new icn messageflickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged Guido+Daniele

www.anemaecore.com

 

Anema e core ... Pino Daniele

 

Anema e core ... Perry Como

 

Lungo la strada più mondana dell'isola di Capri tra boutiques prestigiose ed alberghi di lusso c'è una piccola porta bianca quasi nascosta, proprio questo è l'ingresso del locale più frequentato delle notti capresi: l'Anema e Core.

Di fama internazionale è il fulcro della movida caprese, all'interno è possibile incontrare personaggi d'ogni tipo dalla popstar al politico, dall'industriale al presentatore televisivo, intellettuali, personaggi sportivi, modelle, perfino esponenti di varie stirpi reali.

 

L'artefice di questa magia ... Guido Lembo.

 

'La notte appartiene a lui, autentico stregone di Capri, l'imperatore notturno che comanda supremo sull'isola dalla mezzanotte all'alba, uomo capace di far scatenare il più pudico degli uomini politici in spontanee esibizioni di canto recitate a squarciagola dal palco, o ad incitare la più riservata delle dive ad esercitarsi in balli esotici degni delle danzatrici più energiche. Basta entrare nel suo regno per sciogliere ogni riserbo, e per chi non dovesse riuscirci, ci penserà Guido, l'abilissimo maestro delle cerimonie.'

  

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

 

www.anemaecore.com

 

Along the way most fashionable island of Capri among prestigious boutiques and luxury hotels is a small white door almost hidden, this is precisely the entry of local busiest nights of Capri: the Anema e Core.

Of international fame is the hub of nightlife in Capri, you can meet people in every type from the pop star to politician, industrialist to television presenters, philosophers, sportsmen, models, even members of various royal lines.

 

The creator of this magic ... Guido Lembo.

 

'The night belongs to undisputed ruler of Capri, the emperor who commands the supreme night on the island from midnight dawn, a man capable of unleashing the most modest of politicians in spontaneous performances by singing loudly recited from the stage, or to encourage the more reserved of the stars to practice exotic dance worthy of the most energetic dancers. Just enter his kingdom to lift any restraint, and who fails, we think Guido, skilled master of ceremonies. '

SILVER SPRING - 1/31/06: Animal Planet Helping Hands Hero Of The Year shoot in Silver Spring, MD on February 2, 2006. Italian artist Guido Daniele painted the hands used in the shoot. James Patterson is the hand model.

SILVER SPRING - 2/2/06: Animal Planet Helping Hands Hero Of The Year shoot in Silver Spring, MD on February 2, 2006. Italian artist Guido Daniele painted the hands used in the shoot. Eric Messner is the hand model.

Copyright dell'artista, immagine di presentazione per la sua partecipazione a Inchiostro Festival.

 

Alessandria invasa da 50 illustratori, calligrafi, artisti e stampatori d'arte da tutta

Italia. Due giorni di spettacolari esibizioni dal vivo fra le arti figurative e la musica.

Questo è Inchiostro Festival.

1 e 2 giugno 2013 - Chiostro di Santa Maria di Castello, Alessandria.

 

Alessandria sarà la cornice, e forse anche l'ispirazione, per disegnare e dipingere con

l'inchiostro mille visioni in bianco e nero. La città accoglierà, nel cuore del suo Borgo

Rovereto, una due giorni live con cinquanta grandi artisti professionisti che

affascineranno il pubblico lavorando dal vivo fra laboratori, illustrazioni, torchi,

xilografia, serigrafia, calligrafi e sfide con pennino e pennello per un evento senza

pari. Qualcosa di unico nel panorama cittadino e nazionale.

 

Una città da sempre considerata "grigia" vede un fermento organizzativo che smuove i

propri artisti, da loro nasce il desiderio di cancellare una nomea "nebbiosa e piatta"

lanciandosi in un weekend d'arte live, al sole e all'aria aperta. Non una manifestazione

localistica e autoreferenziale ma un evento dal respiro nazionale, una residenza d'artista

che accoglierà al meglio i cinquanta ospiti reclutati da tutta Italia. Una boccata

d'ossigeno e vitalità soprattutto per i cittadini e per i giovani che, in un momento

difficile per la città, potranno addirittura partecipare come volontari. Sarà l'occasione,

per tutti, di vedere all'opera professionisti molto apprezzati nel settore, stare gomito a

gomito con loro mentre lavorano e vedere diversamente il futuro.

 

"Vogliamo stimolare la partecipazione non solo della città ma degli appassionati delle

regioni vicine, dimostrare che alle difficoltà di una città in "dissesto economico"

rispondiamo con l'iniziativa, la cultura e l'arte." - afferma Giancarlo Sansone, uno dei

promotori con Progetto Associa - "Una risposta che ricordi a tutti che dall'arte si

riparte anche economicamente. La Cultura rappresenta infatti in Europa ben il 6,4% del PIL

(il doppio del settore industriale automobilistico - rif. Studio KEA Europeans Affairs),

con una notevole importanza anche per occupazione e lavoro."

 

Si, perché pur essendo un ambito artisti la professionalità e le opportunità di lavoro

sono al top. Alla manifestazione parteciperanno cinquanta eccellenze nel campo

dell'illustrazione e della calligrafia per un confronto/scambio permanente, artisti di

altissimo livello con esperienze all'estero in vari settori: dalle mostre alle

pubblicazioni editoriali, dalla collaborazione con aziende internazionali alla

pubblicità, dall'illustrazione per l'infanzia ad ogni altro tipo di ambito delle arti

applicate per un Festival interattivo fra arti grafiche e performances.

Senza nessun ordine particolare potremmo citare fra gli illustratori ospiti Francesco

Chiacchio, 108, Riccardo Guasco, Gianluca Folì, Alice Lotti, Gloria Pizzilli, Alex Raso,

Daniela Tieni, Matteo Berton, Chiara Terraneo, Roberta Maddalena (aka Birò), Mp5, Laura

Fanelli, Barbara Sansone, Andrea Musso, Alice Lenaz, Mario Sansone, Roberto Moscardini,

Alessandro Gottardo, Christian Schettino, Francesco Santosuosso, Francesca Magro, Gianluca Negrini, Guido Scarabottolo, Daniele Righi Ricco, Roberto Barisone, Gianni Baretta, Alberto Boschi, Nadir Montagnana e Marco Useli. Fra i fumettisti Dr. Pira, Cristiano

Spadavecchia, Alessandro Parodi, Fabrizio Longo, Gli Illustàti e Andrea Denegri. Come calligrafi Barbara Calzolari, Æno ed il performer street artist greco Simon Silaidis. Fra

gli stampatori d'arte CORPOC, Joe Quercia - Unodiuno, Inamorarti di Paolo Berra ed Elisa

Talentino, Tryagainlab di Luisella Cresto, Ilaria Reposo, 70Magenta, Beppe Molinar,

Stamperia d'Arte 74/b di Ivan Pengo, Moreno Chiodini, Mara Cozzolino, Rivista

Smens di Gianfranco Schialvino e Gianni Verna, Elettra Gorni, Enrico Francescon e Cristina Urban.

Dal porticato del chiostro al prato, passando per la sala affreschi, il pubblico potrà

ammirare le opere realizzate in tempo reale, seguire un percorso fra show-case, workshop,e

performance dal vivo, incontrare gli autori e portarsi a casa le "opere originali"

riprodotte sul momento, numerate e autografate, su poster e altri supporti. Il centro

stampa digitale, allestito con le ultime tecnologie Xerox, vede la partnership di Office3

(una storica eccellenza alessandrina) per le forniture e l'allestimento di questa

importante parte del Festival. A partire dalle 14:30 del sabato avrà inizio l'attività da

programma ma già dal mattino il Chiostro sarà un fermento organizzativo, inizieranno poi

le dimostrazioni al torchio, linoleum, xilografia, Mokuhanga giapponese, tecnica a

lametta, serigrafia d'artista fino alle printing hours per il pubblico dove provare a

stampare il prima persona le magliette ufficiali del Festival. Sono previsti anche eventi

serali, proiezioni, sfide fra illustratori, contaminazioni con la musica dal vivo e

l'improvvisazione. Il tutto si concluderà domenica con le sessioni di stampa delle 12:00,

il brindisi e la performance finale di Marco Useli alle 16:30. Per tutti questi dettagli

sul programma , e per leggere le presentazioni complete degli ospiti partecipanti, basta

solo collegarsi al sito ufficiale www.inchiostrofestival.wordpress.com

 

Diamoci quindi appuntamento al Chiostro di Santa Maria di Castello, l'1 e 2 giugno

prossimi, per scoprire dal vivo questo fermento artistico e culturale, che saprà

sicuramente incuriosire e coinvolgere il pubblico in prima persona.

Questo è lo spirito di un Festival partecipativo e vissuto che sa essere residenza

artistica: un evento che ospita gli artisti partecipanti proprio nell'ostello all'interno

della struttura del Chiostro, che offre loro l'occasione di cenare e fare colazione con il

pubblico (che dovrà prenotarsi) sempre nel Chiostro, che li accompagna in giro per la

città per pranzare nel verde alla Ristorazione Sociale o per vivere la notte cittadina. Si

vuole così ottenere un nuovo modo di accogliere e vivere la città, in maniera viva e

intelligente, gestendo al meglio l'incontro e valorizzando le risorse cittadine.

Le collaborazioni per un'edizione "zero" sono fondamentali e per questo bisogna rigraziare

anche il Lab121, AlessandriaVentiVenti, la rivista PaperStreet, Birra Ceca, Officine

Marcovaldo, il gruppo di improvvisazione del Conservatorio Vivaldi e gli artisti di strada

di 3000 Capriole che accompagneranno il pubblico a suon di musica, da e per il Festival

Inchiostro, incastrando questo appuntamento del weekend con quello musicale. Inchiostro

Festival sarà a ingresso gratuito grazie agli sponsor e al coordinamento di associazioni,

gruppi informali, cittadinanza attiva e Progetto Associa. Il Festival è patrocinato della

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, Fondazione CRA,

Regione Piemonte, Provincia e Comune di Alessandria.

 

Infine ai ragazzi è poi dedicato un concorso, con scadenza al 30 maggio, per aspiranti

illustratori o fumettisti. Il bando è pubblicato da oltre un mese sul sito insieme a

regolamento e modulo d'iscrizione, il tempo stringe e chi vuole ancora partecipare dovrà

essere molto veloce.

 

Nell'attesa attenzione agli appuntamenti anticipatori "festival off" che, a sorpresa,

potranno apparire in città con artisti ospiti di una libreria per presentare un libro,

inaugurare una mostra, semplicemente bere qualcosa insieme e organizzare gli appuntamenti

per vivere la città. Il tutto sempre indossando la maglietta esclusiva dello staff di

Inchiostro. D'altronde si sa, quando si rovescia un boccettino l'inchiostro questo si

allarga a formare rivoli e macchie che arrivano un po' ovunque. Per non perdersi nessun

appuntamento di "aspettando il festival" bisogna quindi seguire, sin da ora, la pagina

Facebook ufficiale: www.facebook.com/inchiostro.festival

 

Inchiostro Festival

c/o Via Santa Maria di Castello 14, Alessandria (AL) Italia

inchiostro.festival@gmail.com

www.inchiostrofestival.wordpress.com

www.facebook.com/inchiostro.festival.alessandria

Micheldever in the twilight hour.

 

I'm listening to Dino and Franco Piana's septet release called Seven featuring Luca Mannutza, Roberto Gatto, Fabrizio Bosso, Max Ionata, Giuseppe Bassi.

 

Puts me in mind of an incredible evening I once enjoyed in Basingstoke with the Italian Instabile Orchestra where I was able to chat in the bar to some of Italy's finest Jazz musicians - the line up was Eugenio Colombo sop sax & flute; Gianluigi Trovesi alto sax; Carlo Actis Dato baritone sax; Daniele Cavallanti tenor sax; Giancarlo Schiaffini trombone; Lauro Rossi trombone; Beppe Caruso trombone; Martin Mayes horn; Pino Minafra trumpet; Alberto Mandarini trumpet,flugelhorn; Guido Mazzon trumpet; Emanuele Parrini violin; Paolo Damiani cello; Giovanni Maier bass; Umberto Petrin piano; Tiziano Tononi drums percussion; Vincenzo Mazzone drums percussion; Matthew Bourne keyboards.

Guido Reni (November 4, 1575 – August 18, 1642) was a prominent Italian painter of high-Baroque style. Born in Bologna into a family of musicians, Guido Reni was the son of Daniele Reni and Ginevra de’ Pozzi. As a child of nine, he was apprenticed under the Bolognese studio of Denis Calvaert. Soon after, he was joined in that studio by Albani and Domenichino. Reni died in Bologna in 1642. He is buried with Elisabetta Sirani in the Rosary Chapel of the Basilica of San Domenico in Bologna.

 

gandalfsgarden.blogspot.com/2011/10/guido-reni-saint-ceci...

 

Inspired by the body painting of the artist Guido Daniele I came up with the idea of creating a hand made out of sneak’s skin with the used Photoshop. I used a close up photograph of a snake that I have taken and a created a collage in Photoshop in order to fit properly on the hand and then I added some shadows to make it look natural.

matrial : photoshop

sate :2017

Oh Madonna Mia!” Accoglili tra le tue braccia...

 

La Regione Abruzzo ha reso noto l'elenco nominativo provvisorio delle vittime del terremoto. La lista, on line, è così articolata: nome, cognome, data di nascita e sesso.

www.youtube.com/watch?v=_j0LI4sNHfo&feature=related

A

Abdija Nurije 1968 F

Airulai Alena 07/02/1998 F

Alessandri Carmine 55/65 anni M

Alloggia Silvana 09/11/1942 F

Alviani Marco 11/08/1967 M

Andreassi Irma 27/09/1936 F

Andreassi Maria Antonella 03/11/1958 F

Andreassi Loreto 22/04/1931 M

Antonacci Giuseppa 31/01/1924 F

Antonini Giusy 09/07/1984 F

Antonini Maurizio 02/03/1971 M

Antonini Genny 17/11/1986 F

Antonini Stefano 11/08/1999 M

Antonucci Maria Assunta 16/09/1947 F

B

Bafile Vittorio 22/02/1928 M

Balassone Silvana 17/07/1936 F

Basile Anna 24/11/1960 F

Bassi Agata 06/12/1940 F

Battista Ines 31/01/1933 F

Battista Martina Benedetta 14/08/1987 F

Belfatto Angela 02/10/1919 F

Berardi Achille F

Bernardi Maria 16/06/1949 F

Bernardi Gaetano 26/10/1928 M

Bernardini Giovanna 28/09/1978 F

Berti Valentina 11/02/1975 F

Bianchi Nicola 08/08/1986 M

Biasini Giovanni 1946 M

Biondi Elisabetta 19/07/1936 F

Bobu Darinca Mirandolina 29/09/1973 F

Bonanni Anna Bernardina 16/11/1936 F

Bortoletti Daniela 09/01/1987 F

Bronico Sara 06/07/1997 F

Brunelli Giulio 10/01/1937 M

Bruno Filippo Maria 10/11/1992 F

Bruno Berardino 23/04/1982 M

Brusco Luisa 28/02/1913 F

C

Calvi Bolognese Angela 04/05/1976 F

Calvisi Maria 31/05/1926 F

Calvitti Massimo 08/06/1959 M

Canu Antonika 27/01/1931 F

Capasso Iolanda 15/02/1963 F

Capuano Luciana Pia 25/07/1989 F

Carletto Lidia 30/01/1933 F

Carli Anna Maria 18/01/1944 F

Carli Augusto 03/01/1931 M

Carnevale Giulia 10/07/1986 F

Carosi Claudia 25/05/1979 F

Carpente Giovannino 01/01/1953 M

Cellini Luigi 17/11/1993 M

Centi Ludovica 28/09/2008 F

Centi Antonio 21/06/1947 M

Centi Pizzutilli Rocco M

Centofanti Davide 12/09/1989 M

Cepparulo Teresa 08/05/1948 F

Cervo Francesca 06/08/1945 F

Chernova Marija 07/01/2001 F

Chiarelli Achille 17/07/1934 M

Cialone Katia 09/06/1975 F

Ciancarella Elvezia 13/12/1958 F

Cicchetti Adalgisa 08/05/1932 F

Cimini Anna 27/04/1928 F

Cimorroni Concetta 28/11/1945 F

Cinì Lorenzo 01/06/1986 M

Cinque Matteo 05/08/1999 M

Cinque Davide 22/10/1997 M

Ciocca Elena 03/10/1919 F

Ciolfi Loris M

Ciolli Danilo 25/10/1983 M

Cirella Chiarina 16/04/1921 F

Ciuffini Dario 16/04/1983 M

Ciuffini Nadia 21/09/1952 F

Ciuffoletti Fernanda 09/03/1919 F

Cocco Anna 15/08/1928 F

Colaianni Ada Emma 11/12/1926 F

Colaianni Antonina 30/09/1926 F

Colaianni Daniele 1933 M

Colaianni Elisa 10/10/1933 F

Compagni Giovanni 11/03/1982 M

Cora Alessandra 08/01/1986 F

Corridore Rocco 05/04/1946 M

Cosenza Giovanni 20/12/1926 M

Costantini Luigia 07/01/1932 F

Cristiani Armando 24 anni M

Cruciano Angela Antonia 13/06/1987 F

Cupillari Andrea 11/01/1978 M

D

Dal Brollo Alice 24/12/1988 F

Damiani Giovanna 04/04/1923 F

D'amore Osvaldo 22/05/1951 M

D'Andrea Vinicio 14/06/1926 M

D'Antonio Giannina 60/70 anni F

De Angelis Lisa 03/02/1939 F

De Angelis Jenny 18/03/1983 F

De Felice Fabio 09/08/1987 M

De Felice Antonio 14/01/1966 M

De Felice Alexandro 30/01/2005 M

De Felice Lorenzo 14/01/2006 M

De Iulis Luigi 05/02/1927 M

De La Cruz Cursina Roberta 04/02/1952 F

De Nuntiis Maria Giuseppa 01/01/1925 F

De Paolis Anna Maria 17/04/1949 F

De Santis Angelina 20/04/1927 F

De Vecchis Panfilo 25/10/1922 M

De Vecchis Sara 01/02/1987 F

De Vecchis Pasquale 12/12/1938 M

Del Beato Maria Laura 08/03/1933 F

Del Beato Marisa 04/07/1935 F

Deli Serafina 18/11/1925 F

Della Loggia Lorenzo 02/12/1983 M

D'Ercole Alfredo 17/05/1942 M

D'Ercole Simona 23/05/1979 F

Di Battista Giuliana 04/03/1932 F

Di Cesare Luca 50 anni M

Di Filippo Rosina 26/02/1924 F

Di Giacobbe Maria 01/11/1947 F

Di Marco Stefania 12/02/1952 F

Di Marco Paolo 30/03/1987 M

Di Pasquale Alessio 14/10/1988 M

Di Pasquale Alessia 10/08/1986 F

Di Silvestre Gabriele 10/08/1989 M

Di Simone Alessio 13/09/1984 M

Di Stefano Domenica 23/01/1943 F

Di Stefano Odolinda 05/07/1937 F

Di Vincenzo Caterina 55/65 anni F

D'Ignazio Assunta 11/11/1937 F

Dottore Corrado 03/04/1963 M

E

El Sajet Boshti 09/12/2005 M

Elleboro Liliana 17/02/1933 F

Enesoiu Adriana 11/05/1961 F

Esposito Andrea 12/04/2006 M

Esposito Francesco Maria 16/02/1985 M

 

F

Fabi Domenica 12/02/1934 F

Ferella Delia Solidea 05/05/1928 F

Ferrauto Filippo 19/04/1932 M

Fioravanti Claudio 28/03/1943 M

Fiorentini Liliana 12/07/1931 F

Fiorenza Elpidio 26/10/1983 M

Franco Rosalba F

Fratì Mauran 13/01/1997 F

G

Gasperini Wilma 29/08/1926 F

Germinelli Giuseppina 2002 F

Germinelli Chiara 1998 F

Germinelli Micaela 16/08/1995 F

Germinelli Rosa 29/03/1992 F

Ghiroceanu Laurentiu Costantin 19/12/1968 M

Ghiroceanu Antonio Ioavan 12/11/2008 M

Giallonardo Aurelio 16/06/1930 M

Giannangeli Salvatore 25/09/1934 M

Giannangeli Vincenzo 09/10/1973 M

Giannangeli Riccardo 13/05/1977 M

Gioia Piervincenzo 07/06/1963 M

Giugno Luigi 01/08/1974 M

Giugno Francesco 20/09/2007 M

Giustiniani Armando 30/04/1916 M

Grec Kristina o Marina 3-5 anni F

Guercioni Alberto 16/08/1973 M

H

Hasani Demal 15/12/1967 M

Hasani Refik 01/05/1965 M

Husein Hamade 28/07/1987 M

I

Ianni Franca 17/03/1948 F

Iavagnilio Michele 20/09/1983 M

Iberis Maria Incoronata 02/04/1927 F

Innocenzi Pierina 03/09/1952 F

Iovine Carmelina 15/12/1986 F

Italia Giuseppe 02/08/1963 M

K

Koufolias Vassilis 08/09/1981 M

L

Lannutti Ivana 03/07/1986 F

Leonetti Maria 21/03/1928 F

Liberati Vezio 12/06/1946 M

Liberati Vincenzo 06/11/1941 M

Lippi Giovanna 01/01/1955 F

Lippi Giuseppe 03/12/1918 M

Lisi Pasqualina 03/03/1950 F

Longhi Laura 10/05/1935 F

Lopardi Lidia 18/03/1917 F

Lunari Luca 15/03/1989 M

M

Magno Ada 05/10/1916 F

Marchione Francesca 08/08/1984 F

Marcotullio Elide 11/02/1939 F

Marcotullio Maria 06/11/1939 F

Marcotullio Bruno 13/05/1942 M

Marotta Carmine 13/01/1962 M

Marrone Maria Gilda 24/07/1920 F

Marrone Lina Loreta 15/04/1927 F

Marrone Maria Fina 29/10/1923 F

Marzolo Giuseppe 11/04/1976 M

Massimino Patrizia 19/08/1954 F

Mastracci Luana 05/12/1961 F

Mastropietro Luisa 16/01/1935 F

Mazzarella Anna 06/09/1929 F

Mazzeschi Valeria 23/09/1924 F

Miconi Giuseppe 19/03/1920

Migliarini Roberto 06/12/1966 M

Mignano Maria Civita 20/08/1984 F

Milani Francesca 10/01/2000 F

Monti Vicentini Erminia 11/11/1945 F

Moscardelli Federica 19/04/1984 F

Muntean Silviu Daniel 22/11/2002 M

Muzi Liberio 26/04/1920 M

Muzi Lucilla 13/12/1961 F

N

Nardis Cesira Pietrina 03/04/1934 F

Natale Maurizio 07/12/1987 M

Negrini Vincenza 25/02/1929 F

Nouzovsky Ondrey 25/05/1991 M

O

Olivieri Francesca 03/08/1986 F

Olivieri Francesco 19/02/1951 M

Orlandi Argenis Valentina 01/01/1986 F

Osmani Valbona 13/04/1996 F

P

Pacini Arianna 30/07/1982 F

Palumbo Anna 09/06/1947 F

Paolucci Maria Gabriella 03/03/1959 F

Papola Arturo 09/05/1942 M

Papola Elena 24/02/1935 F

Parisse Maria Paola 10/05/1993 F

Parisse Domenico jr 07/08/1991 M

Parisse Domenico sr 31/10/1934 M

Parobok Anna 25/07/1990 F

Passamonti Fabiana Andrea 06/07/1970 F

Pastorelli Sonia 18/07/1964 F

Pastorelli Aleandro 19/07/1921 M

Persichetti Sara 02/01/1986 F

Pezzopane Tommaso 05/02/1928 M

Pezzopane Iole 13/06/1918 F

Pezzopane Susanna M. Celeste 04/10/1983 F

Pezzopane Benedetta 16/08/1982 F

Placentino Ilaria 10/11/1989 F

Puglisi Paola 18/12/1940 F

Puliti Andrea 30-40 anni M

R

Rambaldi Ilaria 24/01/1984 F

Ranalletta Rossella 22/10/1984 F

Ranieri Oreste 24/04/1932 M

Romano Carmen 24/05/1988 F

Romano Giustino 06/09/1984 M

Romano Elvio 31/08/1984 M

Romualdo Maurizio Rocco 06/10/1920 M

Rosa Antonina 07/12/1925 F

Rossi Michela 27/04/1971 F

Rossi Valentina 22/04/1975 F

Rotellini Silvana 11/19/1933 F

Russo Annamaria 24/01/1970 F

S

Sabatini Serenella 07/09/1960 F

Salcuni Martina 31/03/1988 F

Salvatore Antonio 10/02/1931 M

Santilli Anna 09/07/1934 F

Santosuosso Marco 05/09/1988 M

Sbroglia Edvige 45/50 anni F

Scimia Maria Santa 12/01/1935 F

Scipione Serena 05/05/1984 F

Sebastiani Lorenzo 28/09/1988 M

Semperlotti Maria Grazia 17/09/1965 F

Sferra Ernesto 26/10/1925 M

Sidoni Emidio 08/01/1922 M

Sidoni Emanuele 10/06/1948 M

Silvestrone Vittoria 20/11/1917 F

Smargiassi Francesco 26/02/1944 M

Spagnoli Flavia 04/04/1989 F

Spagnoli Sandro 25/12/1957 M

Spagnoli Assunta 04/02/1949 F

Spaziani Claudia 1963 F

Sponta Aurora 25/02/1936 F

Strazzella Michele 22/01/1981 M

Suor Lucia Ricci Rosina 03/11/1926 F

T

Tagliente Vittorio 11/07/1983 M

Tamburro Marino 18/12/1930 M

Tamburro Giuliana 09/01/1963 F

Terzini Enza 02/02/1988 F

Testa Ivana 06/10/1930 F

Testa Evandro 07/06/1913 M

Tiberio Noemi 02/02/1975 F

Tomei Paola 28/05/1960 F

Troiani Raffaele 19/01/1975 M

Turco Giuliana 55-65 anni F

U

Urbano Maria 23/03/1989 F

V

Valente Mario 26/03/1926 M

Vannucci Matteo 21/06/1986 M

Vasarelli Vittoria 01/01/1924 F

Vasarelli Giuseppina 02/09/1929 F

Verzilli Paolo 11/04/1982 M

Visione Daniela 20/03/1966 F

Vittorini Fabrizia F

Z

Zaccagno Armedio 07/09/1923 M

Zaninotto Sergio 04/09/1940 M

Zavarella Roberta 23/12/1983 F

Zelena Marta 15/07/1992 F

Zingari Guido 17/01/1949 M

Zugaro Giuseppina 17/06/1956 F

Guido Reni

www.dorotheum.com/en/auctions/current-auctions/kataloge/l...

(Bologna 1575–1642)

Fortuna with a purse,

oil on canvas, 152 x 130 cm, framed

  

Watch the Video where Mark MacDonnell discusses Reni’s masterpiece and other outstanding works

  

Provenance:

Abbot Giovanni Carlo Gavotti, Bologna circa 1636;

Count Benadduce Benadduci, Tolentino circa 1638;

Thence by descent to Olimpia Benadduci, circa 1750;

Thence by descent to Stefano Gentiloni, Tolentino 1925;

Thence by descent in the Gentiloni family, Palazzo Sivleri-Gentiloni, Tolentino;

Private European Collection

  

Literature:

C.C. Malvasia, Felsina pittrice, Bologna 1678, ed. Bologna 1841, I, pp. 96-97, II, pp. 24, 31, 320;

F. Baldinucci, Notizie de’ professori del disegno da Cimabue in qua, 1681-1774, V, Florence 1702, pp. 327-328 (ed. Florence 1812, X, pp. 341-342);

G. Benaducci, Cenni Biografici sul Benadduce Benadducie memorie sui dipinti da lui allogati al Guercino ed a Guido Reni, Filefo,Tolentino 1886, pp. 20-21 (as Guido Reni);

G. Garboli and E. Bacceschi, L´opera completa di Guido Reni, Milan 1971, no. 117b 8 (as a copy);

A. Busiri Vici, ´Contributi per “La Fortuna” di Guido Reni´, in Studi di Storia dell´arte in onore di Antonio Morassi, Rome 1971, p. 232;

R. Petrangolini Benedetti Panici, ´La “Fortuna” di Guido Reni` Notizie da Palazzo Albani , X, 1976, no. 2, pp. 56-57, illustrated p. 55 fig. 3;

S.D. Pepper, Guido Reni: a complete catalogue of his works with an introductory text, Oxford, 1984, p. 277, no. 166A.I (as a copy);

S.D. Pepper, Guido Reni, l´opera completa, 1988, p. 287 at note 1, copie, no. 1 (as a copy);

S.D. Pepper and D. Mahon, Guido Reni’s ‘Fortuna with Purse’ rediscovered, in “The Burlington Magazine”, CXLI, 1999, pp. 156-163 (as Guido Reni).

  

The present painting is an extremely important rediscovery and we are very grateful to Professor Daniele Benati, Professor Erich Schleier and Nicholas Turner for all independently confirming the attribution after examining the painting in the original.

  

Benati has described the present work as entirely an original autograph work by Guido Reni of superb quality and he believes the painting to be of exceptional importance for the history of art. Schleier confirms that the present work is the unfinished prime original by Guido Reni and Nicholas Turner considers the present painting to be one of the masterpieces of Guido Reni´s late period and, as a work in progress, gives a fascinating insight into Reni´s creativity.

  

The present work is of extraordinary importance not only for its high pictorial quality, but also for the successful iconographic solution it adopts, which was destined to have great success. It also has a prestigious collection history and until recently was considered lost. Research conducted by Stephen D. Pepper and Sir Denis Mahon clarified some of the provenance as well as reconstructing the genesis of the painting, and thus settling an issue which was further complicated by the presence of a version of the same subject by Guido Reni, in which Fortune is portrayed with a crown in her hand, instead of the purse with coins (see fig.1).

  

According to Filippo Baldinucci’s Notizie de’ professori del disegno (1702), Guido Reni had first painted the version in which Fortuna is depicted with a purse. This was commissioned by Abbot Giovanni Carlo Gavotti from Bologna, to whom Reni submitted it unfinished, requesting that it not be exhibited. However, Gavotti broke the agreement and not only did he request Girolamo Scarselli to make an etched engraving of the painting (see fig.2), but he also exhibited it in one of the painting exhibitions that aristocratic families used to organise in the porticos of Bologna in order to celebrate the religious festivities of their parish churches, known as ‘decennali eucaristiche’. Incensed at this effrontery, Reni realised a second version of the painting. Following a habit that appears to be typical of him, he relied on a copy started by his Veronese pupil Antonio Giarola, which he completed with the sole variation of the crown that Fortune carries in her right hand instead of the purse with coins. This second painting, which Baldinucci considered “of much higher value than Gavotti’s”, despite being only partly autograph, was spotted in Reni’s studio in 1639 by Luca Assarino (Sensi di umiltà e di stupore intorno la grandezza dell’Eminentissimo Cardinale Sacchetti, e le pitture di Guido Reni, Genoa 1646) and subsequently purchased by Monsignor Jacopo Altoviti of Florence, probably in Bologna to pay a visit to his cousin Cardinal Sacchetti, papal legate in Bologna between 1637 and 1640.

  

Whilst the version “with the crown”, formerly in Altoviti’s possession, can be identified as the painting in a private US collection, after appearing on the London market in 1987 and 1991 (see S. Pepper, Guido Reni. L’opera completa, Turin 1988, n. 159, pl. XII), further information concerning the first version “with the purse” can be found in Carlo Cesare Malvasia’s Felsina pittrice (1678), according to whom Abbot Gavotti resold it, despite its still being unfinished (“non finita ancora”), and made a profit amounting to twice the price he had paid to Reni, “that is six hundred scudi”. Therefore, the painting still mentioned at Palazzo Gavotti in Genoa as late as the 19th century was a copy that Gavotti had commissioned at the time of his successful sale (F. Alizeri, Guida artistica per la città di Genova, Genoa 1846, II, p. 641). The proof of the compositions fame were, besides the divergent woodcut by Bartolomeo Coriolano and the aforementioned etching by Scarselli (Rossoni, op. cit., pp. 68-69, nn. 29, 31), numerous workshop copies, some of which are still preserved today. Nothing is known of a copy, formerly at the Hercolani collection in Bologna, which may perhaps be attributed to Elisabetta Sirani and which, according to the edition of Felsina pittrice (1841, II, p. 24 note 1), had just been sold in England. As early as 1924 another copy was bequeathed to the Vatican Pinacoteca by the restorer Antonio Castellano. This copy can be identified as the painting from the Sacchetti collection in Rome, which an inventory of 1647-1655 still indicated as likely being a work by Sirani, although later inventories mentioned both Giovanni Francesco Gessi and Reni himself as the author. Prior to the resurfacing of the present painting under discussion, the painting at the Vatican Pinacoteca was considered the autograph original and had been identified as the painting that Reni had executed for Gavotti (see Pepper, op. cit., n. 158, fig. 148).

  

Research conducted by Pepper and Mahon has shown that the present painting belonged to the important collection of the noble Benadduci family of Tolentino, which boasted a large number of Bolognese works (Reni, Guercino). In 1925 a scion of the family, Stefano Gentiloni, offered it for sale to the Vatican Pinacoteca to no avail. In 1886, while still at Palazzo Benadduci in Tolentino, the work was heavily repainted and it was only thanks to a restoration solicited by Pepper and Mahon that the extraordinary freshness of the original could re-emerge, revealing its ‘unfinished’ nature as mentioned in the sources: besides the sky’s blue, that lacks the final velatura, considerable pentimenti are visible, such as the pink cloth wrapped around the goddess, the position of her left leg and the clouds. A direct comparison with the specimen bequeathed to the Vatican Pinacoteca in 1924 has also revealed a much freer technique, capable of that soft rendering of complexion that is characteristic of Guido Reni’s work of around 1636-37, i.e. in the years from which we can date the execution of the work on the basis of the documentary evidence mentioned above.

  

Since the core of the Benadduci collection results from the purchases undertaken by Count Benadduce Benadduci (d. 1643), who held the office of Uditore del Torrone in Bologna from 1638 onwards, it is very likely that he directly purchased the painting from Gavotti. As in similar other cases, the location of the collection, which was far from the centres known to international connoisseurs, precipitated this beautiful canvas’s fall into oblivion – until its recent rediscovery gave us back one of the most brilliant and once celebrated masterpieces from the late period of Guido Reni´s oeuvre.

  

The composition depicts Fortuna, the goddess of fortune and personification of luck, covered only by a floating pink cloth and flying over the globe, holding a palm and a sceptre in her left hand and dropping coins and jewels from a small purse in her right hand. A flying putto symbolising Chance (Kairòs in Greek, Occasio in Latin) restrains her by pulling on her loose hair. The representation of Fortune, which took form from the Middle Ages onwards, initially depicted her on a wheel as an allusion to the cyclical nature of her action. Subsequently, it was enriched by the contrasting intervention of Chance, which renders her influence on human life even more unstable and precarious (E. Rossoni, in Dea Fortuna. Iconografia di un mito, ed. by M. Rossi, exhibition catalogue, Carpi 2010, p. 18).

  

We are extremely grateful to Professor Daniele Benati for his help in cataloguing this lot.

  

GUIDO RENI´S CRITICAL ACCLAIM

  

Guido Reni is one of the most celebrated and successful painters of 17th century Italy. Amongst the major painters of the period only Caravaggio can rival Reni for his artistic influence, however Caravaggio´s real critical acclaim was to come later. As Professor Richard Spear has explained (see R.E. Spear The Divine Guido: Religion, Sex, Money and Art in the World of Guido Reni, 1997) the demand for Reni´s work was far greater, as was the dissemination of copies after it. The status of Reni´s patrons and the prices they paid for his work, together with the critical response of the time testify to his importance. To also take consideration of his influence on other artists is clear that Reni was a 17th Century artistic luminary.

  

Reni’s greatest impact was naturally in his home city of Bologna, where he was unquestionable the leading artist after the death of Ludovico Carracci in 1619. His influence lasted for generations through the paintings and graphic art of those who worked directly with him, such as Gessi, Cantarini, Giovanni Andrea Sirani and Guido Cagnacci; or through those artists who perpetuated his style secondhand, from Elisabetta Sirani, Domenico Maria Canuti, Carlo Cignani, Lorenzo Pasinelli, Giovanni Gioseffo dal Sole and Francesco Franceschini to Donato Creti and the Gandolfi in the 18th century, who constituted Reni’s second- and third-generation progeny.

  

In Rome, Reni’s figural grace and conception of ecstasy were especially admired and studied by major artists, among them Domenichino, Andrea Sacchi, Giovanni Francesco Romanelli, Alessandro Algardi, Bernini, Carlo Maratti, Pompeo Batoni and Anton Raphael Mengs. Milanese artists such as Francesco Cairo and Carlo Francesco Nuvolone and the Florentine Francesco Furini are further indications of Reni’s widespread impact on regional schools. Reni also attracted foreign residents, too, including Anthony van Dyck. Even in ‘Caravaggesque’ Naples, his painting had a strong effect on Jusepe de Ribera and Massimo Stanzione, who in turn were the two most influential teachers in the city. Their work and that of their students, together with the rich holdings of Reni’s paintings in Spain, had a significant impact on the development of various Spanish artists, notably Murillo.

  

The French theoretician Roger de Piles aptly characterized the source of Reni’s appeal when he wrote that Reni ‘arrived at a manner that could please everyone’ because it was simultaneously ‘grande’, ‘facile’ and ‘gracieuse’. In France, Reni’s work was greatly admired for its elegance. It is telling that, of the approximately 400 Italian pictures carried off to Paris as Napoleonic booty, 18 were by Reni. Stendhal, comparing the frescoes by Reni and Domenichino at San Gregorio Magno in Rome, judged Reni’s to be much superior and concluded that the artist must have possessed a French soul. Stendhal’s conviction seems to have been confirmed in the work of Simon Vouet, Eustache Le Sueur, Pierre Mignard, Charles Le Brun, Charles-Joseph Natoire, Joseph-Marie Vien, Louis and Jean-Jacques Lagrenée, Jean-Baptiste Greuze and Ingres, among many others, who absorbed the influence of the Italian artist.

  

Reni’s historical place was exalted from the 17th century onwards. Early biographers wrote extended, complimentary accounts of his work. From writings as early as 1614 onwards, there was a tendency to isolate three characteristics in Reni’s art: its angelic forms, compositional grace and beautiful brushwork, and to equate their maker with the greatest painter of antiquity, Apelles.

Gian Lorenzo Bernini’s 17th-century viewpoint was that Reni painted ‘pictures of Paradise’. Reni’s refined and graceful images were seen as visions of other-worldly beauty that could offer the faithful a foretaste of heaven.

  

additional pictures

Guido Reni, Fortuna mit Krone, Öl auf Leinwand, 163,8 x 131 cm, Privatsammlung USA

Girolamo Scarselli nach Guido Reni, Radierung, Harvard Art Museum, William M. Prichard Fund, S1.71.2 Allan Macintyre :copyright: President and Fellows of Harvard College

  

Specialist: Mark MacDonnell

 

commons.wikimedia.org/wiki/File:Guido_Reni_-_Fortuna_with...

Lahti - Finland - June 12th 2009 - Race 1 of the Gp of Finland. Final results are Guido Cappellini Zepter Team, Jonas Andersson of F1 Team Azerbaijan and Fabio Comparato of 800 Doctor Team. In this picture Daniele Martignoni Mad Croc F1 Team Woodstock. Picture by Vittorio Ubertone/Idea Marketing

Copyright dell'artista, immagine di presentazione per la sua partecipazione a Inchiostro Festival.

 

Alessandria invasa da 50 illustratori, calligrafi, artisti e stampatori d'arte da tutta

Italia. Due giorni di spettacolari esibizioni dal vivo fra le arti figurative e la musica.

Questo è Inchiostro Festival.

1 e 2 giugno 2013 - Chiostro di Santa Maria di Castello, Alessandria.

 

Alessandria sarà la cornice, e forse anche l'ispirazione, per disegnare e dipingere con

l'inchiostro mille visioni in bianco e nero. La città accoglierà, nel cuore del suo Borgo

Rovereto, una due giorni live con cinquanta grandi artisti professionisti che

affascineranno il pubblico lavorando dal vivo fra laboratori, illustrazioni, torchi,

xilografia, serigrafia, calligrafi e sfide con pennino e pennello per un evento senza

pari. Qualcosa di unico nel panorama cittadino e nazionale.

 

Una città da sempre considerata "grigia" vede un fermento organizzativo che smuove i

propri artisti, da loro nasce il desiderio di cancellare una nomea "nebbiosa e piatta"

lanciandosi in un weekend d'arte live, al sole e all'aria aperta. Non una manifestazione

localistica e autoreferenziale ma un evento dal respiro nazionale, una residenza d'artista

che accoglierà al meglio i cinquanta ospiti reclutati da tutta Italia. Una boccata

d'ossigeno e vitalità soprattutto per i cittadini e per i giovani che, in un momento

difficile per la città, potranno addirittura partecipare come volontari. Sarà l'occasione,

per tutti, di vedere all'opera professionisti molto apprezzati nel settore, stare gomito a

gomito con loro mentre lavorano e vedere diversamente il futuro.

 

"Vogliamo stimolare la partecipazione non solo della città ma degli appassionati delle

regioni vicine, dimostrare che alle difficoltà di una città in "dissesto economico"

rispondiamo con l'iniziativa, la cultura e l'arte." - afferma Giancarlo Sansone, uno dei

promotori con Progetto Associa - "Una risposta che ricordi a tutti che dall'arte si

riparte anche economicamente. La Cultura rappresenta infatti in Europa ben il 6,4% del PIL

(il doppio del settore industriale automobilistico - rif. Studio KEA Europeans Affairs),

con una notevole importanza anche per occupazione e lavoro."

 

Si, perché pur essendo un ambito artisti la professionalità e le opportunità di lavoro

sono al top. Alla manifestazione parteciperanno cinquanta eccellenze nel campo

dell'illustrazione e della calligrafia per un confronto/scambio permanente, artisti di

altissimo livello con esperienze all'estero in vari settori: dalle mostre alle

pubblicazioni editoriali, dalla collaborazione con aziende internazionali alla

pubblicità, dall'illustrazione per l'infanzia ad ogni altro tipo di ambito delle arti

applicate per un Festival interattivo fra arti grafiche e performances.

Senza nessun ordine particolare potremmo citare fra gli illustratori ospiti Francesco

Chiacchio, 108, Riccardo Guasco, Gianluca Folì, Alice Lotti, Gloria Pizzilli, Alex Raso,

Daniela Tieni, Matteo Berton, Chiara Terraneo, Roberta Maddalena (aka Birò), Mp5, Laura

Fanelli, Barbara Sansone, Andrea Musso, Alice Lenaz, Mario Sansone, Roberto Moscardini,

Alessandro Gottardo, Christian Schettino, Francesco Santosuosso, Francesca Magro, Gianluca Negrini, Guido Scarabottolo, Daniele Righi Ricco, Roberto Barisone, Gianni Baretta, Alberto Boschi, Nadir Montagnana e Marco Useli. Fra i fumettisti Dr. Pira, Cristiano

Spadavecchia, Alessandro Parodi, Fabrizio Longo, Gli Illustàti e Andrea Denegri. Come calligrafi Barbara Calzolari, Æno ed il performer street artist greco Simon Silaidis. Fra

gli stampatori d'arte CORPOC, Joe Quercia - Unodiuno, Inamorarti di Paolo Berra ed Elisa

Talentino, Tryagainlab di Luisella Cresto, Ilaria Reposo, 70Magenta, Beppe Molinar,

Stamperia d'Arte 74/b di Ivan Pengo, Moreno Chiodini, Mara Cozzolino, Rivista

Smens di Gianfranco Schialvino e Gianni Verna, Elettra Gorni, Enrico Francescon e Cristina Urban.

Dal porticato del chiostro al prato, passando per la sala affreschi, il pubblico potrà

ammirare le opere realizzate in tempo reale, seguire un percorso fra show-case, workshop,e

performance dal vivo, incontrare gli autori e portarsi a casa le "opere originali"

riprodotte sul momento, numerate e autografate, su poster e altri supporti. Il centro

stampa digitale, allestito con le ultime tecnologie Xerox, vede la partnership di Office3

(una storica eccellenza alessandrina) per le forniture e l'allestimento di questa

importante parte del Festival. A partire dalle 14:30 del sabato avrà inizio l'attività da

programma ma già dal mattino il Chiostro sarà un fermento organizzativo, inizieranno poi

le dimostrazioni al torchio, linoleum, xilografia, Mokuhanga giapponese, tecnica a

lametta, serigrafia d'artista fino alle printing hours per il pubblico dove provare a

stampare il prima persona le magliette ufficiali del Festival. Sono previsti anche eventi

serali, proiezioni, sfide fra illustratori, contaminazioni con la musica dal vivo e

l'improvvisazione. Il tutto si concluderà domenica con le sessioni di stampa delle 12:00,

il brindisi e la performance finale di Marco Useli alle 16:30. Per tutti questi dettagli

sul programma , e per leggere le presentazioni complete degli ospiti partecipanti, basta

solo collegarsi al sito ufficiale www.inchiostrofestival.wordpress.com

 

Diamoci quindi appuntamento al Chiostro di Santa Maria di Castello, l'1 e 2 giugno

prossimi, per scoprire dal vivo questo fermento artistico e culturale, che saprà

sicuramente incuriosire e coinvolgere il pubblico in prima persona.

Questo è lo spirito di un Festival partecipativo e vissuto che sa essere residenza

artistica: un evento che ospita gli artisti partecipanti proprio nell'ostello all'interno

della struttura del Chiostro, che offre loro l'occasione di cenare e fare colazione con il

pubblico (che dovrà prenotarsi) sempre nel Chiostro, che li accompagna in giro per la

città per pranzare nel verde alla Ristorazione Sociale o per vivere la notte cittadina. Si

vuole così ottenere un nuovo modo di accogliere e vivere la città, in maniera viva e

intelligente, gestendo al meglio l'incontro e valorizzando le risorse cittadine.

Le collaborazioni per un'edizione "zero" sono fondamentali e per questo bisogna rigraziare

anche il Lab121, AlessandriaVentiVenti, la rivista PaperStreet, Birra Ceca, Officine

Marcovaldo, il gruppo di improvvisazione del Conservatorio Vivaldi e gli artisti di strada

di 3000 Capriole che accompagneranno il pubblico a suon di musica, da e per il Festival

Inchiostro, incastrando questo appuntamento del weekend con quello musicale. Inchiostro

Festival sarà a ingresso gratuito grazie agli sponsor e al coordinamento di associazioni,

gruppi informali, cittadinanza attiva e Progetto Associa. Il Festival è patrocinato della

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, Fondazione CRA,

Regione Piemonte, Provincia e Comune di Alessandria.

 

Infine ai ragazzi è poi dedicato un concorso, con scadenza al 30 maggio, per aspiranti

illustratori o fumettisti. Il bando è pubblicato da oltre un mese sul sito insieme a

regolamento e modulo d'iscrizione, il tempo stringe e chi vuole ancora partecipare dovrà

essere molto veloce.

 

Nell'attesa attenzione agli appuntamenti anticipatori "festival off" che, a sorpresa,

potranno apparire in città con artisti ospiti di una libreria per presentare un libro,

inaugurare una mostra, semplicemente bere qualcosa insieme e organizzare gli appuntamenti

per vivere la città. Il tutto sempre indossando la maglietta esclusiva dello staff di

Inchiostro. D'altronde si sa, quando si rovescia un boccettino l'inchiostro questo si

allarga a formare rivoli e macchie che arrivano un po' ovunque. Per non perdersi nessun

appuntamento di "aspettando il festival" bisogna quindi seguire, sin da ora, la pagina

Facebook ufficiale: www.facebook.com/inchiostro.festival

 

Inchiostro Festival

c/o Via Santa Maria di Castello 14, Alessandria (AL) Italia

inchiostro.festival@gmail.com

www.inchiostrofestival.wordpress.com

www.facebook.com/inchiostro.festival.alessandria

Copyright dell'artista, immagine di presentazione per la sua partecipazione a Inchiostro Festival.

 

Alessandria invasa da 50 illustratori, calligrafi, artisti e stampatori d'arte da tutta

Italia. Due giorni di spettacolari esibizioni dal vivo fra le arti figurative e la musica.

Questo è Inchiostro Festival.

1 e 2 giugno 2013 - Chiostro di Santa Maria di Castello, Alessandria.

 

Alessandria sarà la cornice, e forse anche l'ispirazione, per disegnare e dipingere con

l'inchiostro mille visioni in bianco e nero. La città accoglierà, nel cuore del suo Borgo

Rovereto, una due giorni live con cinquanta grandi artisti professionisti che

affascineranno il pubblico lavorando dal vivo fra laboratori, illustrazioni, torchi,

xilografia, serigrafia, calligrafi e sfide con pennino e pennello per un evento senza

pari. Qualcosa di unico nel panorama cittadino e nazionale.

 

Una città da sempre considerata "grigia" vede un fermento organizzativo che smuove i

propri artisti, da loro nasce il desiderio di cancellare una nomea "nebbiosa e piatta"

lanciandosi in un weekend d'arte live, al sole e all'aria aperta. Non una manifestazione

localistica e autoreferenziale ma un evento dal respiro nazionale, una residenza d'artista

che accoglierà al meglio i cinquanta ospiti reclutati da tutta Italia. Una boccata

d'ossigeno e vitalità soprattutto per i cittadini e per i giovani che, in un momento

difficile per la città, potranno addirittura partecipare come volontari. Sarà l'occasione,

per tutti, di vedere all'opera professionisti molto apprezzati nel settore, stare gomito a

gomito con loro mentre lavorano e vedere diversamente il futuro.

 

"Vogliamo stimolare la partecipazione non solo della città ma degli appassionati delle

regioni vicine, dimostrare che alle difficoltà di una città in "dissesto economico"

rispondiamo con l'iniziativa, la cultura e l'arte." - afferma Giancarlo Sansone, uno dei

promotori con Progetto Associa - "Una risposta che ricordi a tutti che dall'arte si

riparte anche economicamente. La Cultura rappresenta infatti in Europa ben il 6,4% del PIL

(il doppio del settore industriale automobilistico - rif. Studio KEA Europeans Affairs),

con una notevole importanza anche per occupazione e lavoro."

 

Si, perché pur essendo un ambito artisti la professionalità e le opportunità di lavoro

sono al top. Alla manifestazione parteciperanno cinquanta eccellenze nel campo

dell'illustrazione e della calligrafia per un confronto/scambio permanente, artisti di

altissimo livello con esperienze all'estero in vari settori: dalle mostre alle

pubblicazioni editoriali, dalla collaborazione con aziende internazionali alla

pubblicità, dall'illustrazione per l'infanzia ad ogni altro tipo di ambito delle arti

applicate per un Festival interattivo fra arti grafiche e performances.

Senza nessun ordine particolare potremmo citare fra gli illustratori ospiti Francesco

Chiacchio, 108, Riccardo Guasco, Gianluca Folì, Alice Lotti, Gloria Pizzilli, Alex Raso,

Daniela Tieni, Matteo Berton, Chiara Terraneo, Roberta Maddalena (aka Birò), Mp5, Laura

Fanelli, Barbara Sansone, Andrea Musso, Alice Lenaz, Mario Sansone, Roberto Moscardini,

Alessandro Gottardo, Christian Schettino, Francesco Santosuosso, Francesca Magro, Gianluca Negrini, Guido Scarabottolo, Daniele Righi Ricco, Roberto Barisone, Gianni Baretta, Alberto Boschi, Nadir Montagnana e Marco Useli. Fra i fumettisti Dr. Pira, Cristiano

Spadavecchia, Alessandro Parodi, Fabrizio Longo, Gli Illustàti e Andrea Denegri. Come calligrafi Barbara Calzolari, Æno ed il performer street artist greco Simon Silaidis. Fra

gli stampatori d'arte CORPOC, Joe Quercia - Unodiuno, Inamorarti di Paolo Berra ed Elisa

Talentino, Tryagainlab di Luisella Cresto, Ilaria Reposo, 70Magenta, Beppe Molinar,

Stamperia d'Arte 74/b di Ivan Pengo, Moreno Chiodini, Mara Cozzolino, Rivista

Smens di Gianfranco Schialvino e Gianni Verna, Elettra Gorni, Enrico Francescon e Cristina Urban.

Dal porticato del chiostro al prato, passando per la sala affreschi, il pubblico potrà

ammirare le opere realizzate in tempo reale, seguire un percorso fra show-case, workshop,e

performance dal vivo, incontrare gli autori e portarsi a casa le "opere originali"

riprodotte sul momento, numerate e autografate, su poster e altri supporti. Il centro

stampa digitale, allestito con le ultime tecnologie Xerox, vede la partnership di Office3

(una storica eccellenza alessandrina) per le forniture e l'allestimento di questa

importante parte del Festival. A partire dalle 14:30 del sabato avrà inizio l'attività da

programma ma già dal mattino il Chiostro sarà un fermento organizzativo, inizieranno poi

le dimostrazioni al torchio, linoleum, xilografia, Mokuhanga giapponese, tecnica a

lametta, serigrafia d'artista fino alle printing hours per il pubblico dove provare a

stampare il prima persona le magliette ufficiali del Festival. Sono previsti anche eventi

serali, proiezioni, sfide fra illustratori, contaminazioni con la musica dal vivo e

l'improvvisazione. Il tutto si concluderà domenica con le sessioni di stampa delle 12:00,

il brindisi e la performance finale di Marco Useli alle 16:30. Per tutti questi dettagli

sul programma , e per leggere le presentazioni complete degli ospiti partecipanti, basta

solo collegarsi al sito ufficiale www.inchiostrofestival.wordpress.com

 

Diamoci quindi appuntamento al Chiostro di Santa Maria di Castello, l'1 e 2 giugno

prossimi, per scoprire dal vivo questo fermento artistico e culturale, che saprà

sicuramente incuriosire e coinvolgere il pubblico in prima persona.

Questo è lo spirito di un Festival partecipativo e vissuto che sa essere residenza

artistica: un evento che ospita gli artisti partecipanti proprio nell'ostello all'interno

della struttura del Chiostro, che offre loro l'occasione di cenare e fare colazione con il

pubblico (che dovrà prenotarsi) sempre nel Chiostro, che li accompagna in giro per la

città per pranzare nel verde alla Ristorazione Sociale o per vivere la notte cittadina. Si

vuole così ottenere un nuovo modo di accogliere e vivere la città, in maniera viva e

intelligente, gestendo al meglio l'incontro e valorizzando le risorse cittadine.

Le collaborazioni per un'edizione "zero" sono fondamentali e per questo bisogna rigraziare

anche il Lab121, AlessandriaVentiVenti, la rivista PaperStreet, Birra Ceca, Officine

Marcovaldo, il gruppo di improvvisazione del Conservatorio Vivaldi e gli artisti di strada

di 3000 Capriole che accompagneranno il pubblico a suon di musica, da e per il Festival

Inchiostro, incastrando questo appuntamento del weekend con quello musicale. Inchiostro

Festival sarà a ingresso gratuito grazie agli sponsor e al coordinamento di associazioni,

gruppi informali, cittadinanza attiva e Progetto Associa. Il Festival è patrocinato della

Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù, Fondazione CRA,

Regione Piemonte, Provincia e Comune di Alessandria.

 

Infine ai ragazzi è poi dedicato un concorso, con scadenza al 30 maggio, per aspiranti

illustratori o fumettisti. Il bando è pubblicato da oltre un mese sul sito insieme a

regolamento e modulo d'iscrizione, il tempo stringe e chi vuole ancora partecipare dovrà

essere molto veloce.

 

Nell'attesa attenzione agli appuntamenti anticipatori "festival off" che, a sorpresa,

potranno apparire in città con artisti ospiti di una libreria per presentare un libro,

inaugurare una mostra, semplicemente bere qualcosa insieme e organizzare gli appuntamenti

per vivere la città. Il tutto sempre indossando la maglietta esclusiva dello staff di

Inchiostro. D'altronde si sa, quando si rovescia un boccettino l'inchiostro questo si

allarga a formare rivoli e macchie che arrivano un po' ovunque. Per non perdersi nessun

appuntamento di "aspettando il festival" bisogna quindi seguire, sin da ora, la pagina

Facebook ufficiale: www.facebook.com/inchiostro.festival

 

Inchiostro Festival

c/o Via Santa Maria di Castello 14, Alessandria (AL) Italia

inchiostro.festival@gmail.com

www.inchiostrofestival.wordpress.com

www.facebook.com/inchiostro.festival.alessandria

Design Research Maps 2003-2007

Diagrams of the design research in italy 2003-2008

 

Art direction:

Donato Ricci

Infographic:

Daniele Guido - Luca Masud - Mauro Napoli - Donato Ricci - Gaia Scagnetti

 

www.polidesign.net

1 3 4 5 6 7 ••• 34 35