new icn messageflickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged e-126

THANKS FOR YOUR VISIT AND FAVES

ON THE REACTIONS I WILL TRY TO RESPOND BACK

 

Windpark Noordoostpolder is een Nederlands windturbinepark in aanbouw. Het moet het grootste van Nederland worden en verrijzen aan de IJsselmeerdijk in de gemeente Noordoostpolder, provincie Flevoland. De 86 turbines met een vermogen van 3,6-8 MW, die zowel achter de dijken als in het water komen te staan, zullen een tiphoogte hebben van 190 meter, hoger dan de Euromast. Het windpark heeft 916 miljoen subsidie toegezegd gekregen. Het plan, genaamd 'Windenergie langs de dijken van de Noordoostpolder', is een zogenoemd rijksinpassingsplan en vindt zijn grondslag in de Crisis- en herstelwet. De turbines komen op 1,6 km afstand te staan van buurgemeente Urk, van waaruit veel maatschappelijke weerstand tegen het park ontstond.

 

Het windpark Noordoostpolder zal aan ruim 400.000 huishoudens energie kunnen leveren. In het windpark waren oorspronkelijk 93 windturbines gepland; ondertussen is dit, ten behoeve van een grotere afstand tot de historische kern Urk, teruggebracht tot 86. Van die 86 turbines hebben er 38 een binnendijkse plaatsing en komen er 48 in het IJsselmeer te staan. Het windpark bestaat dus uit zowel binnendijks als buitendijks opgestelde turbines. De buitendijkse de turbines zullen worden geleverd door Siemens en hebben een nominaal vermogen van 3,6 MW.

 

De binnendijkse turbines krijgen een nominaal vermogen van 7,5 MW. Voor 26 windmolens die in de buurt van woningen geplaatst worden, zal volgens de ontwerpvergunning een geluidslimiet gedurende de nacht gaan gelden. De maximum wingtiphoogte (de afstand tussen de basis van de molen en het uiteinde van een wiek als deze recht boven de mast staat) van de turbines bedraagt 135 m en blijft aldus binnen het in de meeste Europese landen gehanteerde maximum voor op het land geplaatste windenergie-installaties. De maximale rotatiesnelheid bij de maximale productie van 7,58 MW bedraagt 11,7 rotaties per minuut, dat is meer dan 5 seconde per omwenteling. De beoogde E-126-turbine van Enercon is recordhouder wat betreft trage rotatie bij maximum vermogen.

----------------------------------------------------------------------------------------

Northeast wind farm is a Dutch wind farm under construction. It should be the largest in the Netherlands and rise to the IJsselmeerdijk in the municipality Noordoostpolder, Flevoland Province. The 86 turbines with a capacity of 3.6 to 8 MW, both behind the dikes as appear in the water, will have a tip height of 190 meters, higher than the Euromast. The wind farm has been promised 916 million grant. The plan, called "Wind along the dikes of the Northeast, is a so-called National Integration Plan and its basis in the Crisis and Recovery. The turbines will stand at 1.6 km away from neighboring municipality of Urk, from which emerged many social resistance to the park.

 

The Northeast wind farm will be able to supply more than 400,000 households energy. In the wind farm were originally planned 93 wind turbines; Meanwhile, this is the benefit of a greater distance from the historic center of Urk, reduced to 86. Of the 86 turbines have 38 an inner dike placement and come 48 to stand in the IJsselmeer. The wind farm is therefore composed of both inside and outside the dikes drawn turbines. The outer dike the turbines will be supplied by Siemens and have a rated power of 3.6 MW.

 

The inner dike turbines have a rated power of 7.5 MW. For 26 wind turbines that are placed near homes, according to the draft permit will be subject to noise limits go overnight. The maximum wingtiphoogte (the distance between the base of the mill and the tip of a vane as this right above the mast state) of the turbine is 135 m, and thus remains on the land positioned wind power within the maximum used in most European countries installations. The maximum rotational speed at the maximum output of 7.58 MW is 11.7 rotations per minute, which is more than 5 seconds per revolution. The proposed E-126 turbine from Enercon's record for slow rotation at maximum power.

  

20190602_hochsteinchen_0403

Riparte dalla stazione di Pisogne l'ATR115.008 diretto a Brescia con il RE63 dopo aver incorciato il R52 diretto a Breno formato da due ALn668 in livrea TN inquadranti un rimorchietto B68.

Sul terzo binario è ricoverato il materiale del R1050 formato dalle due anziane ALn668 124 e 126 in quadranti due rimorchietti B68 in attesa di rientrare al DL di Iseo

 

www.trainpixel.com

Dopo poco più di 8 anni dalla riapertura (giugno 2010), sulla breve tratta Bornato/Calino - Rovato Borgo, ramo della Brescia-Bornato-Iseo-Edolo), col cambio orario di dicembre calerà (nuovamente) il sipario sul servizio regolare.

Difatti, per scelta di Trenord, il servizio ferroviario, causa ridotta affluenza di passeggeri, sarà sostituito da autobus.

 

Tale scelta di riduzione del servizio potrebbe (usiamo il condizionale) sancire anche il ritiro dal servizio regolare delle ultime due automotrici ALn668 della serie 120 (122 e 126) ancora in servizio.

 

Nella fotografia, la ALn668.122 ha appena lasciato gli ultimi scambi di uscita della stazione di Rovato Borgo e procede verso il lago d'Iseo.

Ferie di agosto anche per il De520.01 e le automotrici ALn668.122 e 126.

Le automotrici hanno passato tutto il mese di agosto e i primi giorni di settembre di fatto accantonate a Pisogne in quanto fuori turno (ad agosto l'orario prevede molti meno treni) e senza posto disponibile all'interno del deposito di Iseo a causa della presenza provvisoria degli ingombranti Atr125. Il De520 invece ha sostato un mesetto anche lui a Pisogne in attesa dell'inoltro in officina di Iseo per alcuni lavori...

This African Wild Dog was photographed in the wild in the riverbed of the Sabieriver in the Kruger National Park.

 

The African Wild Dog (Lycaon pictus) is a canid native to Sub-Saharan Africa. It is the largest of its family in Africa, and the only member of the genus Lycaon, which is distinguished from Canis by its fewer toes and dentition, which is highly specialised for a hypercarnivorous diet. It is classed as endangered by the IUCN, as it has disappeared from much of its original range. The current population has been estimated at roughly 39 subpopulations containing 6,600 adults, only 1,400 of which are fully grown. The decline of these populations is ongoing, due to habitat fragmentation, human persecution, and disease outbreaks. Source: en.wikipedia.org/wiki/Lycaon_pictus

 

E: #126 - 01-01-2015

Le linee d'osservazione avanzate, Zona del Montello 16 Giugno 1918. www.museovillapontello.it/home/diffuso/Montello-Piave-gra...

 

La notte del 15 giugno 1918 l'Austria lancia l'ultima grande offensiva, la barraglia del Solstizio (15-23 giugno 1918). Lo sforzo austriaco fu diretto con particolare accanimento contro il Montello nella cui zona era schierata la nostra 8a armata (corpi d’armata VIlI e XXVII), al comando del generale Pennella. Dopo breve, violento bombardamento, con l’aiuto di nebbie artificiali sparse sul fiume, le truppe del XXIV corpo d’armata austro-ungarico, rinforzate grandemente con artiglierie (700 pezzi e 126 lanciabombe) lo varcarono, e, travolte le nostre truppe di osservazione, puntarono rapidamente sulle prime linee; poco prima di mezzogiorno sfondavano quella detta « della corda » e prima di sera raggiungevano quella di cresta, toccando da una parte Casa Serena e Casa Stella, dall’altra Sorilla, Bavaria e Giavera. Nel pomeriggio nostri contrattacchi riuscivano a riprendere le località di Giavera e di Casa Serena; dappertutto, poi, si teneva testa all’avversario, dando tempo così al sopraggiungere di rinforzi, mediante i quali si riuscì ad impedire ogni ulteriore progresso nemico.

it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_del_solstizio

 

Gaspare Bovelli, che dovrebbe essere cugino di mio nonno Giacomo Bovelli, è stato arruolato nel 5° reggimento fanteria che fa parte della brigata Aosta, 66a divisione, 27° corpo d'armata.

La Brigata Aosta nei giorni della barraglia del Solstizio è in linea sul Montello. Gaspare Bovelli muore il 16 giugno a Giavera del Montello. www.storiaememoriadibologna.it/fanteria-5-e-6-reggimento-...

www.frontedelpiave.info/public/modules/Fronte_del_Piave_a...

it.wikipedia.org/wiki/5%C2%BA_Reggimento_fanteria_%22Aost...

 

Il 19 giugno 1938 viene inaugurato il Sacrario di Nervesa sul Montello, a ricordo dei vent’anni della battaglia del Solstizio, sul fronte del Piave. Nel Sacrario del Montello è sepolto Gaspare Bovelli, vengono riportate queste informazioni. Cognome e Nome (dal registro) Bovelli Gaspare - Grado (dal registro) Cap.le (caporale) - Corpo (dal registro) 5° Fant. - Data Morte (dal registro): 16/06/1918 - Luogo Morte (dal registro) Giavera T. 30 F.29° - N° Tomba 836.

www.pietrigrandeguerra.it/wp-content/uploads/2018/07/Sepo...

it.wikipedia.org/wiki/Sacrario_del_Montello

Incrocio delle ore ore 20:00 in stazione a Pisogne: sul binario 1 l'Atr115.002 che effettua il Re 78 per Edolo mentre sul 2 la solitaria Aln668.131 con il R 85 da Breno per Brescia. Sul 4 invece, causa mancanza di spazio disponibile nel periodo festivo presso il deposito iseano, sostano la De520.01 (ormai ex TreNord, in attesa di invio in officina) e le Aln668.122 e 126.

Horizontal-axis wind turbines (HAWT) have the main rotor shaft and electrical generator at the top of a tower, and must be pointed into the wind. Small turbines are pointed by a simple wind vane, while large turbines generally use a wind sensor coupled with a servo motor. Most have a gearbox, which turns the slow rotation of the blades into a quicker rotation that is more suitable to drive an electrical generator.

 

Since a tower produces turbulence behind it, the turbine is usually pointed upwind of the tower. Turbine blades are made stiff to prevent the blades from being pushed into the tower by high winds. Additionally, the blades are placed a considerable distance in front of the tower and are sometimes tilted up a small amount.

 

Downwind machines have been built, despite the problem of turbulence, because they don't need an additional mechanism for keeping them in line with the wind, and because in high winds, the blades can be allowed to bend which reduces their swept area and thus their wind resistance. Since turbulence leads to fatigue failures, and reliability is so important, most HAWTs are upwind machines.

 

Turbines used in wind farms for commercial production of electric power are usually three-bladed and pointed into the wind by computer-controlled motors. These have high tip speeds of up to six times the wind speed, high efficiency, and low torque ripple, which contribute to good reliability. The blades are usually colored light gray to blend in with the clouds and range in length from 65 to 130 feet (20 to 40 meters) or more. The tubular steel towers range from 200 to 300 feet (60 to 90 meters) tall. The blades rotate at 10-22 revolutions per minute. A gear box is commonly used to step up the speed of the generator, although designs may also use direct drive of an annular generator. Some models operate at constant speed, but more energy can be collected by variable-speed turbines which use a solid-state power converter to interface to the transmission system. All turbines are equipped with shut-down features to avoid damage at high wind speeds.

 

HAWT Advantages

 

Variable blade pitch, which gives the turbine blades the optimum angle of attack. Allowing the angle of attack to be remotely adjusted gives greater control, so the turbine collects the maximum amount of wind energy for the time of day and season.

The tall tower base allows access to stronger wind in sites with wind shear. In some wind shear sites, every 33 feet (10 meters) up, the wind speed can increase by 20% and the power output by 34%.

High efficiency, since the blades always move perpendicularly to the wind, receiving power through the whole rotation. In contrast, all vertical axis wind turbines, and most proposed airborne wind turbine designs, involve various types of reciprocating actions, requiring airfoil surfaces to backtrack against the wind for part of the cycle. Backtracking against the wind leads to inherently lower efficiency.

 

HAWT Disadvantages

 

The tall towers and blades up to 295 feet (90 meters) long are difficult to transport. Transportation can now cost 20% of equipment costs.

Tall HAWTs are difficult to install, needing very tall and expensive cranes and skilled operators.

Massive tower construction is required to support the heavy blades, gearbox, and generator.

Reflections from tall HAWTs may affect side lobes of radar installations creating signal clutter, although filtering can suppress it.

Their height makes them obtrusively visible across large areas, disrupting the appearance of the landscape and sometimes creating local opposition.

Downwind variants suffer from fatigue and structural failure caused by turbulence when a blade passes through the tower's wind shadow (for this reason, the majority of HAWTs use an upwind design, with the rotor facing the wind in front of the tower).

HAWTs require an additional yaw control mechanism to turn the blades toward the wind.

 

Record-Holding Turbines

 

The world's largest turbines are manufactured by the Northern German companies Enercon and Repower. The Enercon E-126 delivers up to 6 MW, has an overall height of 650 feet (198 meters) and a diameter of 413 feet (126 meters). The Repower 5M delivers up to 5 MW, has an overall height of 600 feet (183 meters) and has a diameter of 413 feet (126 meters).

 

The turbine closest to the North Pole is a Nordex N-80 in Havøygavlen near Hammerfest, Norway. The ones closest to the South Pole are two Enercon E-30 in Antarctica, used to power the Australian Research Division's Mawson Station.

 

Matilda was a wind turbine located on Gotland, Sweden. It produced a total of 61.4 GWh (gigawatt-hours) in the 15 years it was active. That is more renewable energy than any other single wind power turbine had ever produced to that date. It was demolished on June 6, 2008.

 

The world's highest wind turbine is located in the Argentina Andes at 13,000 feet (4,100 meters) above sea level. It is a DeWind turbine type D8.2 (2000 kW/50 Hz). This turbine has a new drive train concept with a special torque converter, a Voith WinDrive, and a synchronous generator. It was put into operation in December 2007 and has supplied the local gold mine with electricity since then.

 

Selected and slightly-edited paragraphs from the Wikipedia article Wind Turbine. See the article for more information.

 

San Gorgonio Pass Wind Turbine Farm

 

20090204_0080a1_800x600ng

Eine der zwei aufgestellten Enercon E-126 Windkraftanlagen in Altenwerder. Sie zählen zu den leistungsstärksten Anlagen (jeweils 6 Megawatt) und mit einer Gesamthöhe von 198,5 Metern zu den höchsten Bauwerken der Hansestadt Hamburg (Quelle Wikipedia)

  

Hamburg Altenwerder, 15mm Fisheye, HDR aus 5 Aufnahmen

Strasburg Rail Road (SRC) 2 is at Strasburg, PA on Sunday, July 7, 2019. SRC) 2 is a “Dinkey” 10-ton Gasoline Plymouth Fate-Root-Heath built in 1930 aquired by SRC in 1984. It was used during construction of Holtwood and Safe Harbor dams. Former Safe Harbor Water & Power Corp. E-126; Pennsylvania Water & Power Co. 2

All'epoca la livrea bianco/blu sulle automotrici era ancora una novità, ma da questa foto pare il contrario: ecco in sosta nel piazzale del deposito di Iseo le - allora - uniche due automotrici nei nuovi colori (Aln668.131 e 126) e la Aln668.133 nella livrea bianco/verde.

 

(ISeo - 02 Marzo 2008)

As corujas são aves tímidas e discretas. Possuem os ouvidos desenvolvidos, bastante aguçados e olhos grandes e fixos. As aves de ordem strigiformes estão divididas em duas famílias e 126 espécies das quais 18 são encontradas no Brasil. As corujas levam fama de agourentas, pois as consideram pássaros de bruxas, mas os gregos consideravam a coruja uma ave de extrema sabedoria.

Con il sovraffollamento del DL e della stazione di Iseo, alcuni rotabili delle nord sono stati mandati in colonia estiva a Pisogne. E' il caso del DE 520.01 (ex DFG) e delle ALn668.122 e 126, ricoverate in un binario di scalo della stazione.

 

Pisogne (BS), 17 agosto 2011

Strasburg Rail Road No. 2, the Dinkey, had its gasoline engine warming up as SRC No. 90 pulled into the yard. According to the railroad's website, the 10-ton Plymouth Fate-Root-Heath was built in 1930 and used during construction at the Holtwood and Safe Harbor Dams on the Susquehanna River. It was delivered as Safe Harbor Water & Power Corp. # E-126 and left the dams as Pennsylvania Water & Power Co. #2.

Bus 1243 on Route M15 +Select Bus Service (2nd Ave & E 126 St / South Ferry)

2010 NovaBus LFS Artic

MTA - Metropolitan Transportation Authority

Both of the North County black top Engines, E 126 ( Santa Clarita ) and E 24 ( Palmdale )

A Kodak lançou duas câmeras sob o nome Mickey-Matic, com o tema Mickey Mouse.

Um deles foi introduzido em 1988 e é muito semelhante ao Kodak Gimini, ao Kodak Winner, ao Kodak Trimlite Instamatic 18, ao Kodak Kids Camera, à My First Camera e ao abortado Kodak Galactic.

O modelo posterior também levou 110 filmes, e é um Kodak Star 110 re-badged.

Nenhum destes deve ser confundido com o Mick-A-Matic, que é uma câmera não-Kodak para o formato de 126 filmes. Câmeras infantis para os formatos 110 e 126 eram relativamente comuns, devido à facilidade de carregamento.

 

Também conhecida como Xereta.

- Windfarm Potzneusiedl, Austria

- 2x Enercon E-126

- 7500kW

- 135m HH

- ø 126m

- photo taken 2012

Windkraftanlage in Hamburg-Altenwerder (nördlicher Turm)

de.wikipedia.org/wiki/E-126

Aktuell soll ein Windpark mit 5 gigantischen Windrädern (Typ E 126 mit 200 Meter Höhe) mitten in den Gemeindewäldern "Schächel" und "Hühnerkopf" errichtet werden.

www.kulturlandschaft-kohlbachtal.de/

 

Look @ Youtube.com --- Industriepark Soonwald - Die Rodung des Soonwaldes.......... Der Schächelwald zwischen Altenkirchen und Dittweiler in der Westpfalz / Wenn es nach den Gemeinderäten von Altenkirchen und Dittweiler geht wird es diesen Wald so nicht mehr lange geben . 2014 werden im Wald die Größten Windräder der Welt aufgestellt . 5 Windräder a 200 m hoch , 50m höher als der Kölner Dom , für jedes Windrad wird mindestens 1 ha Wald gerodet , ohne die Straßen die noch gebaut werden müssen . Die Heimat der dort lebenden Tier und Pflanzen wird zerstört . Nutzlose Windräder welche mit Subventionen unsere Stromkosten immer höher treiben , werden der Natur , Kulturgut und Erholung vorgezogen . Profit für einige Wenige und Zuzahlung für alle Anderen und Zerstörung der Natur im Landkreis Altenkirchen / Dittweiler ......... Diese Bilder und der Kommentar wiederspiegeln meine persönliche Meinung .

 

The Schächelwald between Altenkirchen and Dittweiler in the Western Palatinate / the municipal councils of Altenkirchen and Dittweiler want destroy this forest . 2014 established the largest wind turbines in the world in the forest. 5 wind turbines, 200 meters high, 50 meters higher than the Cologne Cathedral, for each wind turbine at least 1 ha of forest is cleared, without the roads have yet to be built. The home of the local fauna and flora is destroyed. Useless wind turbines with subsidies that drive our electricity costs ever higher, nature, cultural heritage and recreation are preferred. Profit for a few people and payment for all others and destruction of nature in the district of Altenkirchen / Dittweiler ......... These pictures and commentary reflect my personal opinion.

 

Copyright © 2016 Ruggero Poggianella Photostream

All rights reserved. Please, do not use my photos/videos without my written permission.

Please note that the fact that "this photo is public" doesn't mean it's public domain or a free “stock image”. Unauthorized use is strictly prohibited. If you wish to use any of my images for any reason/purpose please contact me for written permission.

 

FIAT Nuova 500 Giardiniera & Commerciale

Il 1960 è un anno ricco di novità per l'intera gamma FIAT. Nel mese di maggio viene allargata la gamma delle "500" con la versione Giardiniera, e "Commerciale" (tipo 120Z), quest’ultima caratterizzata dal tetto rigido con nervature di rinforzo e dall'assenza di superfici vetrate posteriori. La Giardiniera sarà l'unica variante di carrozzeria della "Nuova 500". GIARDINIERA O GIARDINETTA? Nome ufficiale Giardiniera, anche se il termine corretto è Giardinetta essendo stato coniato in campo automobilistico dalla carrozzeria Viotti per definire le vetture con le fiancate rifinite in legno. Giardiniera invece ha una origine più antica. La denominazione veniva usata per le carrozze scoperte trainate da cavalli aventi i sedili disposti lateralmente. Già da qualche tempo si avvertiva la mancanza della vecchia FIAT 500 C “Topolino” Belvedere, ciò che oggi chiameremmo station wagon o familiare. In verità l'esperimento era già stato tentato con la Multipla (600), prima monovolume della storia dell'automobile, che però si avvia ad una onorata carriera nel trasporto pubblico grazie alla sua ottima abitabilità per passeggeri ma con scarsa propensione al trasporto di bagaglio. L'ingombro e la sistemazione al posteriore del motore impedisce la costruzione di un vano di carico allungato.

Meccanica: Ancora una volta il genio del progettista, Dante Giacosa, è costretto a una completa revisione del progetto 500, escogitando una soluzione di grande interesse tecnico: il motore (sigla 120.000) da 499.5 cc e 17,5 cv a 4600 g/m, a sogliola (così chiamato per gli ingombri ridottissimi, i cilindri vengono ruotati di 90 gradi) può essere alloggiato interamente sotto il pianale di carico. Motore da 499 cc. Una scelta d'avanguardia, visto che su tutte le altre "familiari" per soddisfare le stesse esigenze, si è dovuto adottare inevitabilmente il motore anteriore. Il 120.000 può essere quindi considerato una unità completamente diversa dal 110.000, infatti le differenze costruttive sono evidenti partendo vista motore 120.000 senza carter dal carburatore orizzontale Weber 26 OC, dalla posizione dello spinterogeno e dell’ingresso per il rabbocco dell’olio motore. Essendo il motore "sdraiato" sul lato destro, la coppa dell'olio è integrata nel monoblocco e a differenza della testa della berlina, i condotti di scarico non sono laterali, questo permette ai gas di scarico di avere una fuoriuscita più diretta, infatti il disegno dei collettori e della marmitta risulta più regolare non facendo curve brusche come sulla 500 berlina. In aggiunta la nuova testata può permettersi alettature laterali molto più estese; la dissipazione di calore è più efficiente. Le valvole sono già dotate di due molle di richiamo, a differenza del 110 che le avrà in dotazione solo sull'aggiornamento 110F. L'intero circuito di raffreddamento del motore è ridisegnato con una nuova ventola che aspira l’aria attraverso le cavità ricavate nei montati e nella traversa posteriore. Dinamo potenziato a 230W e motorino di avviamento spostato in posizione abbassata, soluzione adottata successivamente sulle future 500 R e 126. Come anche l'ancoraggio del motore alla traversa posteriore. Con l'entrata in produzione della R, dal 1972 viene aggiornato l'impianto elettrico, spostato il comando idrostop al pedale del freno e i comandi plancia perdono l'interruttore luci quadro strumenti. La velocità massima raggiunta nelle prove su strada è risultata di oltre i 100 km/h, superiore a quello della Berlina!

Copyright © 2016 Ruggero Poggianella Photostream

All rights reserved. Please, do not use my photos/videos without my written permission.

Please note that the fact that "this photo is public" doesn't mean it's public domain or a free “stock image”. Unauthorized use is strictly prohibited. If you wish to use any of my images for any reason/purpose please contact me for written permission.

 

FIAT Nuova 500 Giardiniera & Commerciale

Il 1960 è un anno ricco di novità per l'intera gamma FIAT. Nel mese di maggio viene allargata la gamma delle "500" con la versione Giardiniera, e "Commerciale" (tipo 120Z), quest’ultima caratterizzata dal tetto rigido con nervature di rinforzo e dall'assenza di superfici vetrate posteriori. La Giardiniera sarà l'unica variante di carrozzeria della "Nuova 500". GIARDINIERA O GIARDINETTA? Nome ufficiale Giardiniera, anche se il termine corretto è Giardinetta essendo stato coniato in campo automobilistico dalla carrozzeria Viotti per definire le vetture con le fiancate rifinite in legno. Giardiniera invece ha una origine più antica. La denominazione veniva usata per le carrozze scoperte trainate da cavalli aventi i sedili disposti lateralmente. Già da qualche tempo si avvertiva la mancanza della vecchia FIAT 500 C “Topolino” Belvedere, ciò che oggi chiameremmo station wagon o familiare. In verità l'esperimento era già stato tentato con la Multipla (600), prima monovolume della storia dell'automobile, che però si avvia ad una onorata carriera nel trasporto pubblico grazie alla sua ottima abitabilità per passeggeri ma con scarsa propensione al trasporto di bagaglio. L'ingombro e la sistemazione al posteriore del motore impedisce la costruzione di un vano di carico allungato.

Meccanica: Ancora una volta il genio del progettista, Dante Giacosa, è costretto a una completa revisione del progetto 500, escogitando una soluzione di grande interesse tecnico: il motore (sigla 120.000) da 499.5 cc e 17,5 cv a 4600 g/m, a sogliola (così chiamato per gli ingombri ridottissimi, i cilindri vengono ruotati di 90 gradi) può essere alloggiato interamente sotto il pianale di carico. Motore da 499 cc. Una scelta d'avanguardia, visto che su tutte le altre "familiari" per soddisfare le stesse esigenze, si è dovuto adottare inevitabilmente il motore anteriore. Il 120.000 può essere quindi considerato una unità completamente diversa dal 110.000, infatti le differenze costruttive sono evidenti partendo vista motore 120.000 senza carter dal carburatore orizzontale Weber 26 OC, dalla posizione dello spinterogeno e dell’ingresso per il rabbocco dell’olio motore. Essendo il motore "sdraiato" sul lato destro, la coppa dell'olio è integrata nel monoblocco e a differenza della testa della berlina, i condotti di scarico non sono laterali, questo permette ai gas di scarico di avere una fuoriuscita più diretta, infatti il disegno dei collettori e della marmitta risulta più regolare non facendo curve brusche come sulla 500 berlina. In aggiunta la nuova testata può permettersi alettature laterali molto più estese; la dissipazione di calore è più efficiente. Le valvole sono già dotate di due molle di richiamo, a differenza del 110 che le avrà in dotazione solo sull'aggiornamento 110F. L'intero circuito di raffreddamento del motore è ridisegnato con una nuova ventola che aspira l’aria attraverso le cavità ricavate nei montati e nella traversa posteriore. Dinamo potenziato a 230W e motorino di avviamento spostato in posizione abbassata, soluzione adottata successivamente sulle future 500 R e 126. Come anche l'ancoraggio del motore alla traversa posteriore. Con l'entrata in produzione della R, dal 1972 viene aggiornato l'impianto elettrico, spostato il comando idrostop al pedale del freno e i comandi plancia perdono l'interruttore luci quadro strumenti. La velocità massima raggiunta nelle prove su strada è risultata di oltre i 100 km/h, superiore a quello della Berlina!

Aktuell soll ein Windpark mit 5 gigantischen Windrädern (Typ E 126 mit 200 Meter Höhe) mitten in den Gemeindewäldern "Schächel" und "Hühnerkopf" errichtet werden .

Somit wäre dieses Kleinod zerstört.

 

www.kulturlandschaft-kohlbachtal.de

Copyright © 2016 Ruggero Poggianella Photostream

All rights reserved. Please, do not use my photos/videos without my written permission.

Please note that the fact that "this photo is public" doesn't mean it's public domain or a free “stock image”. Unauthorized use is strictly prohibited. If you wish to use any of my images for any reason/purpose please contact me for written permission.

 

FIAT Nuova 500 Giardiniera & Commerciale

Il 1960 è un anno ricco di novità per l'intera gamma FIAT. Nel mese di maggio viene allargata la gamma delle "500" con la versione Giardiniera, e "Commerciale" (tipo 120Z), quest’ultima caratterizzata dal tetto rigido con nervature di rinforzo e dall'assenza di superfici vetrate posteriori. La Giardiniera sarà l'unica variante di carrozzeria della "Nuova 500". GIARDINIERA O GIARDINETTA? Nome ufficiale Giardiniera, anche se il termine corretto è Giardinetta essendo stato coniato in campo automobilistico dalla carrozzeria Viotti per definire le vetture con le fiancate rifinite in legno. Giardiniera invece ha una origine più antica. La denominazione veniva usata per le carrozze scoperte trainate da cavalli aventi i sedili disposti lateralmente. Già da qualche tempo si avvertiva la mancanza della vecchia FIAT 500 C “Topolino” Belvedere, ciò che oggi chiameremmo station wagon o familiare. In verità l'esperimento era già stato tentato con la Multipla (600), prima monovolume della storia dell'automobile, che però si avvia ad una onorata carriera nel trasporto pubblico grazie alla sua ottima abitabilità per passeggeri ma con scarsa propensione al trasporto di bagaglio. L'ingombro e la sistemazione al posteriore del motore impedisce la costruzione di un vano di carico allungato.

Meccanica: Ancora una volta il genio del progettista, Dante Giacosa, è costretto a una completa revisione del progetto 500, escogitando una soluzione di grande interesse tecnico: il motore (sigla 120.000) da 499.5 cc e 17,5 cv a 4600 g/m, a sogliola (così chiamato per gli ingombri ridottissimi, i cilindri vengono ruotati di 90 gradi) può essere alloggiato interamente sotto il pianale di carico. Motore da 499 cc. Una scelta d'avanguardia, visto che su tutte le altre "familiari" per soddisfare le stesse esigenze, si è dovuto adottare inevitabilmente il motore anteriore. Il 120.000 può essere quindi considerato una unità completamente diversa dal 110.000, infatti le differenze costruttive sono evidenti partendo vista motore 120.000 senza carter dal carburatore orizzontale Weber 26 OC, dalla posizione dello spinterogeno e dell’ingresso per il rabbocco dell’olio motore. Essendo il motore "sdraiato" sul lato destro, la coppa dell'olio è integrata nel monoblocco e a differenza della testa della berlina, i condotti di scarico non sono laterali, questo permette ai gas di scarico di avere una fuoriuscita più diretta, infatti il disegno dei collettori e della marmitta risulta più regolare non facendo curve brusche come sulla 500 berlina. In aggiunta la nuova testata può permettersi alettature laterali molto più estese; la dissipazione di calore è più efficiente. Le valvole sono già dotate di due molle di richiamo, a differenza del 110 che le avrà in dotazione solo sull'aggiornamento 110F. L'intero circuito di raffreddamento del motore è ridisegnato con una nuova ventola che aspira l’aria attraverso le cavità ricavate nei montati e nella traversa posteriore. Dinamo potenziato a 230W e motorino di avviamento spostato in posizione abbassata, soluzione adottata successivamente sulle future 500 R e 126. Come anche l'ancoraggio del motore alla traversa posteriore. Con l'entrata in produzione della R, dal 1972 viene aggiornato l'impianto elettrico, spostato il comando idrostop al pedale del freno e i comandi plancia perdono l'interruttore luci quadro strumenti. La velocità massima raggiunta nelle prove su strada è risultata di oltre i 100 km/h, superiore a quello della Berlina!

TAW-5 T-6A Texan II BuNo 166126, E-126, Rocky Mountain Metropolitan Airport, Westminster, CO, 6 June 2015.

Parque Estadual da Pedra Azul

Origem: Wikipédia, a enciclopédia livre.

  

Parque Estadual da Pedra Azul

Categoria II da IUCN (Parque Nacional)

 

Parque Estadual da Pedra Azul, com Pedra Azul 1822 m, ao fundo.

Localização Espírito Santo. Brasil

Localidade mais próximaSanta Teresa

Dados

Área1.240 hectares

Criação31 de outubro de 1960

Coordenadas20° 24' 47" S 41° 01' 23" O

Parque Estadual da Pedra Azul está localizado em: Brasil

 

Parque Estadual da Pedra Azul

O município de Domingos Martins, no estado do Espírito Santo, região sudeste, abriga a Reserva Florestal de Pedra Azul, que foi criada pelo decreto 312, de 31 de outubro de 1960. A lei 4.503, de 2 de janeiro de 1991, transformou a reserva em Parque Estadual de Pedra Azul, com uma área de 1.240 hectares. O bioma predominante desta unidade de conservação brasileira é de floresta ombrófila densa antimontana. Suas coordenadas geográficas são S 20º 24'07" W 41º 01'23".

 

É um Parque estadual localizado no estado do Espírito Santo, no município de Domingos Martins, com altitude média de 1350mts, possuí uma área de 1.240 hectares, apenas 5% do parque é aberto a visitação, e abriga a Pedra Azul e a Pedra das Flores, importantes afloramentos de granito e gnaisse, cartões postais do estado, por causa de sua beleza espetacular, com respectivamente 1822 e 1909mts, por passarem a maior parte do tempo encobertas pelas nuvens, há um micro-clima super-úmido e frio em seu topo, isso faz com que muitas plantas, especialmente flores e orquídeas cresçam em seu topo (dai o nome).

 

A região com rica biodiversidade e diversas espécies endêmicas, foram catalogados 182 espécies de aves, 51 espécies de bromélias,e 126 espécies de orquídeas, no parque existem muitas cobras, veados, macacos, preguiças algumas onças e muitas aves, com atenção para as Andorinhas de Colar Branco, que migram para região durante os meses de junho a julho, quando a temperatura na região fica na casa de 0°C, elas fazem suas tocas e se reproduzem em cavernas, na Pedra Azul, a vegetação original é a mata atlântica, com árvores que chegam a 25 metros, a muitas bromélias, samambaias e orquídeas.

 

No parque, ficam localizadas as nascentes do rio Jucu, braço norte e braço sul, que abastece 70% do consumo de água na Grande Vitória, além da existência de vários lagos, cachoeiras e piscinas naturais[1] .

 

O parque fica localizado no distrito de Pedra Azul do Aracê, região que apresenta um clima que é considerado como terceiro melhor do mundo[carece de fontes].

 

A Pedra Azul, tem esse nome devido ao fato, de que dependendo da incidência de luz solar, a pedra, pode mudar de cor, ficando por não raras vezes de cor azul ou verde e até mesmo amarela. Entretanto, a maior parte do tempo branca acinzentada. Estima-se de que a Pedra Azul mude de cor 36 vezes por dia.

 

É no km 89/90 da BR 262 que pode ser visto o maciço da Pedra Azul com seu pico de 1822m de altitude. Também é conhecida como a Pedra do Lagarto pelo formato de uma saliência em forma de um animal que parece subir pela sua encosta. Aos fundos, na mesma formação rochosa de granito e gnaisse avista-se a Pedra das Flores com 1909 m de altura.

 

A Reserva Florestal de Pedra Azul foi transformada em Parque em 1991 com o objetivo de proteger o ecossistema de Mata Atlântica no entorno da Pedra Azul, ocupando uma área que atinge três municípios: Domingos Martins, Alfredo Chaves e Vargem Alta.

 

Para programar o passeio pelas trilhas da Pedra Azul é necessário agendar no CAVI (Centro de Apoio ao Visitante) pelo telefone (27) 3248-1156 no horário de 08:00 às 17:00 horas ou através do e-mail: pepaz@iema.es.gov.br. Existem quatro trilhas para percorrer: a das piscinas, do mirante, do lagarto e da base. Você pode visitar também no parque um museu ecológico que se encontra no Centro de Visitantes Júlio de Oliveira Pinho.

 

O parque é aberto para visitação de terça-feira a domingo. Às segundas-feiras fica fechado para manutenção. Todo passeio ao parque, deverá ser agendado com antecedência de pelo menos 1 dia, e deverá sempre ser acompanhado por um Guarda Florestal do IEMA; O horário de funcionamento do parque é de 08:00h às 17:00h. O horário de saída para os passeios é 09:00h pela manhã e 13:30h à tarde.

 

Duração dos passeios: Até as piscinas naturais demora de 02:30h a 03:00h ida e volta; Somente as trilhas baixas (Base da Pedra Azul e Lagarto/Mirante – 01:00h a 01:30h ida e volta;

 

Todo visitante deverá estar trajando roupas leves e confortáveis (é permitido o uso de calças de ginástica, bermudas e calções) e calçados fechados como tênis ou botas (sem salto) com boa aderência ao solo.

 

Os visitantes poderão banhar-se nas piscinas naturais. Podem levar roupa de banho e, se quiserem, um lanche leve.

 

Para maior segurança na escalada para as piscinas naturais, o número máximo de pessoas por vez na corda é de duas pessoas e a idade mínima permitida é 10 anos.

** View large On Black **

 

☣ ☣

 

approx. 11" x 9"

 

☣ ☣

 

** PLANET OF THE TURTLEOIDS Part One **

 

Written by: David Wise

 

MWS #6101-0000

 

GROUP W #138

 

"Our story opens with our heroes prowling the street in fedora's and trenchcoats searching for an all-night pizzeria when they come across a sumo wrestler, named Tattoo, breaking into a pet shop and mumbling something about "wanting to go home." But when the TMNT try to subdue the gigantic wrestler, he electrocutes himself and transforms into a hamster and quickly walks into a cage with other hamsters. Our story opens with our heroes prowling the street in fedora's and trenchcoats searching for an all-night pizzeria when they come across a sumo wrestler, named Tattoo, breaking into a pet shop and mumbling something about "wanting to go home." But when the TMNT try to subdue the gigantic wrestler, he electrocutes himself and transforms into a hamster and quickly walks into a cage with other hamsters.

 

The Turtles deduct that this must be the work of Shredder and Krang... that the deadly duo are once again fooling around with the Mutagen. .. .."

 

☣ ☣

 

-->> This gift was received over a decade ago from a dealer who had vintage TMNT cells in bulk. All the ones he had in stock were in various degrees of quality and some, like this looked like they were in a dusty filing cabinet in some animator's archive for years. Thus it is rather dirty. The paper on the cel back was "glued" via the paint on the cel to the acetate and was already coming off the acetate when i received the set. The paper shows a truncated ( due to the rips ) version of some cool pencil & non-photo blue pencil on Michelangelo's figure. The non-photo blue seems to indicate where certain shadings of green go on Mike's body. The numbers to the right of Mikey seem to indicate something in relation to the figure's scale, but i could be wrong and may be reference to colour or something. My experiences with animation in cartoon-school were limited so some of these details are lost on me.

 

Here the Turtles face off against Tattoo in his hamster form.

 

This aggravating take on an actually cool character and TMNT ally from the TMNTA comics frustrated me for year : Tattoo is reduced to a short confrontational cameo in the TMNT cartoon and he's a mutant hamster at that ?? ARGHH !! SERIOUS !? F6ck !! !!

 

Unlike his honorable and VERY HUMAN appearances ( albeit a GIANT yellow skinned International Champion Sumo wrestler with prize-winning victory tattoos grafted on his flesh ) in the comics .. this frustrating appearance of the wrestler i've substantially had to let go of and just accept as part of one of those things i both loved and despised about the original show.

 

At least Tattoo is not necessarily evil and his confrontation with the Teens in-show is mostly a misunderstanding. Tattoo merely wants to go "home" and be a normal hamster not - a mutant ..like the other rodents in the pet shop. So he's not really doing anything any of us wouldn't do in his particular situation.

 

Yeh - uh sure.

 

So apparently, for whatever reason if a hamster comes in contact with Krang's mutagen .. he will turn into a Sumo wrestler and electricity turns all those mutant sumos back into hamsters. OI !! !!

 

This scene has Hamster-Tattoo coming towards the Turtles - it's a matter of scale.. the viewers are actually closer to Tattoo's behind in the foreground. He's running to the teens just before they put him in a pet cage. The Turtles are further away from him before they pick him up. The lack of a background threw me off a little when i first got the cel and the Hamster looks a bit bigger than he actually is. Tattoo should be able to fit into one of Leonardo's hands.

 

~ t

 

** View large On Black **

 

☣ ☣

 

approx. 11" x 9"

 

☣ ☣

 

** PLANET OF THE TURTLEOIDS Part One **

 

Written by: David Wise

 

MWS #6101-0000

 

GROUP W #138

 

"Our story opens with our heroes prowling the street in fedora's and trenchcoats searching for an all-night pizzeria when they come across a sumo wrestler, named Tattoo, breaking into a pet shop and mumbling something about "wanting to go home." But when the TMNT try to subdue the gigantic wrestler, he electrocutes himself and transforms into a hamster and quickly walks into a cage with other hamsters. Our story opens with our heroes prowling the street in fedora's and trenchcoats searching for an all-night pizzeria when they come across a sumo wrestler, named Tattoo, breaking into a pet shop and mumbling something about "wanting to go home." But when the TMNT try to subdue the gigantic wrestler, he electrocutes himself and transforms into a hamster and quickly walks into a cage with other hamsters.

 

The Turtles deduct that this must be the work of Shredder and Krang... that the deadly duo are once again fooling around with the Mutagen. .. .."

 

.. .."

 

☣ ☣

 

-->> This gift was received over a decade ago from a dealer who had vintage TMNT cells in bulk. All the ones he had in stock were in various degrees of quality and some, like this looked like they were in a dusty filing cabinet in some animator's archive for years. Thus it is rather dirty. The paper on the cel back was "glued" via the paint on the cel to the acetate and was already coming off the acetate when i received the set. The paper shows a truncated ( due to the rips ) version of some cool pencil & non-photo blue pencil on Michelangelo's figure. The non-photo blue seems to indicate where certain shadings of green go on Mike's body. The numbers to the right of Mikey seem to indicate something in relation to the figure's scale, but i could be wrong and may be reference to colour or something. My experiences with animation in cartoon-school were limited so some of these details are lost on me.

 

Here the Turtles face off against Tattoo in his hamster form.

 

This aggravating take on an actually cool character and TMNT ally from the TMNTA comics frustrated me for year : Tattoo is reduced to a short confrontational cameo in the TMNT cartoon and he's a mutant hamster at that ?? ARGHH !! SERIOUS !? F6ck !! !!

 

Unlike his honorable and VERY HUMAN appearances ( albeit a GIANT yellow skinned International Champion Sumo wrestler with prize-winning victory tattoos grafted on his flesh ) in the comics .. this frustrating appearance of the wrestler i've substantially had to let go of and just accept as part of one of those things i both loved and despised about the original show.

 

At least Tattoo is not necessarily evil and his confrontation with the Teens in-show is mostly a misunderstanding. Tattoo merely wants to go "home" and be a normal hamster not - a mutant ..like the other rodents in the pet shop. So he's not really doing anything any of us wouldn't do in his particular situation.

 

Yeh - uh sure.

 

So apparently, for whatever reason if a hamster comes in contact with Krang's mutagen .. he will turn into a Sumo wrestler and electricity turns all those mutant sumos back into hamsters. OI !! !!

 

This scene has Hamster-Tattoo coming towards the Turtles - it's a matter of scale.. the viewers are actually closer to Tattoo's behind in the foreground. He's running to the teens just before they put him in a pet cage. The Turtles are further away from him before they pick him up. The lack of a background threw me off a little when i first got the cel and the Hamster looks a bit bigger than he actually is. Tattoo should be able to fit into one of Leonardo's hands.

 

~ t

 

Copyright © 2016 Ruggero Poggianella Photostream

All rights reserved. Please, do not use my photos/videos without my written permission.

Please note that the fact that "this photo is public" doesn't mean it's public domain or a free “stock image”. Unauthorized use is strictly prohibited. If you wish to use any of my images for any reason/purpose please contact me for written permission.

 

FIAT Nuova 500 Giardiniera & Commerciale

Il 1960 è un anno ricco di novità per l'intera gamma FIAT. Nel mese di maggio viene allargata la gamma delle "500" con la versione Giardiniera, e "Commerciale" (tipo 120Z), quest’ultima caratterizzata dal tetto rigido con nervature di rinforzo e dall'assenza di superfici vetrate posteriori. La Giardiniera sarà l'unica variante di carrozzeria della "Nuova 500". GIARDINIERA O GIARDINETTA? Nome ufficiale Giardiniera, anche se il termine corretto è Giardinetta essendo stato coniato in campo automobilistico dalla carrozzeria Viotti per definire le vetture con le fiancate rifinite in legno. Giardiniera invece ha una origine più antica. La denominazione veniva usata per le carrozze scoperte trainate da cavalli aventi i sedili disposti lateralmente. Già da qualche tempo si avvertiva la mancanza della vecchia FIAT 500 C “Topolino” Belvedere, ciò che oggi chiameremmo station wagon o familiare. In verità l'esperimento era già stato tentato con la Multipla (600), prima monovolume della storia dell'automobile, che però si avvia ad una onorata carriera nel trasporto pubblico grazie alla sua ottima abitabilità per passeggeri ma con scarsa propensione al trasporto di bagaglio. L'ingombro e la sistemazione al posteriore del motore impedisce la costruzione di un vano di carico allungato.

Meccanica: Ancora una volta il genio del progettista, Dante Giacosa, è costretto a una completa revisione del progetto 500, escogitando una soluzione di grande interesse tecnico: il motore (sigla 120.000) da 499.5 cc e 17,5 cv a 4600 g/m, a sogliola (così chiamato per gli ingombri ridottissimi, i cilindri vengono ruotati di 90 gradi) può essere alloggiato interamente sotto il pianale di carico. Motore da 499 cc. Una scelta d'avanguardia, visto che su tutte le altre "familiari" per soddisfare le stesse esigenze, si è dovuto adottare inevitabilmente il motore anteriore. Il 120.000 può essere quindi considerato una unità completamente diversa dal 110.000, infatti le differenze costruttive sono evidenti partendo vista motore 120.000 senza carter dal carburatore orizzontale Weber 26 OC, dalla posizione dello spinterogeno e dell’ingresso per il rabbocco dell’olio motore. Essendo il motore "sdraiato" sul lato destro, la coppa dell'olio è integrata nel monoblocco e a differenza della testa della berlina, i condotti di scarico non sono laterali, questo permette ai gas di scarico di avere una fuoriuscita più diretta, infatti il disegno dei collettori e della marmitta risulta più regolare non facendo curve brusche come sulla 500 berlina. In aggiunta la nuova testata può permettersi alettature laterali molto più estese; la dissipazione di calore è più efficiente. Le valvole sono già dotate di due molle di richiamo, a differenza del 110 che le avrà in dotazione solo sull'aggiornamento 110F. L'intero circuito di raffreddamento del motore è ridisegnato con una nuova ventola che aspira l’aria attraverso le cavità ricavate nei montati e nella traversa posteriore. Dinamo potenziato a 230W e motorino di avviamento spostato in posizione abbassata, soluzione adottata successivamente sulle future 500 R e 126. Come anche l'ancoraggio del motore alla traversa posteriore. Con l'entrata in produzione della R, dal 1972 viene aggiornato l'impianto elettrico, spostato il comando idrostop al pedale del freno e i comandi plancia perdono l'interruttore luci quadro strumenti. La velocità massima raggiunta nelle prove su strada è risultata di oltre i 100 km/h, superiore a quello della Berlina!

- Windfarm Potzneusiedl, Austria

- 2x Enercon E-126

- 7500kW

- 135m HH

- ø 126m

- photo taken 2012

 

Here you can see the biggest windturbine in Austria and one of the biggest worldwide. Each blade is made of two parts.

Resoconto secondo seminario promosso

dal PD di Sasso Marconi su ruolo e funzioni dell’ente locale

   

Venerdì 16 marzo 2012 si è tenuto il secondo seminario promosso dal PD di Sasso Marconi per approfondire insieme i principali temi che vedono protagonista l'ente locale. Questo secondo incontro ha riguardato l’organizzazione dei servizi socio-sanitari e assistenziali a sostegno delle necessità dei cittadini più deboli e delle famiglie: le competenze del Comune, le scelte compiute a Sasso Marconi, le prospettive future.

 

Il seminario è stato presieduto dalla presidente dell'Azienda Speciale Consortile (ASC) Insieme,Marilena Fabbri, che ha offerto una panoramica sul sistema dei servizi socio-assistenziali del territorio afferente il Distretto di Sasso Marconi, inserendoli nel contesto provinciale e regionale. L'ex sindaco di Sasso Marconi ha quindi proseguito parlando dell'Azienda Speciale Consortile da lei presieduta. Essa è una forma di gestione DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI PRIVI DI RILEVANZA ECONOMICA PREVISTA DAGLI ARTT. 113 BIS E 114 DEL T.U. DEGLI ENTI LOCALI, D.Lgs. n. 267/2000; è un ente strumentale DELL'ENTE LOCALE DOTATO DI PERSONALITA' GIURIDICA, DI AUTONOMIA IMPRENDITORIALE E DI PROPRIO STATUTO; organi dell’Azienda sono: l’ASSEMBLEA CONSORTILE, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, IL PRESIDENTE E IL DIRETTORE.

I motivi della nascita di quest'azienda sono stati: SALVAGUARDARE E PROMUOVERE IL BENESSERE DEL CITTADINO ATTRAVERSO UN WELFARE DI COMUNITA’ (TITOLARITA’ DELLE FUNZIONI IN CAPO AL COMUNE); SUPERARE LA DELEGA DI FUNZIONI ALL’AUSL; ASSOCIARE UNA MASSA CRITICA DI SERVIZI IN GRADO DI CREARE ECONOMIE DI SCALA; INDIVIDUARE UNA MODALITA’ DI GESTIONE COERENTE CON LA GOVERNANCE REGIONALE CHE HA INDIVIDUATO NEL DISTRETTO L’AMBITO OTTIMALE PER L’ESERCIZIO ASSOCIATO DI SERVIZI SOCIALI.

L'ASC ha quindi l'obiettivo di omogeneizzare i livelli e la qualità dei servizi offerti nei Comuni del Distretto: DEFINENDO STANDARDS DI QUALITÀ MINIMI, INDIVIDUANDO E CONDIVIDENDO LIVELLI MINIMI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

DEFINENDO CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO, DEFINENDO TARIFFE OMOGENEE PER I SERVIZI. Investire sulla professionalità dei dipendenti attraverso l’aggiornamento e la formazione continua Verificare i costi dei servizi cercando di valorizzare le economie di scala pur nel rispetto degli ambiti territoriali ottimali e della qualità. Potenziare la capacità di investimento ed innovazione attraverso l’individuazione di un ambito sovra-comunale capace di attrarre risorse private e/o pubbliche aggiuntive. Procedure all’accreditamento dei servizi pubblici e privati.

 

Il secondo intervento, più orientato ai servizi socio-educativi, è stato realizzata dalla vicesindaco del Comune di Sasso Marconi, Marilena Lenzi, la quale ha offerto dichiarato che "l’amministrazione locale resta punto di riferimento primario per i cittadini e quindi diventa indispensabile una flessibilità nella intercettazione e nell’ascolto dei nuovi bisogni, che il tessuto sociale, la comunità esprimono". I servizi su Sasso Marconi, precisando che il patrimonio di welfare dei territorio, ancora di più in questa fase, deve essere giocato nella consapevolezza che la realtà territoriale è ricca di associazionismo, cultura, volontariato ed è in grado di offrire possibilità di adesione e integrazione in quanto molto attiva e articolata. Creare reti solidali aprendo spiragli di connessione tra diversi settori es. ragazzi seguiti dagli educatori dei servizi, che programmano un percorso di autonomia anche con una società sportiva o culturale, ragazzi disabili che riescono a fare un progetto di inclusione sociale attraverso il volontariato, volontariato giovanile al servizio di fasce deboli (es: insegno ai nonni il computer). In questo senso credo che la politica debba riappropriarsi di una pedagogia educativa, che è stata molto trascurata a livello nazionale in questi ultimi 20 anni. Dare servizi significa anche generare consapevolezza in chi li fruisce, consapevolezza che ad esempio deplora l’evasione fiscale, che nella sua sobrietà pone attenzione alla furbizia e alla salvaguardia dei bisogni reali. Penso ad un percorso di partecipazione ad un Welfare attivo dove si trovano ad interagire le amministrazioni locali, le organizzazioni del privato di mercato, gli attori del terzo settore, le reti di volontariato, l’associazionismo, le famiglie. Valorizzare una dimensione locale come il terreno in cui si misura la capacità della collettività (componenti istituzionali e non) di creare inclusione, benessere, coesione sociale: progetto ambizioso, ma grande sfida con le poche risorse a disposizione. Parlo per macro aree dei servizi su Sasso:

SERVIZI ALL’INFANZIA: lista di attesa a zero nei nostri nidi, con 115 bambini iscritti, sevizio mensa erogato a 1200 bambini, servizio trasporto a 117 utenti, servizi extrascolastici: 128 che richiedono il prescuola, 126 che richiedono il post scuola, 86 che chiedono l’assistenza al pasto nei giorni di non rientro scolastico, 61 che chiedono assistenza ai compiti, circa 120 che, in media, richiedono attività estive, più altri 20/25 a settimana per 5/7 settimane (compresi in una età che va dai 13 ai 17 anni), che fruiscono di settimane estive, dedicate ai giovani. Su un totale della popolazione scolastica del territorio pari a 1469 nella scuola pubblica. Restano esclusi da questo calcolo 118 bambini iscritti nelle scuole private del territorio e 126 iscritti all’unico Istituto Superiore. Inoltre va affiancata ,a questa erogazione di servizi , una serie di progetti gestiti dall’amministrazione per la scuola, come ad esempio l’educazione stradale, gli sportelli d’ascolto, il teatro ragazzi, la rassegna una montagna di libri, nati per leggere i giochi studenteschi e gli eventi sportivi, l’uso del teatro e delle sale per saggi di musica ed altro. A parte, c’è il progetto dell’aula di ed. alimentare che vede coinvolti 150 studenti circa, e che è a costo zero per il bilancio comunale, in quanto finanziato alla partenza da sponsor locali e poi dalla Fondazione del Monte e poi in una sua parte, sulla legalità, dalla Regione Emilia Romagna.

Il contributo che il comune da' alla scuola è di circa 1.221.300.

A questo proposito, nell’ottica di adempiere al compito di integrazione e coordinamento che questa amministrazione si prefigge, dall’anno scorso c’è stata l’integrazione di realtà consolidate, che hanno proposto indirizzi educativi comuni, progetti e formazione condivisi, per i servizi extrascolastici del territorio.

Per le politiche giovanili, che comprendono la gestione del centro giovanile Papinsky, la prevenzione attraverso l’educativa di strada, il raccordo con le politiche giovanili sovra comunali, le settimane di vacanze estive, i laboratori e gli eventi sia del nostro comune che del distretto, (papinsky rock festival, papinsky on air, calcinsky, bande emergenti, etilometro alla festa della birra, la rassegna del Videocontest e che vedono interessati, anche a seconda del tipo di attività proposta dai 20 ai 200 giovani, la spesa del comune è di circa 43.000 euro.

A costo zero invece il progetto di volontariato estivo che ha visto coinvolti 22 ragazzi dai 14 ai 18 anni e 10 associazioni del territorio.

Per i servizi sociali gestiti da ASC riporto brevemente gli importi di spesa maggiori dedicati alle diverse categorie e sostenuti con i soldi del bilancio comunale. Prima tra tutte l’attenzione all'educativa scolastica che va a fornire aiuto a minori certificati e non, seguiti o seguiti solo in parte dagli insegnanti di sostegno, 277.000 € dati dal comune di Sasso Marconi. Ancora l’attenzione alla disabilità adulti e minori, il loro inserimento in strutture, l’attenzione al tempo libero, al sollievo delle famiglie, con cifre che si aggirano circa su 500.000 €.

L’attenzione ai minori e alle loro famiglie 350.000 € circa.

Per gli anziani :Il centro diurno che costa circa 200.000 euro, l’assistenza domiciliare circa 300.000 euro, il fondo affitti 75.000 euro, l’erogazione di contributi economici per gli adulti 55.000 euro. Ll’11% del bilancio del Comune di Sasso Marconi è dedicato al sociale per un totale di circa 1.500.000 euro.

I numeri spiegano abbastanza di quelle che sono le politiche di welfare che il nostro comune, in linea con Provincia e Regione, ha attivato nel tempo, ma i numeri non sono tutto, c’è ancora altro, che come amministratori e cittadini possiamo fare, cioè implementare ,sostenere e sviluppare quei percorsi di cittadinanza attiva che sono il collante di ogni buona pratica che promuova il bene comune.

Penso che in questa realtà consolidata, il futuro prossimo ci debba vedere attenti, sempre di più, a consolidare una rete relazionale in cui il servizio erogato, o la somma dei servizi fruiti dalle persone o dalle categorie, risponda all’obiettivo di un percorso di autonomia, e questo è un processo culturale e pedagogico che va costruito e potenziato soprattutto nelle fasi della prevenzione del bisogno, o nel sostegno consapevole e finalizzato, abbandonando, dove è possibile, ovviamente, il concetto di aiuto fine a se stesso, ma inserendo il concetto di bisogno in un rapporto possibile e proficuo di scambio di esperienze, competenze e relazioni, che faccia sentire ciascuna categoria (anziani giovani disabili) inserita in un contesto ampio di appartenenza, che non faccia sentire le persone sole, e che evidenzi il valore aggiunto che è dato dal capitale umano".

 

Il terzo intervento, prima della pausa, è stato effettuato dal dott. Massimiliano di Toro Mammarella (responsabile dell'Ufficio di Piano del Distretto di Casalecchio). Egli ha innanzi tutto inquadrato il contesto in cui insistono i Servizi socio-sanitari e assistenziali. Con la finalità di contestualizzare le riflessioni relative ai Servizi socio-sanitari ed assistenziali presentiamo qui innanzitutto alcuni dati economici di sintesi di livello nazionale e regionale: "in questi anni v'è stato l’evolversi delle risorse nazionali in drastico calo dal 2008 e l’inversa ed opposta tendenza relativa alle risorse regionali (in particolare per quanto attiene al Fondo Regionale Non Autosufficienza). Si aggiunga che dal 2008 gli effetti della crisi economica europea hanno in Italia in particolare generato i ben noti effetti di incremento di domanda di Servizi socio-sanitari e di aggravamento della situazione economica di molti cittadini".

Il welfare che conosciamo ha preso forma nel trentennio tra la fine dell’ultimo conflitto mondiale e l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale (1978), un’epoca con assai meno anziani non autosufficienti e molta più disponibilità di cura familiare; si tratta, non a caso, di un welfare centrato su pensioni e sanità acuta. Oggi la realtà è cambiata e la non autosufficienza figura tra i grandi eventi critici che numerosi cittadini sperimentano nella propria vita. La sfida, dunque, è modificare le politiche pubbliche in modo da adeguare il welfare al nuovo profilo della società.

Facendo un raffronto tra 15 Stati europei più simili solo Italia e la Grecia non hanno attuato riforme nazionali delle politiche sociali (sia riguardo l’assistenza ad anziani non autosufficienti che per il sostegno alle famiglie in povertà).

In particolare l’offerta assistenziale per anziani non autosufficienti è costituita da tre binari scarsamente comunicanti tra loro: 1) Indennità di accompagnamento; 2) Assistenti familiari straniere; 3) Rete territoriale

80% del welfare sociale complessivo dunque è finanziato da trasferimenti INPS

Da stime recenti il 34% della spesa per pensioni sociali e il 24% per assegni familiari è percepito da beneficiari il cui reddito familiare è superiore alla mediana di distribuzione (fonte Prospettive sociali e sanitarie 29 09 2011).

Il sistema produttivo italiano risulta così strutturato: 1) Pubblico ad alta specializzazione, di nicchia; 2) Privato accreditato (79% delle residenze, 57% delle semiresidenze); 3) Care giver individuali ed informali. Comparti che non dialogano tra loro, che competono non su aree di mercato e qualità ma sui contratti di lavoro (al ribasso o in nero)

E’ la famiglia che deve ricomporre il welfare. Limiti del sistema di welfare nazionale: Poco efficace; Poco redistributivo; Troppo sbilanciato sulle erogazioni monetarie; Mancanza dei LEP (livelli essenziali di prestazioni); Insufficienza dello strumento ISEE.

Le competenze degli Enti Locali. In questo contesto, le competenze degli Enti Locali devono essere esercitate attraverso il necessario passaggio da ruolo di erogatore di Servizi diretti o esternalizzati (che abbiamo visto essere residuali rispetto il welfare complessivo e caratterizzati da risorse disponibili in forte diminuzione) ad una funzione pubblica di orientamento, committenza, garanzia e controllo finalizzati a garantire equità ed appropriatezza degli interventi. L’alternativa è tra: continuare a lasciare le famiglie sole nella ricomposizione del welfare e assumere una responsabilità pubblica che chieda una parallela corresponsabilizzazione dei produttori e delle stesse famiglie. La sfida è rinsaldare un patto territoriale che superi rigidi posizionamenti in un mercato in crisi di risorse pubbliche, per realizzare un risposta flessibile che ponga al centro la valutazione del bisogno socio-assistenziale del cittadino e della situazione socioeconomica dell’intero nucleo famigliare. In questa prospettiva è necessario ripensare modalità e finalità dei sistemi di partecipazione della comunità locale all’individuazione di priorità e alla realizzazione di percorsi di progettazione.

E’ necessario passare alla pianificazione nel welfare allargato.

Think global act local. Abbiamo bisogno di una visione unitaria complessiva. Il territorio, l’area vasta partendo dalla zona distrettuale, è l’ambito privilegiato per realizzare:• sussidiarietà, • solidarietà sociale, • progettare interventi partecipati, • fare prevenzione, • uscire dal puro assistenzialismo • ragionare in termini di appropriatezza

Nel territorio dobbiamo passare: da percorsi di progettazione partecipata incentrati su progetti e servizi prestazionali,

alla condivisione di visioni sul futuro che diano priorità ad innovazione e riorganizzazione del sistema complessivo del welfare; dalla discussione incentrata su progetti che finanziano con, poche, risorse pubbliche Servizi residuali pubblici o misti, a come, ad esempio, dare supporto alla domiciliarità in considerazione di tutte le risorse ed opportunità territoriali presenti del privato, del volontariato, delle famiglie; dai tavoli di progettazione partecipata ai laboratori del futuro.

Le scelte prioritarie. Per le stesse considerazioni fin qui fatte sul contesto complessivo del welfare e delle risorse disponibili, come le scelte di pianificazione richiedono il passaggio ad un livello superiore, macro, così le scelte di gestione dei Servizi, diretti ed esternalizzati dagli Enti locali, richiedono il passaggio ad un livello associato per zona sociale. Altrimenti il rischio che corriamo è la sostenibilità degli stessi Servizi, il trattamento disomogeneo nei confronti di cittadini che hanno visto cadere confini ben più ampi nonché l’accesso non equo né appropriato.

Dunque è necessario ripensare il welfare perché: va riesaminato e ristrutturato l’insieme, perché è disfunzionale rispetto alle finalità, inefficace rispetto agli obiettivi, inefficiente nel suo operare. E perché, non potendo far conto su risorse aggiuntive esterne, occorre ottimizzare l’uso delle risorse tuttora disponibili, superando barriere di norme obsolete, di settorializzazione dell’utenza, di parcellizzazione degli interventi e delle prestazioni.

Bisogna passare alla ri-composizione dei canali di finanziamento, al coordinamento dei soggetti produttori all’orientamento della spesa dei cittadini, orientare il sistema pubblico privato ponendo la persona al centro, non la produzione di servizi residuali senza prendere in considerazione il mercato complessivo ma la soddisfazione del bisogno (l’outcome del servizio piuttosto che l’output)

Passare dall’integratore al menù di servizi. Come: seguire la progressione delle esigenze socio-assistenziali.

Abbiamo bisogno di risposte molto flessibili e differenziate in un percorso assistenziale individualizzato, che tenga conto della loro diversità e specificità. Non lasciare le famiglie sole; orientare il sistema per appropriatezza, equità, solidarietà, efficienza, qualificazione del lavoro.

Cosa fare in concreto per riposizionare Ente Locale nel welfare: ricostruire il welfare reale (analisi orientata alla pianificazione istituzionale); rinnovare il Patto locale; gestire l’Accesso unico al welfare reale

Come realizzare il governo istituzionale: superare la “delega assistenziale bidirezionale” (famiglia-pubblico); soggetto istituzionale pubblico locale di area vasta deve avere possibilità e legittimazione per ricomporre la spesa totale (non solo la propria ma quella composta anche dalla capacità di spesa della famiglia); “è necessaria una meta-organizzazione che gestisca l’intera filiera del welfare per un ampio territorio sotto la committenza degli enti locali”; più sussidiarietà, più pubblico (nel senso di funzione e responsabilità pubblica) che svolga ruolo di garanzia, ponga vincoli, eserciti il controllo, agisca per un equo accesso; predisporre una tecnostruttura solida che pianifichi il welfare (reale) allargato in base a priorità e bisogni misurati nel “mondo reale”; ptrutturare funzioni e gestioni coerenti ed accentrate per macro soggetti (pubblico, misto, privato, volontariato, famiglia, sindacati); formalizzare: strumenti (che integrino isee, dati di pianificazione), funzioni (accreditare soggetti per gestione, compartecipazione della famiglia), percorso e finalità dell’orientamento, menù dei servizi.

 

Alle 21 è intervenuta la dr.ssa Barbara Curcio Rubertini che ha parlato di strategie innovative a sostegno delle politiche per la salute e il benessere. Ha spiegato come, nel biennio 2009/2010, siano stati condotti in Emilia-Romagna diversi percorsi formativi a sostegno delle strategie di innovazione dei servizi sociali e sanitari, rivolti a dirigenti e professionisti delle aziende sanitarie e degli enti locali. Dall’analisi della letteratura, dei dati e dalle discussioni con i partecipanti è emersa come principale criticità del sistema pubblico di servizi sociali e sanitari dell’Emilia-Romagna la crisi di fiducia nei rapporti operatore-utente, comunità-organizzazione e professionisti-organizzazione.

La proposta condivisa è stata quella di investire sullo sviluppo del capitale sociale delle organizzazioni e della comunità come strategia per garantire sostenibilità al sistema e migliorarne la gestione. Nell’ambito di questa strategia sono state formulate, inoltre, alcune proposte di azione che si configurano come laboratori locali di innovazione da realizzarsi con la partecipazione delle aziende sanitarie, degli enti locali, dell’università, dei cittadini, delle rappresentanze dei lavoratori, del terzo settore e di altri attori significativi nel territorio.

 

Le conclusioni sono state affidate all'assessore regionale alle Politiche Sociali, Teresa Marzocchi, la quale ha spiegato come sia necessario rivedere le nostre mappe cognitive in merito la gestione dei servizi. Dobbiamo essere pienamente consci che il sistema, così com'è stato concepito e sviluppato in questi anni, non è più sostenibile. I pesanti tagli, la forte crisi economica, le modifiche occorse nella società (invecchiamento della popolazione, nuove famiglie, migranti, diverse e diversificate tipologie di bisogni) ci impongono di rivedere il nostro approccio alla soluzione delle istanze che provengono dalla popolazione e dai portatori d'interesse. E' fondamentale riallacciare legami con le comunità, ripartendo da queste per costruire più forti ed intense relazioni di solidarietà.

Con molto pathos, l'assessore regionale ha richiamato i presenti a farsi portatori del coinvolgimento più stabile e strutturato di soggetti non istituzionali: ampliare sedi e qualità della partecipazione. Favorire la rete pubblico privato; supportare la comunicazione ai cittadini: sapere raccontare le scelte e gli obiettivi. Sapere rafforzare i cittadini per renderli parte del sistema (Empowerment della comunità).

I principali vantaggi di un sistema in cui le parti non si sovrappongono - ha chiosato Teresa Marzocchi - anzi “cooperano” e si integrano tra loro sono: razionalizzare le risorse e la distribuzione dei servizi (fondo sociale locale, fondo distrettuale per emergenze minori, politiche integrate intersettoriali, ecc.); Istituzioni e formazioni del terzo settore hanno la possibilità di costruire percorsi, obiettivi e progettazioni comuni e condividere la “responsabilità sociale” verso i cittadini. Infine i cittadini percepiscono la presenza di una rete, si sentono accompagnati, presi in carico e sostenuti, vincendo la fatica di dovere rincorrere a più aiuti tra loro non collegati (integrazione istituzionale e professionale).

 

L'incontro è quindi terminato, alle 22:30, ed i partecipanti sono stati inviati al prossimo seminario - sulle tematiche del territorio (infrastrutture, viabilità, urbanistica) - che si terrà il prossimo 13 aprile.

  

A Rodovia Transpantaneira, originalmente projetada para ligar Corumbá no Sul do Pantanal a Cuiabá no Norte, fora projetada no início dos anos 70 quando MT e MS eram um único estado. Esta rodovia é uma estrada de terra com 147 km e 126 pontes. Tem início em Poconé e termina em Porto Jofre, à margem do rio Cuiabá, que desde 1977 divide os dois estados. A estrada de Poconé até a divisa à margem do rio Cuiabá foi construída rapidamente nos primeiros anos da década de 70. De 77 para ca , a estrada sentido Corumbá para o norte (margem do Cuiabá) foi abandonada.

Suas margens abrigam uma infinidade de animais como veados, capivaras, jacarés e tamanduás, além de várias espécies de aves. A precariedade da rodovia é compensada pelas riquezas das espécies da fauna e flora e pelo visual encantador.

 

The Transpantaneira Road, originally designed to connect Corumbá in southern Pantanal to Cuiaba North, was designed in the early 70s when MT and MS were a single state. This road is a dirt road with 147 km and 126 bridges. Begins and ends in Poconé in Porto Jofre, the river Cuiabá, which since 1977 divides the two states. The road to the border Poconé the river Cuiabá was built rapidly in the early years of the 70s. From 77 to nowadays, the road north towards Corumbá (margin of Cuiabá) was abandoned.

Its shores are home to a multitude of animals such as deer, capybaras, alligators and anteaters, and several species of birds. The precariousness of the highway is compensated by the wealth of fauna and flora and the charming look.

Parque Estadual da Pedra Azul

Origem: Wikipédia, a enciclopédia livre.

  

Parque Estadual da Pedra Azul

Categoria II da IUCN (Parque Nacional)

 

Parque Estadual da Pedra Azul, com Pedra Azul 1822 m, ao fundo.

Localização Espírito Santo. Brasil

Localidade mais próximaSanta Teresa

Dados

Área1.240 hectares

Criação31 de outubro de 1960

Coordenadas20° 24' 47" S 41° 01' 23" O

Parque Estadual da Pedra Azul está localizado em: Brasil

 

Parque Estadual da Pedra Azul

O município de Domingos Martins, no estado do Espírito Santo, região sudeste, abriga a Reserva Florestal de Pedra Azul, que foi criada pelo decreto 312, de 31 de outubro de 1960. A lei 4.503, de 2 de janeiro de 1991, transformou a reserva em Parque Estadual de Pedra Azul, com uma área de 1.240 hectares. O bioma predominante desta unidade de conservação brasileira é de floresta ombrófila densa antimontana. Suas coordenadas geográficas são S 20º 24'07" W 41º 01'23".

 

É um Parque estadual localizado no estado do Espírito Santo, no município de Domingos Martins, com altitude média de 1350mts, possuí uma área de 1.240 hectares, apenas 5% do parque é aberto a visitação, e abriga a Pedra Azul e a Pedra das Flores, importantes afloramentos de granito e gnaisse, cartões postais do estado, por causa de sua beleza espetacular, com respectivamente 1822 e 1909mts, por passarem a maior parte do tempo encobertas pelas nuvens, há um micro-clima super-úmido e frio em seu topo, isso faz com que muitas plantas, especialmente flores e orquídeas cresçam em seu topo (dai o nome).

 

A região com rica biodiversidade e diversas espécies endêmicas, foram catalogados 182 espécies de aves, 51 espécies de bromélias,e 126 espécies de orquídeas, no parque existem muitas cobras, veados, macacos, preguiças algumas onças e muitas aves, com atenção para as Andorinhas de Colar Branco, que migram para região durante os meses de junho a julho, quando a temperatura na região fica na casa de 0°C, elas fazem suas tocas e se reproduzem em cavernas, na Pedra Azul, a vegetação original é a mata atlântica, com árvores que chegam a 25 metros, a muitas bromélias, samambaias e orquídeas.

 

No parque, ficam localizadas as nascentes do rio Jucu, braço norte e braço sul, que abastece 70% do consumo de água na Grande Vitória, além da existência de vários lagos, cachoeiras e piscinas naturais[1] .

 

O parque fica localizado no distrito de Pedra Azul do Aracê, região que apresenta um clima que é considerado como terceiro melhor do mundo[carece de fontes].

 

A Pedra Azul, tem esse nome devido ao fato, de que dependendo da incidência de luz solar, a pedra, pode mudar de cor, ficando por não raras vezes de cor azul ou verde e até mesmo amarela. Entretanto, a maior parte do tempo branca acinzentada. Estima-se de que a Pedra Azul mude de cor 36 vezes por dia.

 

É no km 89/90 da BR 262 que pode ser visto o maciço da Pedra Azul com seu pico de 1822m de altitude. Também é conhecida como a Pedra do Lagarto pelo formato de uma saliência em forma de um animal que parece subir pela sua encosta. Aos fundos, na mesma formação rochosa de granito e gnaisse avista-se a Pedra das Flores com 1909 m de altura.

 

A Reserva Florestal de Pedra Azul foi transformada em Parque em 1991 com o objetivo de proteger o ecossistema de Mata Atlântica no entorno da Pedra Azul, ocupando uma área que atinge três municípios: Domingos Martins, Alfredo Chaves e Vargem Alta.

 

Para programar o passeio pelas trilhas da Pedra Azul é necessário agendar no CAVI (Centro de Apoio ao Visitante) pelo telefone (27) 3248-1156 no horário de 08:00 às 17:00 horas ou através do e-mail: pepaz@iema.es.gov.br. Existem quatro trilhas para percorrer: a das piscinas, do mirante, do lagarto e da base. Você pode visitar também no parque um museu ecológico que se encontra no Centro de Visitantes Júlio de Oliveira Pinho.

 

O parque é aberto para visitação de terça-feira a domingo. Às segundas-feiras fica fechado para manutenção. Todo passeio ao parque, deverá ser agendado com antecedência de pelo menos 1 dia, e deverá sempre ser acompanhado por um Guarda Florestal do IEMA; O horário de funcionamento do parque é de 08:00h às 17:00h. O horário de saída para os passeios é 09:00h pela manhã e 13:30h à tarde.

 

Duração dos passeios: Até as piscinas naturais demora de 02:30h a 03:00h ida e volta; Somente as trilhas baixas (Base da Pedra Azul e Lagarto/Mirante – 01:00h a 01:30h ida e volta;

 

Todo visitante deverá estar trajando roupas leves e confortáveis (é permitido o uso de calças de ginástica, bermudas e calções) e calçados fechados como tênis ou botas (sem salto) com boa aderência ao solo.

 

Os visitantes poderão banhar-se nas piscinas naturais. Podem levar roupa de banho e, se quiserem, um lanche leve.

 

Para maior segurança na escalada para as piscinas naturais, o número máximo de pessoas por vez na corda é de duas pessoas e a idade mínima permitida é 10 anos.

Copyright © 2016 Ruggero Poggianella Photostream

All rights reserved. Please, do not use my photos/videos without my written permission.

Please note that the fact that "this photo is public" doesn't mean it's public domain or a free “stock image”. Unauthorized use is strictly prohibited. If you wish to use any of my images for any reason/purpose please contact me for written permission.

 

FIAT Nuova 500 Giardiniera & Commerciale

Il 1960 è un anno ricco di novità per l'intera gamma FIAT. Nel mese di maggio viene allargata la gamma delle "500" con la versione Giardiniera, e "Commerciale" (tipo 120Z), quest’ultima caratterizzata dal tetto rigido con nervature di rinforzo e dall'assenza di superfici vetrate posteriori. La Giardiniera sarà l'unica variante di carrozzeria della "Nuova 500". GIARDINIERA O GIARDINETTA? Nome ufficiale Giardiniera, anche se il termine corretto è Giardinetta essendo stato coniato in campo automobilistico dalla carrozzeria Viotti per definire le vetture con le fiancate rifinite in legno. Giardiniera invece ha una origine più antica. La denominazione veniva usata per le carrozze scoperte trainate da cavalli aventi i sedili disposti lateralmente. Già da qualche tempo si avvertiva la mancanza della vecchia FIAT 500 C “Topolino” Belvedere, ciò che oggi chiameremmo station wagon o familiare. In verità l'esperimento era già stato tentato con la Multipla (600), prima monovolume della storia dell'automobile, che però si avvia ad una onorata carriera nel trasporto pubblico grazie alla sua ottima abitabilità per passeggeri ma con scarsa propensione al trasporto di bagaglio. L'ingombro e la sistemazione al posteriore del motore impedisce la costruzione di un vano di carico allungato.

Meccanica: Ancora una volta il genio del progettista, Dante Giacosa, è costretto a una completa revisione del progetto 500, escogitando una soluzione di grande interesse tecnico: il motore (sigla 120.000) da 499.5 cc e 17,5 cv a 4600 g/m, a sogliola (così chiamato per gli ingombri ridottissimi, i cilindri vengono ruotati di 90 gradi) può essere alloggiato interamente sotto il pianale di carico. Motore da 499 cc. Una scelta d'avanguardia, visto che su tutte le altre "familiari" per soddisfare le stesse esigenze, si è dovuto adottare inevitabilmente il motore anteriore. Il 120.000 può essere quindi considerato una unità completamente diversa dal 110.000, infatti le differenze costruttive sono evidenti partendo vista motore 120.000 senza carter dal carburatore orizzontale Weber 26 OC, dalla posizione dello spinterogeno e dell’ingresso per il rabbocco dell’olio motore. Essendo il motore "sdraiato" sul lato destro, la coppa dell'olio è integrata nel monoblocco e a differenza della testa della berlina, i condotti di scarico non sono laterali, questo permette ai gas di scarico di avere una fuoriuscita più diretta, infatti il disegno dei collettori e della marmitta risulta più regolare non facendo curve brusche come sulla 500 berlina. In aggiunta la nuova testata può permettersi alettature laterali molto più estese; la dissipazione di calore è più efficiente. Le valvole sono già dotate di due molle di richiamo, a differenza del 110 che le avrà in dotazione solo sull'aggiornamento 110F. L'intero circuito di raffreddamento del motore è ridisegnato con una nuova ventola che aspira l’aria attraverso le cavità ricavate nei montati e nella traversa posteriore. Dinamo potenziato a 230W e motorino di avviamento spostato in posizione abbassata, soluzione adottata successivamente sulle future 500 R e 126. Come anche l'ancoraggio del motore alla traversa posteriore. Con l'entrata in produzione della R, dal 1972 viene aggiornato l'impianto elettrico, spostato il comando idrostop al pedale del freno e i comandi plancia perdono l'interruttore luci quadro strumenti. La velocità massima raggiunta nelle prove su strada è risultata di oltre i 100 km/h, superiore a quello della Berlina!

Identifier: samaritansearlie00montuoft

Title: The Samaritans, the earliest Jewish sect; their history, theology, and literature

Year: 1907 (1900s)

Authors: Montgomery, James A. (James Alan), 1866-1949

Subjects: Samaritans

Publisher: Philadelphia J.C. Winston

Contributing Library: Robarts - University of Toronto

Digitizing Sponsor: MSN

  

View Book Page: Book Viewer

About This Book: Catalog Entry

View All Images: All Images From Book

 

Click here to view book online to see this illustration in context in a browseable online version of this book.

  

Text Appearing Before Image:

ctions by 1820.^^ For this period we havethe graphic memoir of the Samaritan refugee, Jacob esh-Shelaby,^^ who records in detail the wretched plight of theSamaritans. Because of the notoriously violent characterof the Muslim population of Nablus, it has been the customof the Ottoman government to appoint as Mutesellim orgovernor on^y a native Arab, who is nominated from oneof four rival families. In the bloody struggles which nowtook place among these factions the Samaritans were be-tween the upper and nether millstone, and their sorry condi-tion was aggravated by the Syrian wars of Mohammed AHof Egypt, with or against whom the rival parties took sides.That remarkable mans son and general, Ibrahim, tookNablus by the sword in 1832, but found it impossible to re-press the defiant Arabs. According to the Chronicle Adler,the Samaritans shared in the relief which Egyptian rule s Mills, Nablus, 279. 68 A^. et E. 126. ■ Ibid., 157, 161. 58 In Rogers, Notices of the Modern Samaritans, 1855.

 

Text Appearing After Image:

c ►J< c << c/, m oo < 13 c 3 X fc ca UNDER ISLAM 141 brought to the inhabitants of Syria, a statement corrobo-rated by Shelabys notice that in 1832 the sect again renewedits pilgrimage to Gerizim. In 1841 a conspiracy wasformed to murder all the Samaritans; their enemies werenot appeased with the gift of the Samaritan wealth, andShelaby gives credit to the chief rabbi of the Jewish com-munity in Jerusalem for issuing a certificate that theSamaritan people is a branch of the Children of Israel, whoacknowledge the truth of the Tora. This generous testi-monial satisfied the fanatical Muslims, because it showedthat the Samaritans had a right to Islams protection ex-tended to the Peoples of the Book.^^ The persecutionsinduced the community to address an appeal in 1842 to theFrench government, composed in a Hebrew and an Arabicdocument; but for purposes of state, Louis Philippe did noteven publish the documents, and they were not brought tolight until some years later.^^ Accor

  

Note About Images

Please note that these images are extracted from scanned page images that may have been digitally enhanced for readability - coloration and appearance of these illustrations may not perfectly resemble the original work.

Enercon E 126 Windenergieanlage Hamburg Altenwerder im Bau

I think this is the backside of Walter Miller's head!

 

Scanned negatives E-126

Aktuell soll ein Windpark mit 5 gigantischen Windrädern (Typ E 126 mit 200 Meter Höhe) mitten in den Gemeindewäldern "Schächel" und "Hühnerkopf" errichtet werden.

www.kulturlandschaft-kohlbachtal.de/

 

Look @ Youtube.com --- Industriepark Soonwald - Die Rodung des Soonwaldes.......... Der Schächelwald zwischen Altenkirchen und Dittweiler in der Westpfalz / Wenn es nach den Gemeinderäten von Altenkirchen und Dittweiler geht wird es diesen Wald so nicht mehr lange geben . 2014 werden im Wald die Größten Windräder der Welt aufgestellt . 5 Windräder a 200 m hoch , 50m höher als der Kölner Dom , für jedes Windrad wird mindestens 1 ha Wald gerodet , ohne die Straßen die noch gebaut werden müssen . Die Heimat der dort lebenden Tier und Pflanzen wird zerstört . Nutzlose Windräder welche mit Subventionen unsere Stromkosten immer höher treiben , werden der Natur , Kulturgut und Erholung vorgezogen . Profit für einige Wenige und Zuzahlung für alle Anderen und Zerstörung der Natur im Landkreis Altenkirchen / Dittweiler ......... Diese Bilder und der Kommentar wiederspiegeln meine persönliche Meinung .

 

The Schächelwald between Altenkirchen and Dittweiler in the Western Palatinate / the municipal councils of Altenkirchen and Dittweiler want destroy this forest . 2014 established the largest wind turbines in the world in the forest. 5 wind turbines, 200 meters high, 50 meters higher than the Cologne Cathedral, for each wind turbine at least 1 ha of forest is cleared, without the roads have yet to be built. The home of the local fauna and flora is destroyed. Useless wind turbines with subsidies that drive our electricity costs ever higher, nature, cultural heritage and recreation are preferred. Profit for a few people and payment for all others and destruction of nature in the district of Altenkirchen / Dittweiler ......... These pictures and commentary reflect my personal opinion.

 

Onderaan staat een wit busje en een aantal auto's, dat geeft een beetje perspectief op de maten van deze grote turbine.

Diameter van de rotor: 126 m. Elektrisch vermogen: 7,5 MW.

 

Bij een goede wind heb je in een half uur meer elektriciteit opgewekt dan een gemiddelde woning in een jaar nodig heeft.

1 3 4 5 6 7 ••• 20 21