due minuti e cinquanta circa.

Caro Diario,

 

ho iniziato a sentire Valtari poco fa. La prima scarica di brividi arriva a due minuti e cinquanta circa. Sentire un disco nuovo dei Sigur Rós è un po' come decidere di tornare a fare un viaggio in nel posto più spettacolare che hai mai visto, o in un posto in cui sei stato da bambino, magari anche con un po' di paura di non ritrovare più la stessa magia, di arrivarci e non capire bene cosa ci avevi trovato. Salvo poi fermarti a pensare che è lo stesso atto del viaggiare ad essere importante, che è tutto ciò che conta davvero. A metà disco il viaggio è appena iniziato ed ogni eco in più è spazio dilatato da riempire, voglia di camminare, o di rimettermi in macchina ed arrivare alla prima curva a destra sulla strada di Capo Testa, da dove la vista si apre e vedi mare a perdita d'occhio.

 

Ecco, qualcosa del genere.

 

(Takk.)

866 views
12 faves
3 comments
Taken on September 11, 2011