

 

RAVENNA: TORRE HAMMON C/O AREA EX SAROM---FOTO FIORENTINI

From 1978 to 1982, the City Council, in conjunction with the Institute for Independent Social Housing and the Lazio Region, oversaw the restoration of a group of houses he owned site on the Rule of St. Paul Street, between the church of SS. Trinita dei Pellegrini and via the Conservatory. It is a set of buildings of 4-5 floors high, the outside appearance of the prevailing century, centered around the sixteenth century palace overlooking mirrors with a short open space on the main street.

The restoration has revealed, unexpectedly, as the buildings mantenessero in all their monumental structures much older, which still constitute the body of the whole system. In particular Roman structures are preserved to a height of four floors, two below ground and two above, and these formed the basis of a powerful medieval and complex restructuring, which peaked at nearly the construction of the current situation .

 

The place, suburban in the Republican era, was then already traveled the road today gives perpetuated; via the Rule of St. Paul, whose continuation is connected the Circus Flaminius (which was placed outside Gate Carmentalis, where today the Ghetto) to Navalia (the military port of Rome, which was beyond the Farnese Palace) and to Tarentum ( the archaic sanctuary site at S. Giovanni dei Fiorentini.) In the grand scheme of renovation of the city commissioned by Augustus, which provided for the expansion in the Campus Martius, Agrippa built a new bridge over the Tiber, the Ponte Sisto present, tracing the path which is now called the Pettinari, in connection with the theater of Pompey, and presumably other roads, according to an orthogonal, of which they are a part of the Conservatory and also via Zoccolette because of that surround our whole block.

 

The area in the Flavian period, namely, in the last decades of the first century AD, received an immense district of warehouses, perhaps the Horrea Vespasiani mentioned in the literary sources as the work of Domitian, which stretched from the river and the current Ministry of Justice at least up to the Palazzo Spada and beyond via Arco del Monte. Of this vast accommodation is part of the first phase of buildings that are found in the basements of our homes, being then the level of the ground two floors below the current one. Consist of circles arranged in rastrelleria placed on service roads parallel to the river and slightly sloping shelves to form in the direction of that.

 

These buildings were restored in the Severan period, at the beginning of the third century, with the inframmezzamento other stores, large classrooms and residential development, which led to the construction to not less than four stories in height, that is, two floors above the ground level external current. A massive fire was then diroccare of the complex, which in the age of Constantine, that is, during the first decades of the fourth century, was radically restructured: it was partly buried in the ground floor level, bringing this to the first floor, and the walls were reinforced with the rifasciamento of other structures, some of which were even tripled thickness.

 

The buildings show after losing the quality of the use, as long as you use them a decidedly degraded in the fifth and sixth centuries. Appear then in ruins, while around the terrain rises to the collapses and the alluvial deposits of the Tiber, until the eleventh century, the ground level has reached about the current situation.

 

In the eleventh and twelfth centuries are documented as existing on the margins of our homes, the churches of St. Paul and the Rule of SS. Trinity, dedicated then, the latter at St. Benedict. In these and in the following centuries the area found an extraordinary new building activity: in particular, our constructions will start a massive renovation of the ancient ruins, which are consolidated systematically from the deepest foundations, cellars and then become raised up to bring the building blocks to the size that roughly even recognize. The first building is the tower-house building that you see right behind mirrors, in the twelfth century brick and raised in tufa, which is a knight of an ancient alley between warehouses domizianei. The new buildings are developed around the same time then almost immediately, with characters intensive, leading between the twelfth and thirteenth centuries to fill the spaces on the street fronts, with elongated and narrow houses, side by side with each other in the rack. They are constructed with accurate brickwork in the earliest phase, then more commonly in tuff or even irregular cement tuff, up to 4-5 - stories tall, and are still elevated in the fourteenth century.

 

The tour starts from the small square in front of mirrors hall, no. 16 St. Paul Street to the Rule. First is to stop looking at the front of the house and also the one to our left, to remind us that, behind their five-century appearance, they retain nearly the full height of the medieval structures. Just above and to the side of the balcony over the entrance of the building, a short left without plaster wall pane shows the maximum height of structures preserved by the Roman buildings, which from the depths of the current wineries here reach 13 m. On the top you see a lancet Gothic facade of tufa, which testifies to the most recent phase of the medieval complex, with the raising of the fourteenth century.

Monteriggioni is a medieval walled town, located on a natural hillock, in the Siena Province of Tuscany - built by the Sienese in 1213 as a front line in their wars against Florence,[2] by assuming command of the Cassia Road running through the Val d'Elsa and Val Staggia to the west. Monteriggioni, which sits in the center of the Comune of Monteriggioni (an approximate 19.49 square kilometers area around the town), is located fifteen kilometers from the Province's capital.[1]

During the conflicts between Siena and Florence in the Middle Ages[when?] (in which Florence was seeking to expand territory), the city was strategically placed as a defensive fortification. It also withstood many attacks from both the Fiorentini and forces controlled by the Bishop of Volterra. Eventually[when?] the Sienese were able to place control of the town's garrison to Giovannino Zeti, who had been exiled from Florence. In 1554, in an act of reconciliation with the Medicis, Zeti simply handed the keys of the town over to the Medicean forces - considered a "great betrayal" by the town's people.[1]

Except for some work done in the 16th century, very little has been done to Monteriggioni's walls or buildings since they were first erected. Monteriggioni's walls and the buildings that make up the town within are the best preserved example of their kind in all of Italy, attracting tourists, architects, medieval historians and archaeologists. The town appears to float above the valley at night due to the hillside walls and towers being lit from below with light.

The roughly circular walls, totalling a length of about 570 meters and following the natural contours of the hill, were built between 1213 and 1219. There are fourteen towers on square bases set at equidistance, and two portals or gates. One gate, the Porta Fiorentina opens toward Florence to the north, and the other, the Porta Romana, faces Rome to the south. The main street within the walls connects the two gates in a roughly straight line.

The main piazza, the Piazza Roma, is dominated by a Romanesque church with a simple, plain facade. Other houses, some in the Renaissance style (once owned by local nobles, gentry and wealthy merchants) facing into the piazza. Off the main piazza smaller streets give way to public gardens fronted by the other houses and small businesses of the town. Back in more hostile times, these gardens provided vital sustenance when enemies gathered without.

 

Source: Wilipedia

Ogni anno per ricordare la storica Battaglia il Comitato Monteaperti Passato e Presente organizza nella notte del 4 settembre la Fiaccolata al Cippo di Monteaperti. La Fiaccolata parte dall'Acqua Borra e costeggia il torrente Malena, affluente dell'Arbia, percorrendo il campo della Battaglia fino a raggiungere la Piramide commemorativa che sorge, adornata da secolari cipressi, alla sommità del colle già da epoca romantica in luogo dell'antico castello dell'XI secolo di proprietà della famiglia dei Berardenghi.

View large

La battaglia:

La lega guelfa comprendeva, oltre a Firenze, Bologna, Prato, Lucca, Orvieto, San Gimignano, San Miniato, Volterra e Colle Val d'Elsa. Il suo esercito si muove di nuovo verso Siena, con la giustificazione della necessità di riconquistare Montepulciano e Montalcino. Per quanto consigliati altrimenti da Tegghiaio Aldobrandi degli Adimari, i comandanti fecero passare l'esercito alle porte di Siena anche perché desiderosi di rivalsa dopo la scaramuccia di maggio e si accamparono nelle vicinanze del fiume Arbia, a Montaperti, il 2 settembre 1260. In tale giorno gli ambasciatori guelfi consegnarono un ultimatum al Consiglio dei Ventiquattro, il governo di Siena, che fu respinto, seppure con qualche incertezza di una parte favorevole alla trattativa.

Per meglio motivare i cavalieri tedeschi, fu deliberato di corrispondergli una doppia paga grazie ai fondi forniti da Salimbene de' Salimbeni. Le cronache indicano in trentamila fanti e tremila cavalieri le forze della lega guelfa.

Le forze ghibelline ammontavano a ventimila unità, composte da ottomila fanti senesi, tremila pisani e duemila fanti di re Manfredi. A loro, si aggiungevano i fuorusciti fiorentini, gli ascianesi (che vennero ricompensati dai senesi diventando membri della contrada del nicchio), i cortonesi, i ternani, i santafioresi ed i bonizzesi - nonostante in quel momento Poggiobonizio (la futura "Poggibonsi") fosse occupato dai fiorentini - e i cavalieri tedeschi.

Nello stesso giorno, la città, in solenne processione guidata da Buonaguida Lucari, fu dedicata alla Madonna in cambio della sua protezione durante la battaglia. A quel tempo, nella Cattedrale di Siena era conservata sull'altare maggiore la Madonna dagli Occhi Grossi, attualmente esposta presso il Museo dell'Opera del Duomo a Siena.

Il 3 settembre l'esercito senese-ghibellino guidato da Provenzano Salvani uscì da Porta Pispini, diretto al Poggio delle Ropole (l'odierno paese di Taverne d'Arbia), in prossimità dell'accampamento guelfo, che si era spostato nel frattempo sul Poggio delle Cortine da dove poteva controllare i movimenti dei ghibellini. Una leggenda narra che i senesi fecero sfilare il proprio esercito per tre volte davanti all'esercito guelfo, cambiando ogni volta i vestiti con i colori dei terzi di Siena cercando di far credere che le proprie forze fossero tre volte più numerose di quello che fossero in realtà.

La mattina del 4 settembre l'esercito ghibellino, superato il fiume Arbia, si prepara alla battaglia. Era formato da quattro divisioni, che si posizionarono sul campo di battaglia così da tentare una manovra d'accerchiamento.

La prima divisione, guidata dal conte d'Arras, doveva attaccare i guelfi alle spalle al grido d'invocazione di San Giorgio. La seconda, guidata dal conte Giordano d'Anglano, e la terza, guidata da Aldobrandino Aldobrandeschi di Santa Fiora, dovevano impegnare frontalmente l'esercito guelfo, nonostante il sole contrario e la pendenza del terreno. La quarta, comandata da Niccolò da Bigozzi, era posta a guardia del carroccio senese.

Un'altra delle leggende relative alla battaglia, ricorda la figura del cavaliere tedesco Gualtieri d'Astimbergh il quale, avendo il privilegio di attaccare per primo, dopo essersi avvicinato lentamente ai nemici, caricò lancia in resta il capitano dei lucchesi che fu trapassato da parte a parte. Dopo aver recuperato la lancia, uccise altri due cavalieri e poi, persa l'arma, si fece largo tra i nemici con la spada. Nelle prime fasi della battaglia, non solo i fanti guelfi ressero ai primi attacchi dei ghibellini, ma contrattaccarono a loro volta. Questo spinse la quarta divisione di Niccolò da Bigozzi a contravvenire agli ordini e intervenire lasciando la difesa del carroccio senese.

Dopo alterne fasi della battaglia, verso il pomeriggio partì un contrattacco dei ghibellino-senesi.

È in questa fase che si verificò l'episodio di Bocca degli Abati. Questi, seppure al fianco dei guelfi fiorentini a causa di complicati interessi e alleanze, era in realtà di parte ghibellina. Alla vista del contrattacco senese, Bocca si avvicinò al portastendardo fiorentino Jacopo de' Pazzi e gli tranciò di netto la mano che reggeva l'insegna. Questo causò un notevole sconcerto tra le file guelfe. Su quanto questo episodio sia stato importante per l'esito della battaglia, ci sono da secoli opinioni controverse.

Oltre a questo episodio, in questa fase dalle file ghibelline si alzò l'invocazione a San Giorgio, segnale per la prima divisione, quella del conte d'Arras, che attaccò i fiorentini alle spalle. Il conte stesso uccise il comandante generale dei fiorentini Iacopino Rangoni da Modena. È a questo l'inizio della rotta dei guelfo-fiorentini. I ghibellini si lanciarono all'inseguimento e iniziarono "lo strazio e 'l grande scempio che fece l'Arbia colorata in rosso" (Dante, Divina Commedia, Inferno, Canto X, 85) durato fino all'arrivo della notte. Si calcola che le perdite siano ammontate a diecimila morti e quindicimila prigionieri in campo guelfo, di cui 2500 e 1500 fiorentini, e 600 morti e 400 feriti in campo ghibellino.

Solo al calare della notte i comandanti ghibellini diedero l'ordine di salvare la vita di chi si fosse arreso, uccidendo comunque tutti i fiorentini che fossero stati catturati. Questi ultimi, uditi i comandi della parte avversa, cancellarono dai vestiti i segni di riconoscimento e si mescolarono ai loro alleati per aver salva la vita.

Ancora una leggenda racconta della vivandiera Usilia che, da sola, catturò 36 fiorentini salvandogli allo stesso tempo la vita. Il sacco al campo guelfo permise ai ghibellini di catturare quasi diciottomila animali tra cavalli, buoi e animali da soma.

Le bandiere e gli stendardi dei fiorentini furono presi e lo stesso gonfalone di Firenze fu attaccato alla coda di un asino e trascinato nella polvere.

Da: it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Montaperti

RAVENNA: TORRE HAMMON C/O AREA EX SAROM---FOTO FIORENTINI

© 2011Runa Photography

All images are exclusive property and may not be copied, downloaded, reproduced, transmitted, manipulated or used in any way without expressed, written permission of the photographer. All rights reserved.

*Ver en caja de luz

  

Felipe Neri, El Apóstol de Roma, nació en Florencia, Italia, el 22 de julio de 1515 y murió el 26 de mayo de 1595. Fundador de la Congregación del Oratorio.

 

El 23 de mayo de 1551, por mandato del propio Persiano Rosa, entró en el sacerdocio, y se fue a vivir a San Girolamo della Carita, donde la principal regla era vivir en caridad con sus hermanos. Entre los nuevos compañeros de Felipe, estaban Persiano Rosa y Buonsignore Cacciaguerra.

 

En 1559, Felipe comenzó a organizar visitas regulares a las Siete Iglesias, en compañía de sacerdotes y religiosos, así como de laicos. Estas visitas fueron la ocasión de una corta pero aguda persecución religiosa al haber sido denunciado como creador de nuevas sectas. El cardenal vicario le convocó y le reprendió, siendo suspendido de oír confesiones, pero al cabo de dos semanas quedó probada su inocencia ante las autoridades eclesiásticas.

 

En 1562, aceptó el cargo de párroco de la iglesia San Giovanni dei Fiorentini (la de los florentinos en Roma), sin embargo, como se resistía a abandonar San Girolamo, permaneció en este templo a pesar de convertirse en párroco de San Giovanni.

 

Fuente: wikipedia

Madonnari Fiorentini

Centro Firenze Sett.2007

La Cappella Brancacci si trova all'estremità del transetto destro. Fu miracolosamente salva dall'incendio e fu risparmiata dalla ristrutturazione grazie all'intervento attivo di una nobildonna fiorentina che strenuamente si oppose alla copertura degli affreschi. Conserva il ciclo di affreschi di Masaccio e Masolino, indicato come il punto d'inizio del nuovo stile rinascimentale in pittura. Completata da Filippino Lippi, fu studiata e ammirata dalle generazioni dei maggiori artisti fiorentini: Michelangelo per esempio eseguì alcune copie delle parti dipinte da Masaccio.

Vi si trova anche la duecentesca Madonna del Popolo.

Firenze

 

30.01.2011

Una giornata piovosa / uggiosa (come dicono i fiorentini)...

Fiorentini - Forte Kerle 080309

Da notare ogni dettaglio curato nei suoi minimi particolari, incisioni a mano sull'oro. Portone esposto al pubblico difronte a Santa Maria del Fiore

La Porta del Paradiso è la porta est del Battistero.

 

Firenze 2007

veduta notturna di uno dei simboli fiorentini

Really old picture, Really wonderful area

of Italy, Great Wine and Excellent food.

Perhaps the very best Chianti wine in all of Italy can be found in this area of Italy

Have a Great week-end

 

Some Information ~

Chianti (pronounced [ˈkjanti]) is a red Italian wine produced in Tuscany. It was historically associated with a squat bottle enclosed in a straw basket, called a fiasco ("flask"; pl. fiaschi); however, the fiasco is only used by a few makers of the wine now; most Chianti is now bottled in more standard shaped wine bottles. Baron Bettino Ricasoli (later Prime Minister in the Kingdom of Italy) created the Chianti recipe of 70% Sangiovese, 15% Canaiolo and 15% Malvasia bianca in the middle of the nineteenth century.[1]

The first definition of a wine-area called Chianti was made in 1716. It described the area near the villages of Gaiole, Castellina and Radda; the so-called Lega del Chianti and later Provincia del Chianti (Chianti province). In 1932 the Chianti area was completely re-drawn and divided in seven sub-areas: Classico, Colli Aretini, Colli Fiorentini, Colline Pisane, Colli Senesi, Montalbano and Rùfina. Most of the villages that in 1932 were suddenly included in the new Chianti Classico area added in Chianti to their name-such as Greve in Chianti which amended its name in 1972. Wines labeled Chianti Classico come from the biggest sub-area of Chianti, that sub-area that includes the old Chianti area. The other variants, with the exception of Rufina from the north-east side of Florence and Montalbano in the south of Pistoia, originate in the respective named provinces: Siena for the Colli Senesi, Florence for the Colli Fiorentini, Arezzo for the Colli Aretini and Pisa for the Colline Pisane. In 1996 part of the Colli Fiorentini sub-area was renamed Montespertoli.

During the 1970s producers started to reduce the quantity of white grapes in Chianti. In 1995 it became legal to produce a Chianti with 100% Sangiovese. For a wine to retain the name of Chianti, it must be produced with at least 80% Sangiovese grapes.[2] A Chianti may have a picture of a black rooster (known in Italian as a gallo nero) on the neck of the bottle, which indicates that the producer of the wine is a member of the Gallo Nero Consortium, an association of producers of the Classico sub-area sharing marketing costs.[3] Since 2005 the black rooster has been the emblem of the Chianti Classico producers association.[4] Aged Chianti (38 months instead of 4-7), may be labelled as Riserva. Chianti that meets more stringent requirements (lower yield, higher alcohol content and dry extract) may be labelled as Chianti Superiore, although Chianti from the "Classico" sub-area is not allowed in any event to be labelled as "Superiore".

  

Thanks for the comments

and the invites they are very

much appreciate

 

What it looks like there:

www.youtube.com/watch?v=Q5fqTMpoNuY

FIESOLE (FI) * TOSCANA * ITALIA

 

Personaggi ed interpreti:

La Luna, Venere, la Colonna con la Croce, il Duomo di Firenze.

  

Il convento francescano e la chiesa furono eretti in cima al colle di San Francesco, dove una volta era l'acropoli etrusca, poi quella romana ed infine la rocca medievale, distrutta dai fiorentini nel 1125.

L'origine risale al 1225, quando le Romite di Sant'Agostino edificarono un piccolo convento, accanto al quale Lapo di Guglielmo Pellini, sarto e tagliatore di panni, costruì nel 1339 una cappella, dedicata a Santa Maria del Fiore.

 

Visualizzala in SCHERMO INTERO, se la vuoi vedere più "in forma"!

 

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI ©

Tutto il materiale nella mia galleria NON PUO' essere riprodotto, copiato, modificato, pubblicato, trasmesso e inserito da nessuna parte senza la mia autorizzazione scritta.

© ALL RIGHT RESERVED©

All material in my gallery MAY NOT be reproduced, copied, edited, published, transmitted or uploaded in any way without my permission.

Roma 2012

Nikon F55 28-80mm

ILFORD 400

Epson Stylus SX130

Photoshop Cs4

Per chi ama la natura e stare in mezzo al verde, uno dei parchi più amati dai fiorentini è il "Giardino dell'Orticultura in via Bolognese ".

La serra di ferro e vetro in stile liberty dona un'atmosfera quasi parigina, sopratutto in estate quando tramonta il sole e si accendono soffuse luci colorate sopra ai tavolini del bar .

Siena è un comune di 54.391 abitanti della Toscana centrale, capoluogo dell'omonima provincia.

La città è universalmente conosciuta per il suo patrimonio artistico e per la sostanziale unità stilistica del suo arredo urbano medievale, nonché per il suo famoso Palio; il centro storico è stato infatti dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità nel 1995.

Siena fu fondata come colonia romana al tempo dell'Imperatore Augusto e prese il nome di Saena Iulia.

All'interno del centro storico senese sono stati ritrovati dei siti di epoca etrusca, che possono far pensare alla fondazione della città da parte degli etruschi.

Il primo documento noto in cui viene citata la comunità senese risale al 70 e porta la firma di Tacito che, nel IV libro delle Historiae, riporta il seguente episodio: il senatore Manlio Patruito riferì a Roma di essere stato malmenato e ridicolizzato con un finto funerale durante la sua visita ufficiale a Saena Iulia, piccola colonia militare della Tuscia. Il Senato romano decise di punire i principali colpevoli e di richiamare severamente i senesi a un maggiore rispetto verso l'autorità.

Dell'alto Medioevo non si hanno documenti che possano illuminare intorno ai casi della vita civile a Siena. C'è qualche notizia relativa alla istituzione del vescovado e della diocesi, specialmente per le questioni sorte fra il Vescovo di Siena e quello di Arezzo, a causa dei confini della zona giurisdizionale di ciascuno: questioni nelle quali intervenne il re longobardo Liutprando, pronunziando sentenza a favore della diocesi aretina. Ma i senesi non furono soddisfatti e pertanto nell'anno 853, quando l'Italia passò dalla dominazione longobarda a quella franca, riuscirono ad ottenere l'annullamento della sentenza emanata dal re Liutprando. Pare, dunque, che al tempo dei Longobardi, Siena fosse governata da un gastaldo, rappresentante del re: Gastaldo che fu poi sostituito da un Conte imperiale dopo l'incoronazione di Carlo Magno. Il primo conte di cui si hanno notizie concrete fu Winigi, figlio di Ranieri, nel 867. Dopo il 900 regnava a Siena l'imperatore Ludovico III, il cui regno non durò così a lungo, dal momento che nel 903 le cronache raccontano di un ritorno dei conti al potere sotto il nuovo governo del re Berengario.

Siena si ritrova nel X secolo al centro di importanti vie commerciali che portavano a Roma e, grazie a ciò divenne un'importante città medievale. Nel XII secolo la città si dota di ordinamenti comunali di tipo consolare, comincia a espandere il proprio territorio e stringe le prime alleanze. Questa situazione di rilevanza sia politica che economica, portano Siena a combattere per i domini settentrionali della Toscana, contro Firenze. Dalla prima metà del XII secolo in poi Siena prospera e diventa un importante centro commerciale, tenendo buoni rapporti con lo Stato della Chiesa; i banchieri senesi erano un punto di riferimento per le autorità di Roma, ai quali si rivolgevano per prestiti o finanziamenti.

Alla fine del XII secolo Siena, sostenendo la causa ghibellina (anche se non mancavano, le famiglie senesi di parte guelfa, in sintonia con Firenze), si ritrovò nuovamente contro Firenze di parte guelfa: celebre è la vittoria sui toscani guelfi nella battaglia di Montaperti, del 1260, celebrata anche da Dante Alighieri. Ma dopo qualche anno i senesi ebbero la peggio nella battaglia di Colle Val d'Elsa, del 1269, che portò in seguito, nel 1287, alla ascesa del Governo

dei Nove, di parte guelfa. Sotto questo nuovo governo, Siena raggiunse il suo massimo splendore, sia economico che culturale.

Dopo la peste del 1348, cominciò la lenta decadenza della Repubblica di Siena, che comunque non precluse la strada all'espansione territoriale senese, che fino al giorno della caduta della Repubblica comprendeva un terzo della toscana. La fine della Repubblica Senese, forse l'unico Stato occidentale ad attuare una democrazia pura a favore del popolo, avvenne il 25 aprile 1555, quando la città, dopo un assedio di oltre un anno, dovette arrendersi stremata dalla fame, all'impero di Carlo V, spalleggiato dai fiorentini, che cedette in feudo il territorio della Repubblica ai Medici, Signori di Firenze, per ripagarli delle spese sostenute durante la guerra. Per l'ennesima volta i cittadini senesi riuscirono a tenere testa ad un imperatore, che solo grazie alle proprie smisurate risorse poté piegare la fiera resistenza di questa piccola Repubblica e dei suoi cittadini.

Dopo la caduta della Repubblica pochi senesi guidati peraltro dall'esule fiorentino Piero Strozzi, non volendo accettare la caduta della Repubblica, si rifugiarono in Montalcino, creando la Repubblica di Siena riparata in Montalcino, mantenendo l'alleanza con la Francia, che continuò ad esercitare il proprio potere sulla parte meridionale del territorio della Repubblica, creando notevoli problemi alle truppe degli odiati fiorentini. Essa visse fino al 31 maggio del 1559 quando fu tradita dagli alleati francesi, che Siena aveva sempre sostenuto, che concludendo la pace di Cateau-Cambrésis con l'imperatore Carlo V, cedettero di fatto la Repubblica ai fiorentini.

Lo stemma di Siena è detto "balzana". È uno scudo diviso in due porzioni orizzontali: quella superiore è bianca, quella inferiore nera,con la Lupa che allatta Senio e Ascanio. Secondo la leggenda, starebbe a simboleggiare il fumo nero e bianco scaturito dalla pira augurale che i leggendari fondatori della città, Senio e Ascanio, figli di Remo, avrebbero acceso per ringraziare gli dei dopo la fondazione della città di Siena. Un'altra leggenda riporta che la balzana derivi dai colori dei cavalli, uno bianco ed uno nero, che Senio e Ascanio usarono nella fuga dallo zio Romolo che li voleva uccidere e con i quali giunsero a Siena. Per il loro presunto carattere focoso che, si dice, rasenta la pazzia, anche i senesi sono definiti spesso "balzani".

 

Siena (em português também conhecida como Sena) é uma cidade e sede de comuna italiana na região da Toscana, província do mesmo nome, com cerca de 52.775 (ISTAT 2003) habitantes. Estende-se por uma área de 118 km2, tendo uma densidade populacional de 447 hab/km2. Faz fronteira com Asciano, Castelnuovo Berardenga, Monteriggioni, Monteroni d'Arbia e Sovicille.

Siena é universalmente conhecida pelo seu património artístico e pela notável unidade estilística do seu centro histórico, classificado pela UNESCO como Património da Humanidade.

Segundo a mitologia romana, Siena foi fundada por Sénio, filho de Remo, e podem-se encontrar numerosas estátuas e obras de arte mostrando, tal como em Roma, os irmãos amamentados pela loba. Foi um povoamento etrusco e depois colónia romana (Saena Julia) refundada pelo imperador Augusto. Era, contudo, uma pequena povoação, longe das rotas principais do Império. No século V, torna-se sede de uma diocese cristã.

As antigas famílias aristocráticas de Siena reclamam origem nos Lombardos e à data da submissão da Lombardia a Carlos Magno (774). A grande influência da cidade como pólo cultural, artístico e político é iniciada no século XII, quando se converte num burgo autogovernado de cariz republicano, substituindo o esquema feudal.

Todavia, o esquema político conduziu sempre a lutas internas entre nobres e externas com a cidade rival de Florença. Data do século XIII a ruptura entre as facções rivais dos Guibelinos de Siena e dos Guelfos de Florença, que seria argumento para a Divina Comédia de Dante.

Em 4 de Setembro de 1260, os Guibelinos apoiaram as forças do rei Manfredo da Sicília e derrotaram os Guelfos em Montaperti, que tinham um exército muito superior em armas e homens. Antes da batalha, toda a cidade fora consagrada à Virgem Maria e confiada à sua protecção. Hoje, essa protecção é recordada e renovada, lembrando os sienenses da ameaça dos aliados da Segunda Guerra Mundial de bombardearam a cidade em 1944, o que felizmente não veio a acontecer.

Siena rivalizou no campo das artes durante o período medieval até o século XIV com as cidades vizinhas. Porém, devastada em 1348 pela Peste Negra, nunca recuperou o seu esplendor, perdendo também a sua rivalidade interurbana com Florença. A Siena actual tem um aspecto muito semelhante ao dos séculos XIII-XIV. Detém uma universidade fundada em 1203, famosa pelas faculdades de Direito e Medicina, e que é uma das mais prestigiadas universidades italianas.

Em 1557 perde a independência e é integrada nas formações políticas e administrativas da Toscana.

Siena também deu vários Papas, sendo eles: Alexandre III, Pio II, Pio III e Alexandre VII.

Os dois grandes santos de Siena são Santa Catarina (1347-1380) e São Bernardino (1380-1444). Catarina Benincasa, filha de um humilde tintureiro, fez-se irmã na Ordem Terceira dominicana (para leigos)e viveu como monja na casa dos pais. É famosa pelo intercâmbio interior com o próprio Cristo, que num êxtase lhe disse: "Eu sou aquele que é e tú és aquela que não é". Apesar da origem modesta, influenciou papas e príncipes com sua sabedoria e seu exemplo, conseguindo inclusive convencer o papa de então, contra a maioria dos cardeais, a regressar a Roma do exílio de Avinhon na França. Quanto ao franciscano São Bernardino, ele é célebre por ter sido o maior expoente, no Catolicismo, da via espiritual de invocação do Nome Divino, que encontra similares em todas as grandes religiões, do Budismo (nembutsu) ao Islã ([[dhikr]]) e ao Hinduísmo (mantra). Os sermões que Bernbardino fez na praça central de Siena provocaram tal fervor religioso e devoção ao nome de Jesus que o conselho municipal decidiu colocar o monograma do nome de Jesus (composto pelas letras IHS, significando "Jesus salvador dos homens")na fachada do prédio do governo. Do mesmo modo, muitos cidadãos o pintaram sobre as fachadas de suas casas, como até hoje se pode ver na cidade.

  

Siena also widely spelled Sienna in English) is a city in Tuscany, Italy. It is the capital of the province of Siena.

The historic centre of Siena has been declared by UNESCO a World Heritage Site. It is one of the nation's most visited tourist attractions, with over 163,000 international arrivals in 2008.[1] Siena is famous for its cuisine, art, museums, medieval cityscape and the palio.

Siena, like other Tuscan hill towns, was first settled in the time of the Etruscans (c. 900–400 BC) when it was inhabited by a tribe called the Saina. The Etruscans were an advanced people who changed the face of central Italy through their use of irrigation to reclaim previously unfarmable land, and their custom of building their settlements in well-defended hill-forts. A Roman town called Saena Julia was founded at the site in the time of the Emperor Augustus. The first document mentioning it dates from AD 70. Some archaeologists assert that Siena was controlled for a period by a Gaulish tribe called the Saenones.

The Roman origin accounts for the town's emblem: a she-wolf suckling infants Romulus and Remus. According to legend, Siena was founded by Senius, son of Remus, who was in turn the brother of Romulus, after whom Rome was named. Statues and other artwork depicting a she-wolf suckling the young twins Romulus and Remus can be seen all over the city of Siena. Other etymologies derive the name from the Etruscan family name "Saina," the Roman family name of the "Saenii," or the Latin word "senex" ("old") or the derived form "seneo", "to be old".

Siena did not prosper under Roman rule. It was not sited near any major roads and lacked opportunities for trade. Its insular status meant that Christianity did not penetrate until the 4th century AD, and it was not until the Lombards invaded Siena and the surrounding territory that it knew prosperity. After the Lombard occupation, the old Roman roads of Via Aurelia and the Via Cassia passed through areas exposed to Byzantine raids, so the Lombards rerouted much of their trade between the Lombards' northern possessions and Rome along a more secure road through Siena. Siena prospered as a trading post, and the constant streams of pilgrims passing to and from Rome provided a valuable source of income in the centuries to come.

The oldest aristocratic families in Siena date their line to the Lombards' surrender in 774 to Charlemagne. At this point, the city was inundated with a swarm of Frankish overseers who married into the existing Sienese nobility and left a legacy that can be seen in the abbeys they founded throughout Sienese territory. Feudal power waned however, and by the death of Countess Matilda in 1115 the border territory of the Mark of Tuscia which had been under the control of her family, the Canossa, broke up into several autonomous regions.

Siena prospered as a city-state, becoming a major centre of money lending and an important player in the wool trade. It was governed at first directly by its bishop, but episcopal power declined during the 12th century. The bishop was forced to concede a greater say in the running of the city to the nobility in exchange for their help during a territorial dispute with Arezzo, and this started a process which culminated in 1167 when the commune of Siena declared its independence from episcopal control. By 1179, it had a written constitution.

This period was also crucial in shaping the Siena we know today. It was during the early 13th century that the majority of the construction of the Siena Cathedral (Duomo) was completed. It was also during this period that the Piazza del Campo, now regarded as one of the most beautiful civic spaces in Europe, grew in importance as the centre of secular life. New streets were constructed leading to it, and it served as the site of the market and the location of various sporting events (perhaps better thought of as riots, in the fashion of the Florentine football matches that are still practised to this day). A wall was constructed in 1194 at the current site of the Palazzo Pubblico to stop soil erosion, an indication of how important the area was becoming as a civic space.

In the early 12th century a self-governing commune replaced the earlier aristocratic government. The consuls who governed the republic slowly became more inclusive of the poblani, or common people, and the commune increased its territory as the surrounding feudal nobles in their fortified castles submitted to the urban power. Siena's republic, struggling internally between nobles and the popular party, usually worked in political opposition to its great rival, Florence, and was in the 13th century predominantly Ghibelline in opposition to Florence's Guelph position (this conflict formed the backdrop for some of Dante's Commedia).

On 4 September 1260 the Sienese Ghibellines, supported by the forces of King Manfred of Sicily, defeated the Florentine Guelphs in the Battle of Montaperti. Before the battle, the Sienese army of around 20,000 faced a much larger Florentine army of around 33,000. Prior to the battle, the entire city was dedicated to the Virgin Mary (this was done several times in the city's history, most recently in 1944 to guard the city from Allied bombs). The man given command of Siena for the duration of the war, Bonaguida Lucari, walked barefoot and bareheaded, a halter around his neck, to the Duomo. Leading a procession composed of all the city's residents, he was met by all the clergy. Lucari and the bishop embraced, to show the unity of church and state, then Lucari formally gave the city and contrade to the Virgin. Legend has it that a thick white cloud descended on the battlefield, giving the Sienese cover and aiding their attack. The reality was that the Florentine army launched several fruitless attacks against the Sienese army during the day, then when the Sienese army countered with their own offensive, traitors within the Florentine army killed the standard bearer and in the resulting chaos, the Florentine army broke up and fled the battlefield. Almost half the Florentine army (some 15,000 men) were killed as a result. So crushing was the defeat that even today if the two cities meet in any sporting event, the Sienese supporters are likely to exhort their Florentine counterparts to “Remember Montaperti!”.

The limits on the Roman town, were the earliest known walls to the city. During the 10th and 11th centuries, the town grew to the east and later to the north, in what is now the Camollia district. Walls were built to totally surround the city, and a second set was finished by the end of the 13th century. Much of these walls still exist today.[2]

Siena's university, founded in 1240 and famed for its faculties of law and medicine, is still among the most important Italian universities. Siena rivalled Florence in the arts throughout the 13th and 14th centuries: the important late medieval painter Duccio di Buoninsegna (1253–1319) was a Sienese, but worked across the peninsula, and the mural of "Good Government" by Ambrogio Lorenzetti in the Palazzo Pubblico, or town hall, is a magnificent example of late-Medieval/early Renaissance art as well as a representation of the utopia of urban society as conceived during that period. Siena was devastated by the Black Death of 1348, and also suffered from ill-fated financial enterprises. In 1355, with the arrival of Charles IV of Luxembourg in the city, the population rose and suppressed the government of the Nove (Nine), establishing that Dodici (Twelve) nobles assisted by a council with a popular majority. This was also short-lived, being replaced by the Quindici (Fifteen) reformers in 1385, the Dieci (Ten, 1386–1387), Undici (Eleven, 1388–1398) and Twelve Priors (1398–1399) who, in the end, gave the city's seigniory to Gian Galeazzo Visconti of Milan in order to defend it from the Florentine expansionism.

In 1404 the Visconti were expelled and a government of Ten Priors established, in alliance with Florence against King Ladislas of Naples. With the election of the Sienese Pius II as Pope, the Piccolomini and other noble families were allowed to return to the government, but after his death the control returned into popular hands. In 1472 the Republic founded the Monte dei Paschi, a bank that is still active today and is the oldest surviving bank in the world. The noble factions returned in the city under Pandolfo Petrucci in 1487, with the support of Florence and of Alfonso of Calabria; Petrucci exerted an effective rule on the city until his death in 1512, favouring arts and sciences, and defending it from Cesare Borgia. Pandolfo was succeeded by his son Borghese, who was ousted by his cousin Raffaello, helped by the Medici Pope Leo X. The last Petrucci was Fabio, exiled in 1523 by the Sienese people. Internal strife resumed, with the popular faction ousting the Noveschi party supported by Clement VII: the latter sent an army, but was defeated at Camollia in 1526. Emperor Charles V took advantage of the chaotic situation to put a Spanish garrison in Siena. The citizens expelled it in 1552, allying with France: this was unacceptable for Charles, who sent his general Gian Giacomo Medici to lay siege to it with a Florentine-Imperial army.

The Sienese government entrusted its defence to Piero Strozzi. When the latter was defeated at the Battle of Marciano (August 1554), any hope of relief was lost. After 18 months of resistance, it surrendered to Spain on 17 April 1555, marking the end of the Republic of Siena. The new Spanish King Philip, owing huge sums to the Medici, ceded it (apart a series of coastal fortress annexed to the State of Presidi) to the Grand Duchy of Tuscany, to which it belonged until the unification of Italy in the 19th century. A Republican government of 700 Sienese families in Montalcino resisted until 1559.

The picturesque city remains an important cultural centre, especially for humanist disciplines

FIRENZE NELL’ IMMAGINARIO DELLA LETTERATURA ITALIANA: DANTE

 

Dal sito web: www.mlt.it/collegamenti/terza/italian3/saggio3/Svolgiment...

    

Nel VI canto dell’Inferno Dante incontra Ciacco, un golosone, di Firenze. Dante gli mette in bocca queste parole:

   

“.……….La tua città, ch’è piena

 

d’invidia sì che già trabocca il sacco,

 

seco mi tenne in la vita serena

 

(Inf., VI, vv. 49-51)

   

Ciacco è vissuto a Firenze, città piena d’invidia, cioè faziosa per le lotte tra guelfi e ghibellini, bianchi e neri per la conquista della supremazia politica. Dante gli chiede come mai la città sia così divisa e quale sarà l’esito di queste discordie, se è rimasto qualche giusto al di sopra delle parti e come mai sono nate queste contese fra i cittadini. Ciacco gli risponde:

   

“……….Dopo lunga tencione

 

verranno al sangue, e la parte selvaggia [i Bianchi che fanno capo ai Cerchi]

 

caccerà l’altra [i Neri capeggiati dai Donati] con molta offensione.

 

…..

 

Giusti son due, e non vi sono intesi: [non hanno seguito]

 

superbia, invidia e avarizia sono

 

le tre faville, c’hanno i cuori accesi:”

 

(Inf. , VI, vv. 64-75)

   

Queste sono le tre colpe che Dante imputa alla sua città: l’arroganza del potere, l’invidia che alimenta la discordia civile, l’avarizia della cupidigia dei mercanti.

 

La condanna di Dante contro i facili guadagni dei fiorentini che spendono e spandono grazie all’usura e al commercio investe soprattutto la “gente nuova”, venuta su dal nulla, arrogante, e in gran parte immigrata di recente nella città dal contado:

   

“La gente nuova e i subiti guadagni

 

orgoglio e dismisura han generata,

 

Fiorenza, in te, sì che tu già ten piagni”.

 

(Inf. XVI, vv. 73-75)

   

Anche nel Paradiso Dante martella su Firenze, città del vizio e della corruzione: Firenze, pianta di Lucifero, colui che si ribellò a Dio e la cui invidia fu causa del peccato originale e del pianto dell'umanità, produce il fiorino - il "maledetto fiore" dal giglio impresso sulle monete - che ha traviato il gregge dei cristiani, trasformando i pastori in lupi. E qui si allude alla corruzione ecclesiastica:

   

La tua città, che di colui [Lucifero] è pianta

 

che pria volse le spalle al suo fattore [Dio]

 

e di cui è la 'nvidia tanto pianta,

 

produce e spande il maledetto fiore

 

c'ha disviate le pecore e li agni,

 

però che fatto ha lupo del pastore.

 

(Par., IX, vv. 127-132)

   

Dante sferza anche il malcostume delle donne fiorentine che vanno in chiesa tutte scollacciate con le tette di fuori, tanto che prima o poi questa moda licenziosa verrà repressa.

   

Tempo futuro m’è già nel cospetto,

 

...

 

nel qual sarà in pergamo [dai pulpiti delle chiese] interdetto

 

a le sfacciate donne fiorentine

 

l’andar mostrando con le poppe il petto.

 

(Purg., XXIII, vv. 97-102)

   

Nel Paradiso, per bocca di Cacciaguida, Dante fa l'elogio della Firenze antica, quella ancora compresa entro la prima cerchia di mura, costruite ai tempi di Carlomagno. E' una Firenze ideale quella che Cacciaguida delinea, una rappresentazione dell' utopia politica di Dante, che qui sembra respingere la rivoluzione economica e sociale che era avvenuta durante il XIII secolo e sembra guardare al passato. Egli si rende conto della forza di corruzione e di stravolgimento dei valori di una società fondata sul denaro e disegna una società civile in cui l'onore, l'onestà, la fedeltà, l'amore permangono in tutta la loro pienezza. Nella Firenze antica non erano ancora penetrati i costumi depravati e corrotti dalla lussuria, simboleggiati da Sardanapalo (il re degli Assiri dedito a ogni vizio) e la città, così come appare dal belvedere del monte Uccellatoio, non aveva ancora superato la magnificenza di Roma che si vede dall'alto di Monte Mario.

   

Fiorenza dentro de la cerchia antica,

 

....

 

si stava in pace, sobria e pudica.

 

Non avea catenella [ornamenti], non corona,

 

non gonne contigiate [preziose], non cintura

 

non v'era giunto ancor Sardanapalo

 

a mostrar ciò che 'n camera si puote [lussuria sfrenata]

 

Non era vinto ancor Montemalo

 

dal vostro Uccellatoio ...

 

(Par., XV, vv. 97-110)

   

Tra gli epicurei Dante incontra Farinata degli Uberti, che intuisce dalla parlata che Dante è di Firenze. Farinata, ghibellino, quando prevalsero i guelfi fu cacciato. In questi versi nell’accenno alla “nobil patria” traspare l’attaccamento e la nostalgia dell’esule, in cui forse Dante si identifica.

   

“La tua loquela ti fa manifesto

 

di quella nobil patria natio

 

a la qual forse fui troppo molesto.”

 

(Inf., X, vv. 25-27)

   

Da Cacciaguida, il trisavolo di Dante, il poeta ha la profezia dell'esilio. Nel 1302 gli viene comminata in contumacia la sentenza: Dante era a Roma. A Firenze ai Bianchi subentrano i Neri appoggiati da Bonifacio VIII. Dante non tornerà più a Firenze: muore a Ravenna, in esilio, nel 1321.

   

..........................di Fiorenza partir ti convene.

 

Questo si vuole e questo già si cerca,

 

e tosto verrà fatto a chi [Bonifacio VIII] a chi ciò pensa

 

là dove Cristo tutto dì si merca. [Roma sede del papato]

 

.......

 

Tu lascerai ogne cosa diletta

 

più caramente; e questo è quello strale [freccia]

 

che l'arco de lo essilio pria saetta.

 

Tu proverai sì come sa di sale

 

lo pane altrui, e come è duro calle [cammino]

 

lo scender e 'l salir per l'altrui scale.

 

(Par., XVII, vv. 48-60)

   

Dante era nato nel 1265 a Firenze, la la più importante fra le città poste sull’Arno, e il posto più bello del mondo nel cuore del poeta:

   

……..”I’ fui nato e cresciuto

 

sovra ‘l bel fiume d’Arno a la gran villa,

 

(Inf., XXIII, vv. 94-95)

   

L’amore/odio di Dante per questa sua città traspare nelle parole di Farinata quando rammenta che dopo la vittoria di Montaperti i ghibellini volevano distruggere Firenze e lui fu l’unico che la difese.

   

“Ma fu’ io solo, là dove sofferto [tollerato]

 

fu per ciascun di tòrre via Fiorenza,

 

colui che la difese a viso aperto”.

 

(Inf., X, vv. 91-93)

   

L’amore/odio di Dante per la sua città esplode nell’invettiva contro Firenze nell’incipit del XXVI canto dell’Inferno in un misto di doloroso sarcasmo per la fama delle colpe dei suoi concittadini ladroni che riempiono le bolge infernali:

   

Godi, Fiorenza, poi che se’ sì grande

 

che per mare e per terra batti l’ali,

 

e per lo ‘nferno tuo nome si spande!

 

Tra li ladron trovai cinque cotali

 

tuoi cittadini onde mi ven vergogna,

 

e tu in grande orranza non ne sali.

 

Inf., XXVI, vv. 1-6)

   

Nel VI canto del Purgatorio Dante ritorna a parlare di Firenze, “Fiorenza mia”, e nel possessivo c’è tutto l’affetto trattenuto e la pietà segreta per le condizioni della sua patria. Indignazione, ironia e sarcasmo traspaiono da questi versi:

   

Fiorenza mia, ben puoi esser contenta

 

di questa digression che non ti tocca,

 

mercè del popol tuo che si argomenta. [grazie al tuo popolo che fà di tutto per non meritarsi accuse]

 

Molti han giustizia in cuore, e tardi scocca

 

per non venir sanza consiglio a l’arco; [altre città ritardano a manifestare il loro senso di giustizia]

 

ma il popol tuo l’ha in sommo de la bocca. [Firenze ha sempre la giustizia sulle labbra]

 

Molti rifiutan lo comune incarco; [gli incarichi pubblici]

 

ma il popol tuo sollicito risponde: “I’ mi sobbarco!”

 

Or ti fa lieta, chè tu hai ben onde:

 

tu ricca, tu con pace, e tu con senno!

 

(Purg., VI, vv. 127-136)

   

La passione politica di Dante è testimoniata dalla sua vita spesa nell'attività politica proprio a Firenze, fino a quando fu costretto all'esilio. Dante, guelfo di parte bianca, era favorevole a una gestione autonoma dall'ingerenza papale e dagli interessi mercantili del popolo "grasso". Quando la lotta fra Bianchi e Neri (legati al papa) si tramutò in un braccio di ferro tra Bonifacio VIII e la città di Firenze, Dante recitò un ruolo di primo piano: eletto tra i sei priori, la massima magistratura del comune, diede prova di grande imparzialità e fermezza, deliberando la condanna al confino dei membri più intransigenti delle due fazioni, tra cui figurava anche l'amico Guido Cavalcanti.

 

inauguré en 1942 pour remplacer le "ponte dei Fiorentini", qui était réservé aux piétons. Il a trois arches pour une longueur de 109 m

See :-))

www.youtube.com/watch?v=y8L47Nyu1mg&feature=related

 

In Piazza della Signoria, si erge la plastica Fontana di Piazza o del Nettuno, realizzata da Bartolomeo Ammannati e aiuti (1563-1575)

A causa dell'enorme mole bianca della statua ,i Fiorentini l'hanno ribattezzata con il nomignolo di "Biancone" :-)

Sono arrivato a Grosseto alle 16:20 dopo 25 ore di viaggio e una notte insonne. Mi sono fermato alla Coop per comprare un po' di provviste e mi sono fiondato a casa per una mega doccia, ho fatto la lavatrice, un piatto di pasta e mi sono messo a trascrivere questo diario. Non riuscivo a dormire, ero troppo eccitato dal viaggio e dal ricordo dei giorni precedenti.

Ho riguardato le foto e non sono soddisfatto perchè non rendono l'idea, ma ripensandoci è stato un viaggio che non aveva velleità fotografiche, poi penso che stavolta sia più importante il ricordo e la parola scritta che l'immagine, spesso simile a tante altre viste sul web: questo è il Camino e i luoghi sono uguali per tutti quelli che lo percorrono, cambia solo il modo di viverlo che è diverso per ciascuno.

Ho visto il sole che dava colori e ombre ad un paesaggio che cambiava spesso, ho visto tante facce, tanti sorrisi e qualche pianto dovuto alla spossatezza, tanti occhi, tante gambe, tante impronte nella polvere, ho visto le cicogne e i falchi che insegnavano a volare ai propri piccoli, ho visto la luce abbagliante dei campi di grano e il buio dei boschi di eucalipto, la Via Lattea e una stella cadente.

Ho udito il suono della sveglia che mi dava il buongiorno con "Kiss from a rose" strumentale di Seal e il russare ritmico di chi invece preferiva dormire, le varie lingue nella babele degli albergues e nonostante tutto ci si capiva, ganassa milanesi sia costruiti che autentici, fiorentini, baschi, inglesi, romagnoli, francesi, tedeschi, slovacchi, spagnoli e a volte tutto questo tutto insieme; ho sentito il vento che muoveva le foglie o sibilava da una finestra, vari richiami di uccelli, bambini che giocavano in strada, cani, mucche, pecore, cavalli, asini, giovani ubriachi del sabato notte che salutavano noi pellegrini, il rumore dei passi nella polvere o sulle pietraie, domande, consigli, commenti, discorsi e riflessioni su quello che stavamo vivendo, giochi, interazioni. Tutto era comunicazione.

Ho stretto tante mani, ricevuto carezze fisiche e morali (spero di aver contraccambiato), massaggiato piedi e sentito la durezza dei calli sotto le dita, ho stretto bastoni e gli spallacci morbidi dello zaino, mi sono surriscaldato al sole per poi immergermi nelle acque gelide dei fiumi, ho sentito la fatica nelle gambe e il male ai piedi dopo una pietraia, e il sollievo di sentirsi all'ombra a fare due chiacchiere dopo una doccia aspettando l'ora di cena.

Ho assaggiato i sapori e i profumi della cucina castigliana e di quella gallega, il sapore salato del sudore e quello amaro della polvere e della sete, quello metallico dell'armonica a bocca e quello aromatico delle liquerizie, il fresco amarognolo della birra alla spina e il piccante di un piatto di spaghetti aglio olio e peperoncino fatto come Dio comanda. E il vino del Bierzo e della Rioja, che spettacolo!

Insomma, ho cercato di usare tutti i sensi e molto altro per diventare parte del Cammino e non soltanto uno che deve andare da qui a lì e intanto pensa ad altro, o fa altro. Un rischio che si corre è di arrivare in un posto e di non "ascoltarlo" ma di imporre se stessi a quel luogo. Questo rischio è maggiore se si è in tanti.

Quando arrivo in un posto nuovo mi piace starmene in silenzio ad osservare e ad ascoltare, spesso passo due o tre giorni quasi senza aprire bocca in cui non faccio altro che assorbire tutto ciò che percepisco intorno a me. Non è niente di new-age, è lo stesso comportamento che userei nei confronti di una persona che non conosco, in genere inizio con l'ascoltare ciò che uno ha da dirmi, per conoscersi bisogna ascoltare chi parla di sè.

Mi ritengo una persona piuttosto pallosa, non sono un tipo goliardico (o forse dipende dalle situazioni)... per questo mi piace fotografare, perchè prima bisogna osservare bene e capire ciò che una situazione può offrire, poi si cerca di catturarne l'essenza.

Detto questo fate il Camino, non fatevi spaventare dai chilometri o dalla fatica o dalla possibilità di farvi del male, è davvero un'esperienza che chiunque può fare e non ha controindicazioni. Vi darà molto più di ciò che pensate.

1 3 4 5 6 7 ••• 79 80