new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Terracina - Duomo (Concattedrale di SS. Pietro e Cesareo) | by Luigi Strano
Back to group

Terracina - Duomo (Concattedrale di SS. Pietro e Cesareo)

The Cathedral of SS. Pietro e Cesareo (Duomo) is ensconced within a temple of Rome and Augustus, part of the side wall of which, with engaged columns, is still visible. The holy edifice was consecrated in 1074, and renovated in the twelfth and eighteenth centuries. The Cosmatesque-inlaid vestibule is preceded by an eighteen-step staircase, and supported by ten ancient columns resting upon recumbent lions, with a mosaic frieze upon them, made by twelfth-century Sicilian-Norman artists. The brick campanile, in Gothic-Romanesque-style, has small columns with little pointed arches. The interior has a fine Cosmatesque pulpit supported by ancient columns resting on lions, a Paschal candlestick of 1245, and a good pavement of the same period with beasts and dragons.

To the right of the Duomo is the noteworthy Gothic Palazzo Venditti, from the first half of the fourteenth century.

The town walls consist of Byzantine and Medieval towers erected along the Volscian and Roman curtain wall, in "polygonal" style similar to those of Constantinople. Beyond a three-way crossing, next to Porta Nuova, is the Frangipane Castle or Rocca Traversa, which in 1202 became the symbol of the communal freedom of Terracina.

 

Il Duomo sorge sui resti di un tempio romano e fu eretto nel s. XII. Maestosa la scalinata terminante in un portico con fregio musivo di arte siculo-normanna (sec. XII) e superbo l'alto campanile. L'interno e' settecentesco e conserva notevolissime opere d'arte medioevali (pavimento, ambone, candelabro pasquale).

La cattedrale che inglobò il tempio maggiore fu costruita e consacrata a San Cesario nel 1074, mentre ad un rifacimento del XII-XIII secolo risalgono il campanile e il portico antistante, con fusti di colonna riutilizzati da più antichi edifici romani e capitelli ionici, basi decorate con leoni e trabeazione, in parte scolpita e con fregio a mosaico (prima metà del XIII secolo) in stile cosmatesco. L'interno a tre navate è suddiviso da colonne ugualmente romane riutilizzate, conserva uno splendido pavimento cosmatesco. Alla stessa epoca si devono il pulpito e il cero pasquale. Agli inizi del XVIII secolo l'interno ricevette una copertura a volta.

Decorazione cosmatesca (portico della cattedrale)Dal 1986, nel contesto della ristrutturazione delle diocesi d'Italia, la chiesa di S. Cesario ha assunto il titolo di concattedrale.

 

Font : Wikipedia

 

www.youtube.com/watch?v=FAz9OEqrNE4

2,291 views
3 faves
14 comments
Taken on September 9, 2009