new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Il ritratto | by magaripotessi
Back to album

Il ritratto

- Mi no son contrario ala fotografia come fotografia, siora Nina. Mi anzi son sta uno dei primi de qua in paese che son andado a Trieste a farme la fotografia de Wulz. Massime el maritimo se meteva là, e i ghe fazeva il ritrato per l’album, per la memoria. Mi però devo dir che no vegnivo mai tropo ben… Barba Nane me diseva sempre vardando el mio libreto de navigazion: “Cossa, vù sé sto qua? Questo no se vù. I ve diniegherà, i ve cavarà la matricola”.Povero Barba Nane.

- Eh, adesso chi va più del fotografo! Anca quel che vigniva qua col trepìe, chissà dove che ‘l xe finì.

- Una volta tuti usava farse el ritrato, e po’ metere in sfasa l’ingrandimento. Anzi me ricordo che una volta con un ingrandimento me ga tocà un truco…

- Cossa, sé vignù mal?

- No, no! No iera per mi. Dovè saver che quela volta, qua, i ingrandimenti i costava un ocio dela testa, perché i li doveva mandarli a far fin a Trieste, o a Fiume. In China, invece, i costava poco o gnente. Mi quela volta viagiavo per Estremo Oriente. Xe stà quei cinque ani che no go viagià col Comandante Brazzanovich. Lui inveze fazeva el Levante in quel periodo. Un giorno, insoma, el me dise: “Ti che ti va a Sciangai fame ‘sto piazer”.

- Un piazer a Sciangai?

- Si, el me dise: “Fame ‘sto piazer: qua ti ga ‘sta mia fotografia. Qua son vegnù ben. Fame far l’ingrandimento solito, che mio fradelo vol meterme in sfasa”.

El iera ben sul serio, el Comandante Brazzanovich: vestì de capitano, col capel puntà, col suo ocio che ‘l gaveva, vivo, cola sua bela barba spartida in mezo. Parlante el iera. Insoma, ben bon che farò. E difati, ‘pena che son rivà a Sciangai, prima de dismentigarme, vado de un de ‘sti grandi fotografi che iera là. Tuto in mostra: generai, mandarini, ufficialità. Done, anche bele done. No xe bruta, savè, la dona chinese, solo che la ga poco peto.

- Perché le se infassa.

- Indiferente. Fato sta che vado drento de sto chinese, mi parlavo un poco de inglese, ghe mostro ‘sta fotografia: “Ingrandimént” – ghe digo. Lu el varda un poco e el me dise: “Ciàina?”. Come “ciàina”? ghe digo mi. Alora el me ga scrito su di un toco de carta.

- In chinese.

- No in chinese. El me ga scrito “ciàina”, che po’ se scrivi “China”.

- Come dir che lui iera chinese?

- No. Mi go capì “china” Come che ghe disemo anca nualtri. In tùss, insoma, in sepia, il color de la fotografia… “Jawohl – ghe go dito – Ciàina, ciàina, yes!”.

E sicome nualtri andavimo apena avanti per Kobe, ghe go dà l’indirizzo del Comandante Brazzanovich, che el ghe la spedissi e go pagà.

- In antecipo? Ve gavè fidà?

- Per forza: ve go dito: iera un dei più grandi fotografi de Sciangai. Tuta l’uficialità andava là. Ghe go dà l’indirizzo che el ghe mandi direttamente co ‘l xe pronto. Meritava. Perché un’altra barca del Lloyd andava suso come diman l’altro.

- E xe sta contento el Comandante Brazzanovich?

- Contento? Co’ son tornà, no ‘l voleva gnanca che vado drento dela porta de casa! “Fora – el me zigava – prima ti de mi!”. E el me mostrava i corni. “Muss! Scherza coi fanti e lassa stare i comandanti! Asino imenso!”

- Perché? No ghe iera rivado?

- Come no? Altro che! Solo che “ciàina” par inglese vol dir, sì, china, ma vol dir anche porcelana. E a lu ghe iera rivà el ritrato in porcelana. In ovale, col fileto de oro e i do busi per invidarlo sula lapide.

- Orpo! El ve gà zigà?

- E che parole! Lu sul balador e mi in strada che zercavo de spiegarghe. Dopo el ga papì e el ga anche ridesto. Solo el me ga dito: “’Sta roba qua, ciàpila, tièntela ti, che non la voio gaverla per casa”.

“Prima ti che mi!” – e el me mostrava i corni.

- E la gavè ancora?

- La gavevo fin al Trentaoto. Dopo ghe la go invidada sula lapide. Parlante el iera.

  

Carpinteri e Faraguna: "Le Maldobrie" , ed. MGS Press, Trieste, 1994, "Il ritratto" , pag. 14-16.

  

1,303 views
0 faves
6 comments
Taken on October 17, 2008