new icn messageflickr-free-ic3d pan white

"La favola di Amore e Psiche" di Lucio Apuleio

Larino (CB) - 5 agosto 2008

Spettacolo teatrale, presso l' Anfiteatro Romano, con Beppe Barra, Andrè De La Roche, regia di Renato Giordano.

 

La rassegna Archèo ha inaugurato l’estate larinese, martedì 5 agosto, con una storia d’amore che nasce da un racconto mitologico di Lucio Apuleio: “La favola di Amore e Psiche”.

L’opera, la cui storia è narrata nelle celebri “Metamorfosi”, note anche col nome de “L’Asino d’oro”, è stata portata magistralmente in scena, in forma teatrale e danzata, dal bravo regista Renato Giordano nello stupendo Anfiteatro Romano di Larino.

Sul palco un cast d’eccezione: Beppe Barra, con la sua inesauribile forza recitativa ed il suo innato carisma partenopeo ed Andrè De La Roche, ballerino di fama internazionale e coreografo dello stesso spettacolo.

Bravissimi anche Francesca Nunzi, nelle vesti di Psiche, Piero Caretto, Francesca Marini ed i ballerini del corpo di ballo di Roma: un cast di professionisti che ha riscosso consensi e tanti applausi da parte del pubblico presente.

La trama parla d’amore e di antiche debolezze umane: un re aveva tre figlie, una di queste, Psiche, era talmente bella da suscitare una grande invidia da parte delle sorelle, ma soprattutto da parte di Venere che, irata dall’esistenza di una mortale capace di adombrare la sua bellezza, decide di eliminarla.

E, così, la dea invia suo figlio Cupido-Amore per far trafiggere, con un suo dardo, Psiche col fine di farla innamorare di qualche essere mostruoso, uomo o animale che sia.

Ma Amore, alla vista di Psiche, se ne innamora perdutamente, i due si amano ed alla fine, dopo varie difficoltà, sarà proprio Amore a salvare Psiche dalla rovina e dalla morte.

Il fantastico gioco di luci esalta il racconto scenografico e la danza diventa il vero palco su cui i parsonaggi della fiaba si raccontano.

Ma la morale è questa: “se vuoi essere felice non cercare di sapere com’è fatto il tuo amore”.

Apuleio, protagonista dei suoi tempi ed, inconsapevolmente, anche dei nostri, con la morale della sua storia induce alla riflessione ed anche ad una inevitabile inquietudine…

 

1,019 views
0 faves
0 comments
Taken on August 5, 2008