new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Taormina,Castelmola and Giardini Naxos (Sicily) | by Luigi Strano
Back to group

Taormina,Castelmola and Giardini Naxos (Sicily)

Taormina is a comune and small town on the east coast of the island of Sicily, Italy, in the Province of Messina, about midway between Messina and Catania. Taormina has been a very popular tourist destination since the 19th century. It has popular beaches (accessible via an aerial tramway) on the Ionian sea, which is remarkably warm and has a high salt content. Taormina can be reached via highways from Messina from the north and Catania .Just south of Taormina is the Isola Bella, a nature reserve. Tours of the Capo Sant' Andrea grottos are also available. Taormina is built on an extremely hilly coast, and is approximately a forty-five minute drive away from Europe's largest active volcano, Mount Etna.A stay at Taormina is not just a seaside vacation. This area, rich in charm and history, must be experienced in a spirit that is outside the ordinary, and for one simple reason: here, everything is extraordinary. Every stone is a thousand-year-old piece of history, the glorious sea reflects Taormina’s beauty, as it shapes and marks the passage of time, and the places that enchanted the Greeks create to this day a vibrant and exciting ambiance. But trying to describe in words what makes Taormina unique is truly difficult.

 

Taormina è un comune di 10.991 abitanti della provincia di Messina. E' uno dei centri balneari di maggiore rilievo di tutta la regione. Il suo aspetto, il suo paesaggio, i suoi luoghi, le sue bellezze riescono ad attirare turisti provenienti da tutto il mondo.Situata su una collina a 206 m di altezza sul livello del mare , sospesa tra rocce e mare su un terrazzo del monte Tauro, in uno scenario di bellezze naturali unico per varietà e contrasti di motivi , splendore di colori e lussureggiante vegetazione . Il clima è dolcemente mite. Estate : caldo umido con temperature che arrivano fino a 40° e rare volte più di 40° , piogge scarse durante l'estate, ma non si tratta di un clima arido. Molto belle le mezze stagioni , Primavera e Autunno infatti vantano un clima ideale mite.La storia di Taormina è sicuramente costellata da molteplici dominazioni, e questo è possibile vederlo passeggiando per le strade del centro storico che mostrano i segni lasciati dai vari popoli passati per Taomina. Essendo situata al centro del mediterraneo la Sicilia fu sempre una preda ambita per la sua posizione strategica di passaggio,situata sulla parte est e in posizione fortificata su una collina permetteva già da allora di controllare buona parte della costa ionica e ha sempre rappresentato un ottimo punto di fortificazione e controllo nelle stradegie di guerra. Dopo aver attestato l'esistenza di una sede di siculi ( antichi abitanti dell'isola, detti anche sicani) presso Taormina, per certo vi passarono e vi lasciarono le loro tracce I Greci, i Romani, i Saraceni, dunque gli Arabi, i Bizantini ,I Normanni , Gli Aragonesi , e per ultimi i Borboni.Un soggiorno a Taormina non è semplicemente una vacanza al mare. Questi luoghi, pregni di storia e di fascino, chiedono infatti di essere vissuti con uno spirito diverso da quello comune e la ragione è semplice: qui tutto è fuori dall’ordinario.Ogni pietra reca in sé una storia millenaria, il mare meraviglioso su cui Taormina riflette tutta la sua bellezza, condiziona e scandisce lo scorrere del tempo ed i luoghi che furono l’incanto dei greci trasmettono tutt’oggi un’atmosfera vibrante di emozioni. Ma tentare di descrivere con le parole ciò che rende unica Taormina è davvero difficile

 

Castelmola is a comune (municipality) in the Province of Messina in the Italian region Sicily, located about 170 km east of Palermo and about 40 km southwest of Messina. As of 31 December 2004, it had a population of 1,107 and an area of 16.4 km².Castelmola in Sicily (Italy) is a beautiful village perched almost precariously above Taormina. The lovely hamlet is considered one of the most beautiful villages in Italy.Warm friendly people and spectacular panoramas characterize the village. Castelmola offers a balcony over Taormina and the bay of Giardini Naxos and is framed by the mysterious and beautiful active volcano, Mount Etna.Its narrow winding streets and Olde world charm make Castelmola a destination for anyone wishing to experience the enchanting beauty of Sicily from one of its most spectacular villages.

 

Castelmola è un comune di 1.091 abitanti della provincia di Messina.La cittadina è inclusa nel club de I borghi più belli d'Italia ossia un'esclusiva associazione di piccoli centri italiani che si distinguono per grande interesse artistico, culturale e storico, per l'armonia del tessuto urbano, vivibilità, servizi ai cittadini etc etc...Il paese piccolo e ben conservato si trova sulla cima di un cocuzzolo a strapiombo sul mar Ionio a 36 km da Messina e a 49 da Catania. Il punto più elevato si raggiunge salendo per un sentiero, dalla piazza principale del paese, fino ai ruderi di un castello. Sulla piazza esiste un belvedere che offre una splendida vista sulla costa ionica e sulla città di Taormina.Myle era il nome della città antica.Castelmola deriva dal castello normanno che sovrasta il centro abitato e dalla forma della rocca su cui si trova, vagamente somigliante ad una mola di pietra (la macina del mulino).

 

Giardini Naxos is a comune in the Province of Messina on the island of Sicily in Italy. It is situated on the coast of the Ionian Sea on a bay which lies between Cape Taormina and Cape Schisò. Today it is a popular seaside-resort.Founded by Thucles the Chalcidian in 734 BC, Naxos was never a powerful city, but its temple of Apollo Archegetes, protecting deity of all the Greek colonies, gave it prominence in religious affairs. Leontini and Catania were both colonized from here. Hippocrates, tyrant of Gela, captured it in 494 BC. Its opposition to Syracuse ultimately led to its capture and destruction in 403 BC at the hands of Dionysius the tyrant, after it had supported Athens during that city's disastrous Sicilian Expedition. Though the site continued to be inhabited, most activity shifted to neighbouring Tauromenium.In 1544, following the raids by Turkish corsair, Barbarossa Kheir-ed-Din, several military buildings were constructed to protect Cape Schisò from the Barbary pirates who continued to attack and plunder the coastal villages. These were Schisò Castle which was rebuilt from an earlier 13th century castle, Schisò fort, and Vignazza Tower. The latter is a quadrangular watchtower which served to patrol the coast south of Port Schisò; if any pirate boats were sighted, the observers inside the tower could alert the villagers and neighbouring watchtowers by sending out smoke signals. Vignazza Tower is located in the Recanati area of Giardini Naxos, but is not open to the public.Prior to the early 1970s, Giardini Naxos was a quiet fishing village. Now it is a popular tourist destination, famous for its beaches, panoramic view of the bay and surrounding hills, and its small, but bustling fishing port. It attracts foreign visitors and Italians alike, many of whom own summer residences in the comune. The seafront, Via Tysandros, is lined with hotels, smaller pensions, pubs, restaurants and pizzerias.

 

Giardini-Naxos è un comune di 9.152 abitanti della provincia di Messina. Anticamente chiamata Nasso, dista 39 km da Messina e 40 da Catania.Nell'attuale collocazione di Giardini-Naxos, presso Capo Schisò, nel 734 a.C. dei coloni calcidesi fondarono quello che è da tutti ritenuto il primo insediamento greco in Sicilia. Alla nuova colonia venne attribuito il nome di Naxos come l'omonima isola nel Mar Egeo. Nonostante rimase un centro di modeste dimensioni mantenne il suo valore simbolico, in quanto venne eretto un altare in onore di Apollo Archegetes, questo era il punto di partenza degli ambasciatori greci in ritorno alla madrepatria. Durante la Guerra del Peloponneso Naxos si schierò con Atene, ma quando nel 403 a.C. la spedizione militare ateniese in Sicilia fallì, il tiranno siracusano Dionigi il Vecchio la fece radere al suolo e fece costruire sull'altura sovrastante Tauromenion (Taormina). Il territorio venne donato ai Siculi e gli abitanti furono venduti come schiavi. Il nome Naxos permase nel tempo anche in epoca romana e nell'Itinerario Antonino del III secolo d.C. viene citato come località per lo scambio di cavalli lungo la strada consolare in direzione Siracusa. Nel periodo bizantino sulle spoglie della colonia greca si andò a formare un piccolo centro abitato, questo diventò l'approdo strategico per la vicina Taormina. Il periodo di dominio arabo ha lasciato numerosi toponimi come quello del vicino fiume Alcantara o dello stesso Capo Schisò.

 

www.youtube.com/watch?v=wsZheQbNK5o

 

www.youtube.com/watch?v=dcvR1DE4_-0

   

22,806 views
14 faves
29 comments
Taken on June 9, 2010