Cosa ho imparato (a 30 anni!)

It's my Birthday!!!

 

Da tempo la vita non mi coglie di sorpresa, lo farà di nuovo. Per il momento vinco io e a 30 anni posso dire che non vorrei essere in nessun altro modo se non questo. Cammino a testa alta nonostante le schifezze che ho fatto. E soprattutto perché non supero il metro e 78, se abbasso pure la testa divento un nano! Ma mi sono perdonato per l’altezza, e per le schifezze!!!

Quando morì la mia prima bisnonna, metà anni ’80, capii che dovevo farmi due conti: qui prima o poi si crepa, pensai. Presi quella calcolatrice che con tanto affetto nonno Edoardo mi regalò per la prima elementare, di quelle con i numeri verdi su fondo nero, che a guardarla troppo ci si drogava, che potevi scrivere 0,5535 e al contrario leggevi sesso e ti facevi le prime pippette. Oggi Nonno è passato a trovarmi e aveva la faccia degli anziani a cui fanno male le ossa, lui che è una montagna. E anche questo è un segno del tempo che passa. E quando ripenso a tutto quello che mi ha dato, i conti non tornano mai.

Con le mie dita di bimbo digitavo moltiplicazioni 8x10=80

Tra un anno ho 8 anni. Avrò vissuto una decima parte della mia intera vita. E cosa ho combinato di buono!?!?!? Mamma quanto mi prendevo sul serio da piccolo.

Oggi ho 30 anni. Proprio oggi si, ne faccio 30. Moltiplico 30x3, fa 90. Se tutto va bene, sto a un terzo. Che cazzo ho combinato?! Boh!

Aaaaaaaaaaaaaaaargh!!! Ho imparato un po’ di cose.

Ho imparato a piangere per le piccole cose: come vedere un padre che il 25 Aprile indica la parola LIBERI su un manifesto, alla bimba che ha in braccio e le spiega il significato. E io mi mordo la lingua perché quasi un urlo caccio, non avevo la Canon con me!!! Poi passo vicino lui mi vede che sorrido e mi sorride, io giro l’angolo e piango di gioia, con le mani in faccia e la schiena poggiata a un muro. Eh. Poi ricomincio a camminare, questo ho imparato.

 

Ho imparato che in Tibet il contrario di Odio non è Amore, ma Pazienza. E ho imparato ad applicarlo!!! Perché non devi per forza amare una persona per non odiarla.

 

Ho imparato che “I cavalli di razza sono quelli che cadono più spesso”, come mi disse una volta il Preside del Liceo per rassicurarmi, l’ennesima perdita d’interesse per le materie scolastiche, non preoccuparti Lonzini, succedeva anche a me. Sono sempre stato un raccomandato insomma. Ho imparato a conviverci! :)

 

Ho imparato che credersi “un genio” è opportuno fino a quando aiuta a migliorarsi, quando diventa scoglio tocca farsi due chiacchiere con la realtà. E io sto ancora nella prima fase! ;)

 

Ho imparato che vivere ora viene sempre prima del pianificare.

Che essere secondi può essere più divertente che essere primi.

Che tra vincere e perdere la differenza è davvero poca.

Che essere felici dipende solo dalla propria testa.

 

Ho imparato a volermi bene.

Auguri.

 

7,080 views
51 faves
69 comments
Taken on April 26, 2007