new icn messageflickr-free-ic3d pan white

Fauna e flora del Mar Rosso ("El Quseir" Egypt)

The Red Sea is a rich and diverse ecosystem. More than 1200 species of fish have been recorded in the Red Sea, and around 10% of these are found nowhere else. This also includes 42 species of deepwater fish.The rich diversity is in part due to the 2,000 km (1,240 mi) of coral reef extending along its coastline; these fringing reefs are 5000–7000 years old and are largely formed of stony acropora and porites corals. The reefs form platforms and sometimes lagoons along the coast and occasional other features such as cylinders (such as the Blue Hole (Red Sea) at Dahab). These coastal reefs are also visited by pelagic species of red sea fish, including some of the 44 species of shark.

The Red Sea also contains many offshore reefs including several true atolls. Many of the unusual offshore reef formations defy classic (i.e., Darwinian) coral reef classification schemes, and are generally attributed to the high levels of tectonic activity that characterize the area.The special biodiversity of the area is recognized by the Egyptian government, who set up the Ras Mohammed National Park in 1983. The rules and regulations governing this area protect local marine life, which has become a major draw for diving enthusiasts.

 

Al-Qusair (Arabic, القصير, sometimes romanized as Al Qusayr, El Quseir, Quseir, Quesir, Qusseir, Qosseir, or Kosseir), is an approximately 5000 year old Egyptian city lying along the Red Sea. Its ancient name was Leucus Limen.

Al-Qusair is located 205 kilometers south of Hurghada, 103km north of Marsa Alam and 73km north of the Marsa Alam International Airport. Its population was approximately 20,000 as of 1986. Today, its population is around 50,000.

 

Il Mar Rosso offre una spettacolare barriera corallina, con una biodiversità eccezionale,ha una superficie di 43.000 km2 e prende il nome da un tipo di alga colore rosso che raramente appare in larga quantità sulla superficie delle sue acque. Da un punto di vista fisico viene considerato un golfo dell'Oceano Indiano.Il Mar Rosso è situato tra l'Africa e il Medio Oriente e presenta un'alta concentrazione di sale, pari a circa il 42%. La fauna che popola i fondali marini è straordinariamente diversificata. C'è addirittura chi sostiene che, per quanto riguarda i coralli, i pesci e altri organismi marini, il Mar Rosso sia il più ricco di tutto l'Oceano Indiano. Il suo isolamento geografico ha dato vita nei secoli a delle specie marine uniche, che è possibile osservare solo lungo la sua barriera corallina.

Le sue acque sono di un colore azzurro chiaro e cristallino, che permettono di osservare determinate specie di pesce anche a occhio nudo.

 

El Quseir da qualche anno è diventata una nuova meta turistica per gli appassionati di barriera corallina. Si trova nel Mar Rosso lungo la costa meridionale dell’Egitto, verso il confine con il Sudan, a metà strada tra Hurghada e Marsa Alam.

La zona non è ancora stata presa d’assalto dal turismo di massa e quindi riserva a sub e appassionati di snorkeling panorami subacquei entusiasmanti. Davanti a centinaia di chilometri di costa disabitata e senza traccia di inquinamento, si apre una barriera immersa in acque calde e trasparenti nella quale prosperano “lussuosi” giardini di coralli popolati da migliaia di specie di pesci e invertebrati. La visibilità è molto buona con medie che superano i 20 metri. L’acqua è molto calda ed anche d’inverno non scende sotto i 20°. A parte i mesi estivi centrali, il vento persistente rende il mare sempre un po’ mosso. Superata una laguna corallina dove l’acqua è calma e bassa poche decine di centimetri, si incontra la sommità della barriera dove i coralli quasi affiorano. Oltre c’è una parete a strapiombo che con un “salto” nel blu, profondo tra i 30 e i 40 metri, conduce in mare aperto.

3,829 views
1 fave
7 comments
Uploaded on November 21, 2010