new icn messageflickr-free-ic3d pan white
PDL..... | by Enri67 "I tell.......I drink...."
Back to group

PDL.....

Leggo troppo amici....

leggo troppo, e questo certo non aiuta la mia bile, i travasi di questi tempi sono piu' frequenti del solito e non posso mica sentirmi tagliato fuori!

Quella che si vede qua sopra è una scuola elementare.....pensate che questo mi faccia star tranquillo?

Pensate che il disfacimento della scuola dell'obbligo, forse l'unico settore scolastico che andava per il verso giusto mi faccia sorridere?

Sorrido amaramente quando mi si dice : rilassati, vivi piu' serenamente il tuo tempo!

Credete che non ci provi?

Ci provo ma non ci riesco, perchè mai dovrei sorridere?

La scuola va a rotoli già di suo, e cosa facciamo per darle una mano?

La riformiamo!

Genio, abbiamo una ministro, la Gelmini che sembra una supplente capitata li per caso, e poi come la riforma?

Pezzetto per pezzetto, non tutta insieme, a colpi di Fiducia e di Decreti Legge, tanto sono sicuri di quello che fanno, non si fidano nemmeno di loro stessi!

Insegnate unico, tempo pieno a 40 ore dove L'IMPIANTO FORTEMENTE UNITARIO DELL'INSEGNAMENTO DEL MAESTRO UNICO VA A FARSI FOTTERE, progetti spezzettati in funzione dei TAGLI del ministro Tremonti (il vero titolare della cattedra di ministro dell'istruzione).

Cito:

Nel Tempo Pieno storico altro elemento “caratterizzante” erano (e sono) le ore di “compresenza” dei due docenti contitolari. Queste ore -in genere quattro la settimana- consentono la possibilità di suddividere la classe in gruppi, o nella forma delle “classi aperte” con alunni delle sezioni parallele, o in “gruppi omogenei” di alunni della stessa classe, per il recupero/avanzamento degli apprendimenti. Consentono lo svolgersi di attività laboratoriali (ad esempio: un conto è andare nel laboratorio di informatica con un gruppo di dieci-dodici alunni per docente un altro è andarci con un'intera classe di 20-24 alunni, discorso che vale anche per altre attività creativo-espressive…). Consentono di effettuare le cosiddette “uscite didattiche” nel territorio (visite ai musei, ricerca d'ambiente, ecc.) per gruppi di alunni per docente e non con la classe intera. Consentono infine la possibilità di formare piccoli gruppi classe per l'alfabetizzazione degli alunni stranieri.

 

Tutto questo non sarà più possibile, con grave pregiudizio per la didattica. Insomma, quello che cambia, che è radicalmente diverso tra il modello pedagogico del Tempo Pieno (tempo scuola 40 ore, due insegnanti contitolari) e quello delle “40 ore” (semplice copertura oraria con l'emergere di una figura di docente prevalente) sta proprio nella diversa organizzazione della didattica, nel rapporto docenti/alunni, e quindi nei processi di insegnamento/apprendimento. Si tratta di due “cose” completamente diverse. La “quantità” oraria è la stessa, la “qualità”, il potenziale didattico è ben diverso.

E' Riforma o Controriforma?

Potenziamento o Indebolimento dell'intero impianto didattico?

A colpi di maggioranza, per Decreti legge........tutto va nel verso giusto, secondo loro....ma in fondo lo sapevamo già come avrebbero governato....non si chiamano PDL?

Per

Decreto

Legge?

Nulla di nuovo sotto il cielo di ottobre....ma sopra fosche nubi.....e auguri bambini.....che il futuro vi assista...

 

Ritorno alle mie letture.....

  

the wall.....

3,176 views
35 faves
108 comments
Taken on October 9, 2008