flickr-free-ic3d pan white

DSC_2351 tre generazioni...

L’analisi delle dinamiche demografiche in alcune città, restituisce l’immagine di una popolazione che invecchia rapidamente. Lo Stato, attraverso le politiche sociali locali, e le famiglie, tramite un forte rifiuto dell’istituzionalizzazione dell’anziano, riaffermano il modello della cura parentale. Tuttavia nella pratica l’assistenza è delegata al mercato privato. Confrontando i dati sull’utenza dei servizi pubblici e privati presenti sul territorio appare chiaro come oggi ai bisogni di cura della popolazione anziana sopperisca principalmente una forza lavoro immigrata composta di donne in età matura, spesso ben qualificate e di solito provenienti dalle nazioni dell’Europa orientale.

Come interpretare la numerosa presenza delle badanti laddove la cura degli anziani è stata per anni considerata un fatto di famiglia? Quale ruolo gioca oggi lo Stato? La prima parte del mio contributo spiega attraverso l’intreccio di fattori strutturali e culturali perché il ricorso alla badante sia diventata una risposta prevalente ai bisogni di cura delle famiglie. Si evidenzierà come le badanti s’inseriscano in un contesto caratterizzato da una forte domanda di assistenza a cui corrisponde l’estrema debolezza degli interventi di sostegno alla vecchiaia, nonché una radicata cultura della domiciliarità messa in crisi da una riduzione della rete di cura familiare determinata principalmente dalla ripresa delle migrazioni interne.

La seconda parte del lavoro illustra la ricerca prettamente etnografica condotta su tre nuclei familiari focalizzandosi sulle pratiche dell’assistenza, sulla quotidianità all’interno dello spazio domestico e sui rapporti tra i vari protagonisti della cura. Emergerà un quadro, dove il legame instaurato tra l’anziano e la badante è riconfigurato come un rapporto parentale e il modello della cura in famiglia viene rielaborato integrando alle risorse familiari l’offerta di welfare statale e la nuova offerta del mercato privato. La famiglia rimane il pilastro dell’organizzazione della cura e il successo del modello di welfare risiede in una sovrapposizione all’interno dello spazio domestico delle tre sfere dell’assistenza.

582 views
6 faves
83 comments
Taken on February 2, 2012