new icn messageflickr-free-ic3d pan white
la grotta zinzulusa | by ROSSANA76 Getty Images Contributor
Back to group

la grotta zinzulusa

castro (le)

 

La grotta Zinzulusa rappresenta una delle più interessanti manifestazioni del fenomeno carsico nel territorio salentino. Si apre sul mare nel tratto di costa che va da Santa Cesarea Terme a Castro Marina, litoranea, tra l’altro, dalla grande suggestione paesaggistica.

 

Il nome Zinzulusa deriva dalla presenza, al suo interno, di numerose stalattiti e stalagmiti che in Dialetto del Salento vengono chiamate "zinzuli" ovvero stracci quasi a voler ricordare quei particolare tessuti. I contadini Locali a Otranto hanno, inoltre, da sempre accostato la grotta con i pipistrelli che numerosi albergano qui e che in particolari momenti della giornata si riversano verso l'esterno.

 

Uno dei primi riferimenti storici alla grotta Zinzulusa li ritroviamo in una lettera scritta dal vescovo di Castro, monsignor Del Duca, che nel 1793 offre a Ferdinando IV una dettagliata descrizione della cavità carsica. Il prelato, inoltre, circa la nascita della grotta Zinzulusa si cimentò in un ardita ricostruzione volendo riconoscere nelle bizzarre scultore, le colonne di un tempio dedicato a Minerva, eretto come tributo per il sostegno dato ad Ercole nello scontro coi Giganti.

 

Successivamente altri studiosi salentini si cimentano nella scoperta e nello studio della grotta Zinzulusa tra i quali ricordiamo il Brocchi, il Botti ed infine uno dei più insigni studiosi sul Salento il De Giorgi.

 

Ma un vero studio scientifico sulla grotta Zinzulusa, si ha nel novecento, in particolare a partire del 1922 allorquando si iniziò un’intensa opera di raccolta e catalogazione delle specie vegetali ed animali presenti nelle parti più profonde della grotta. Particolare interesse hanno da subito destato la presenza di specie di crostacei di origine molto antica e presenti solo in questa cavità.

 

L’interesse suscitato dalla Zinzulusa non si limita solo all’aspetto biologico ma anche per il rinvenimento di numerosi resti di manufatti che paiono risalire al neolitico al paleolitico sino a giungere all’epoca romana.

 

La grotta Zinzulusa, che come detto è di natura carsica, si è originata durante il Pliocene per effetto dell’erosione operata dall’acqua sul sottosuolo calcareo Salentino.

 

La grotta Zinzulusa, inoltre, presenta numerosi resti fossili di uccelli, felini, cervi, elefanti, orsi, ippopotami, rinoceronti quasi a testimoniare la straordinaria ricchezza e varietà di specie nel Salento antico caratterizzato tra l’altro da un clima profondamente diverso da quello odierno.

   

982 views
0 faves
31 comments
Taken on July 22, 2011