due minuti e cinquanta circa.

    Newer Older

    Caro Diario,

    ho iniziato a sentire Valtari poco fa. La prima scarica di brividi arriva a due minuti e cinquanta circa. Sentire un disco nuovo dei Sigur Rós è un po' come decidere di tornare a fare un viaggio in nel posto più spettacolare che hai mai visto, o in un posto in cui sei stato da bambino, magari anche con un po' di paura di non ritrovare più la stessa magia, di arrivarci e non capire bene cosa ci avevi trovato. Salvo poi fermarti a pensare che è lo stesso atto del viaggiare ad essere importante, che è tutto ciò che conta davvero. A metà disco il viaggio è appena iniziato ed ogni eco in più è spazio dilatato da riempire, voglia di camminare, o di rimettermi in macchina ed arrivare alla prima curva a destra sulla strada di Capo Testa, da dove la vista si apre e vedi mare a perdita d'occhio.

    Ecco, qualcosa del genere.

    (Takk.)

    Pagan Poetry, - n u m b -, tinylights, and 9 other people added this photo to their favorites.

    1. Pagan Poetry 35 months ago | reply

      sai.
      ho visto il link della foto su twitter, ho subito pensato ai Sigur Ros.
      poi ho aperto la pagina di flickr, prima di leggere il tuo commento ho subito pensato a Valtari.

      ecco.
      :)

    2. piermario 35 months ago | reply

      inizi a sviluppare superpoteri da ascolto prolungato dei Sigur Rós, Vale.
      grazie mille, ecco. :)

    3. f.ede 32 months ago | reply

      Bellissimi i tuoi scatti, e questo in particolare mi ha colpito tantissimo. Sarà l'atmosfera, saranno i colori o la musica dei Sigur Ròs...Valtari é stupendo.

    keyboard shortcuts: previous photo next photo L view in light box F favorite < scroll film strip left > scroll film strip right ? show all shortcuts