new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Sardinia - Flamingo in Colostrai  (Colostrai di Muravera Ca) | by Luigi Strano
Back to group

Sardinia - Flamingo in Colostrai (Colostrai di Muravera Ca)

Flamingos or flamingoes are gregarious wading birds in the genus Phoenicopterus, the only genus in the family Phoenicopteridae. There are four flamingo species in the Americas and two species in the Old World.

Young flamingos hatch with grey plumage, but adults range from light pink to bright red due to aqueous bacteria and beta carotene obtained from their food supply. A well-fed, healthy flamingo is more vibrantly coloured and thus a more desirable mate. A white or pale flamingo, however, is usually unhealthy or malnourished. Captive flamingos are a notable exception; many turn a pale pink as they are not fed carotene at levels comparable to the wild. This is changing as more zoos begin to add prawns and other supplements to the diets of their flamingos.

Flamingos produce a crop milk, like pigeons and doves, due to the action of a hormone called prolactin (see Columbidae). It contains more fat and less protein than the latter does, and it is produced in glands lining the whole of the upper digestive tract, not just the crop. Both parents nurse their chick, and young flamingos feed on this milk, which also contains red and white blood cells, for about two months until their bills are developed enough to filter feed.

Set in a hollow on the coast where the sea-water can't easily enter, Colostrai is a protected natural oasis where it is possible to admire pink flamingos. It is a damp area of great naturalistic interest, most of all because of the presence of numerous species of bird-life, such as flamingos, egrets, herons, stilt-birds, cormorants, dabchicks etc. Colostrai is a protected area since 1989 of about 110 hectares. The pond is fed from the mouth of the Rio Picocca.

 

Phoenicopterus è un genere di uccelli della famiglia Phoenicopteridae.

Sono uccelli sociali di palude, dalle dimensioni che vanno da 1 metro a 1 metro e mezzo d'altezza; si trovano sia nell'emisfero occidentale che in quello orientale. Sono più frequenti nell'ultimo, anche se ci sono quattro specie in America contro le due di Europa, Asia e Africa.I fenicotteri vivono in grossi stormi nelle aree acquatiche.

Le specie più grandi si nutrono e vengono allevate in habitat salini o desertici. I nidi sono fatti di fango compatto e hanno la forma di tumulo con una cima concava nella quale ogni singolo uovo bianco viene deposto.

I fenicotteri si nutrono filtrando alghe blu-verdi, crostacei e molluschi. I loro becchi dalla forma strana sono stati adattati appositamente per separare fango e silice dal cibo che consumano e vengono usati, unici nel loro genere, in posizione a testa in giù. Il filtraggio di cibo viene assistito da strutture pelose chiamate lamelle che allineano le mandibole e la grande lingua dalla superficie ruvida. I fenicotteri sono inoltre conosciuti per bilanciare se stessi su una zampa mentre stanno in piedi e si nutrono.

I piccoli escono dal guscio con un piumaggio bianco ma le piume di un fenicottero nella fase adulta vanno da un rosa chiaro ad un rosso vermiglio, dovuto al carotene ottenuto dal loro cibo. Un fenicottero ben nutrito e in salute è parecchio variopinto. Quanto più rosa è un fenicottero, tanto più desiderabile come partner. Un fenicottero bianco o pallido, comunque, di solito è malato o soffre di mancanza di cibo. Eccezione notevole sono i fenicotteri in cattività, la maggior parte dei quali diventano di colore rosa-pallido dato che non hanno ricevuto cibo che contenesse una quantità sufficiente di carotene. Questo sta cambiando dato che molti zoo stanno cominciando ad aggiungere gamberetti e altri supplementi alle diete dei loro fenicotteri. Tutti i fenicotteri hanno 12 penne da volo nere in ogni ala. I fenicotteri producono un latte simile a quello dei piccioni dovuto all'azione di un ormone chiamato prolattina (si veda Columbidi). Contiene molto più grasso e meno proteina dell'ultimo e viene prodotto in ghiandole allineate nel tratto digerente superiore e neanche semplicemente il raccolto. Entrambi i genitori nutrono i loro piccoli e i giovani fenicotteri si nutrono di questo latte che contiene anche globuli rossi e globuli bianchi per circa due mesi, finché le loro cistifellee non sono abbastanza sviluppate per filtrare il cibo.

I fenicotteri frequentano gli stagni sardi da diversi secoli, anche se, sino a qualche anno fa, non si fermavano in Sardegna durante il periodo della riproduzione. La Sardegna infatti era considerata importante come zona di sosta e di svernamento delle specie che nel sud della Francia la "Camargue" hanno un punto di riferimento fisso. Dai primi anni novanta parte dei fenicotteri hanno adottato la Sardegna anche come punto di riproduziona in particolar modo lo Stagno del Molentargius vicino Cagliari.

 

Font : Wikipedia

2,898 views
1 fave
18 comments
Taken on July 15, 2010