new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Roma - Castel Sant'angelo by Night | by Davide Pachera
Back to group

Roma - Castel Sant'angelo by Night

S'erge sur Tevere possente,

er tempo che passa un je fà gnente,

da su la torre che fù de mastro Titta,

lo sguardo te se sperde ne la dritta!

 

Incontri er fiume, dopo li bastioni,

e li giardini, pieni de barboni,

n'ho conosciuti arcuni, tipi strani,

solo quarcuno ciaveva er suo domani!

 

Dentro ar Castello c'è 'ngran ber museo,

e dopo er ponte levatoio ce stà er Fiume,

cor lungotevere che lo segue lento,

come ‘na luce che quarcuno ha spento!

 

Nà vorta odiato dai romani seri,

era er simbolo dei tiranni veri,

quann'uno entrava lì nun c'era scampo

la vita se n'annava con un lampo!

 

Era la mole detta de Adriano,

oggi quer tempo è ancora più lontano,

se pò mischiacce er sacro cor profano,

e aritrovasse a spasso ner pantano!

 

Capita a vorte, ar core mio romano,

de trova er modo 'npoco strano,

de ritornà a visità er castello,

e ariscoprillo ancora molto bello!

 

Ce vojo ritornà cor core 'nmano,

perchè tu ce lo sai che sò ROMANO!

 

(Mario Filippi 29/11/01)

681 views
1 fave
77 comments
Taken on February 16, 2012