flickr-free-ic3d pan white

ballata di primavera

Quando la Terra, nostra madre,

all'arrivo della primavera,

sarà irrorata d'acqua e carica di grano,

carne della nostra carne,

nostro sostentamento,

allora ci potremo riposare.

Le spighe cresceranno al tocco

del Padre Sole,

si trasformeranno in creature nuove,

invocanti le piogge,

le mani tese al cielo.

Da luoghi sconosciuti e silenziosi

gli spiriti di pioggia ci manderanno

il loro umido alito,

nubi pesanti d'acqua

lasceranno le proprie case

e verranno a sedersi accanto a noi

scenderanno dal cielo

abbracceranno le spighe,

con fresche carezze

copriranno di pioggia la terra

e laggiù, dove ha inizio la strada

degli spiriti di pioggia,

si precipiteranno i torrenti,

gonfi di fango, spazzando tronchi

e montagne coperte di muschio;

le crepe d'argilla

di nostra Madre Terra strariperannno

d'acqua.

Che così sia.

 

(Ballata Navajo)

3,336 views
43 faves
113 comments
Taken on March 11, 2011