new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Eremo di Camaldoli | by fotografia per passione
Back to photostream

Eremo di Camaldoli

 

MKS-photo©2014

Mark Soetebier ©2014

L'eremo di Camaldoli è costituito da venti celle situate oltre il cancello che delimita la clausura e sono disposte su cinque file.

 

Nella prima fila ci sono le seguenti celle:

 

Cella di Sant'Andrea Corsini, costruita nel 1742 dal Cardinale Neri Maria Corsini, nipote del Papa Clemente XII.

Cella di San Pier Damiano

Cella di San Carlo

Cella dell'Immacolata, un tempo chiamata Cella dell'Annunziata.

Nella seconda fila ci sono le seguenti celle:

 

Cella di Ognissanti, in questa cella visse e vi morì il 29 ottobre 1429 il venerabile Lorenzo da Stia.

Cella di San Leonardo

Cella di San Francesco, è una delle cinque celle originarie dell'eremo, abitata per un tempo imprecisato da San Francesco d'Assisi. È decorata con una tela dello Spagnoletto

Cella di San Giacomo

Cella di San Giovanni Evangelista

Nella terza fila vi sono le seguenti celle:

 

Cella di San Paolo

Cella di San Pietro

Cella della Croce, anche questa risalente alla fondazione dell'eremo

Cella di San Giovanni Battista, fatta costruire da Piero de' Medici nel 1463

Cella dell'Annunziata, conosciuta un tempo come Cella della Presentazione, risale alla fondazione dell'eremo e venne abitata dal venerabile Pellegrino Palau di Barcellona per 40 anni di vita da anacoreta.

Nella quarta fila ci sono le seguenti celle:

 

Cella di Santa Maria Maddalena

Cella di San Martino, risalente alla fondazione dell'eremo; ospitò il venerabile Luigi Massei, anacoreta

Cella del Beato Michele Pini, che l'abitò per 20 anni fino alla morte avvenuta nel 1522

Cella di San Petronio, fatta costruire nel 1583 dall'Arcivescovo di Bologna Gabriele Paleotti

Nella quinta fila sono rimaste solo due celle sulle sei presenti fino al 1858.

 

Cella di San Bartolomeo, risalente alla fondazione dell'eremo. Vi abitò e vi morì il 26 aprile 1473, dopo 30 anni di vita anacoretica, il venerabile Pietro Teutonico

Cella di Santa Maria di Loreto, venne abitata per un tempo imprecisato da San Carlo Borromeo nel 1579

3,199 views
9 faves
13 comments
Taken on April 18, 2014