MANESCHI
Campus intercultura Enel, Perugia, Luglio 2009

Il percorso di scultura conduceva ragazzi adolescenti, provenienti da diverse parti del mondo, alla scoperta di una tecnica moderna di calco in gesso. Il lavoro proponeva in particolare una rielaborazione simbolica di una propria parte del corpo, la mano o il piede, presi come simboli di relazione non verbale con il mondo, ma anche come strumenti chiave del tatto, ssia del contatto con l'altro. Il lavoro conduceva i ragazzi ad immaginare d'esprimere la forma e la tonalità emotiva del loro contatto per poi tornare a scoprirla immortalata nel gesso. L'intreccio di mani, custodito dalla gomma del calco, doveva infatto esser svelato lentamente e con delicatezza attraverso un operazione di ritrovamento quasi archeologico.
14 photos · 81 views