new icn messageflickr-free-ic3d pan white
S.PAOLO, LA CARITA' - S.PAUL, THE CHARITY . | by mario dsn 45
Back to group

S.PAOLO, LA CARITA' - S.PAUL, THE CHARITY .

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli,

ma non avessi la carità,

sarei un bronzo risonante o un cembalo squillante.

 

Se avessi il dono della profezia

e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza

e avessi tutta la fede in modo da spostare le montagne,

ma non avessi la carità,

non sarei nulla.

 

Se distribuissi tutti i miei beni per nutrire i poveri,

se dessi il mio corpo per essere arso,

e non avessi la carità,

non mi gioverebbe a nulla.

 

La carità è paziente,

è benigna la carità;

 

la carità non invidia, non si vanta,

non si gonfia, non manca di rispetto,

non cerca il proprio interesse, non si adira,

non tiene conto del male ricevuto,

ma si compiace della verità;

 

tutto tollera, tutto crede,

tutto spera, tutto sopporta.

 

La carità non verrà mai meno.

 

Le profezie scompariranno;

il dono delle lingue cesserà, la scienza svanirà;

conosciamo infatti imperfettamente,

e imperfettamente profetizziamo;

ma quando verrà la perfezione, sparirà ciò che è imperfetto.

 

Quando ero bambino, parlavo da bambino,

pensavo da bambino, ragionavo da bambino.

Da quando sono diventato uomo,

ho smesso le cose da bambino.

 

Adesso vediamo come in uno specchio, in modo oscuro;

ma allora vedremo faccia a faccia.

Ora conosco in parte, ma allora conoscerò perfettamente,

come perfettamente sono conosciuto.

 

Ora esistono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità;

ma la più grande di esse è la carità.

 

S. Paolo – Prima lettera ai Corinzi 13,1

 

=================================================================

 

The First Epistle of Paul the Apostle to the

Corinthians

13

 

Love

1 Though I speak with the tongues of men and of angels, and have not charity, I am become as sounding brass, or a tinkling cymbal.

2 And though I have the gift of prophecy, and understand all mysteries, and all knowledge; and though I have all faith, so that I could remove mountains, Mt. 17.20 ; 21.21 · Mk. 11.23 and have not charity, I am nothing.

3 And though I bestow all my goods to feed the poor, and though I give my body to be burned, and have not charity, it profiteth me nothing.

4 ¶ Charity suffereth long, and is kind; charity envieth not; charity vaunteth not itself, is not puffed up,

5 doth not behave itself unseemly, seeketh not her own, is not easily provoked, thinketh no evil;

6 rejoiceth not in iniquity, but rejoiceth in the truth;

7 beareth all things, believeth all things, hopeth all things, endureth all things.

8 ¶ Charity never faileth: but whether there be prophecies, they shall fail; whether there be tongues, they shall cease; whether there be knowledge, it shall vanish away.

9 For we know in part, and we prophesy in part.

10 But when that which is perfect is come, then that which is in part shall be done away.

11 When I was a child, I spake as a child, I understood as a child, I thought as a child: but when I became a man, I put away childish things.

12 For now we see through a glass, darkly, but then face to face: now I know in part; but then shall I know even as also I am known.

13 And now abideth faith, hope, charity, these three; but the greatest of these is charity.

  

1,687 views
27 faves
143 comments
Taken on September 20, 2012