Inaugurazione della nuova "Sala della palafitta" nel Museo "G.Rambotti" (21/03/2015)
In occasione delle Giornate di primavera del Fai (Fondo ambiente italiano), sabato 21 marzo 2015, l’amministrazione comunale di Desenzano organizza un pre-evento con l’inaugurazione della nuova “sala della palafitta” presso il Museo civico archeologico “G.Rambotti”, nel chiostro di Santa Maria de Senioribus in via A.Anelli 42. Si arricchisce così di un ulteriore spazio il museo che già custodisce l’aratro più antico del mondo, risalente al 2000 a.C.
L’intervento museale è stato curato da “Casa Serena” di Desenzano e dalla cooperativa “La Melagrana” di Salò; i lavori sono stati realizzati con la consulenza scientifica e sotto la supervisione della dottoressa Claudia Mangani, conservatrice del Museo Rambotti, voluti dall’Assessorato alla Cultura guidato da Antonella Soccini, in collaborazione con la dottoressa Anna Maria Finazzi, direttrice del Museo.
«Anche questa novità – commenta l’assessore Antonella Soccini – fa parte dei progetti di rinnovamento continuo del Museo Rambotti. Quest’anno, dopo l’inaugurazione delle due nuove sale il 21 settembre scorso, con all’interno numerosi reperti dall’epoca romana a quella rinascimentale, prevediamo la messa a disposizione di nuove audioguide, l’attivazione di un nuovo impianto di videosorveglianza e la realizzazione di una mostra sull’alimentazione, evento correlato a Expo Milano 2015, aperta al pubblico dal 23 maggio».
Si ricorda che il Museo civico archeologico Rambotti, inaugurato a Desenzano nel 1990, offre non solo un ampio panorama delle culture preistoriche succedutesi nella regione benacense, ma ospita anche i reperti delle varie campagne di scavo nelle aree umide di interesse archeologico, in primis nel sito del Lavagnone, fino ai reperti delle ville romane scoperte nella “capitale” del Garda.

Fotografie a cura dell'Ufficio Stampa del Comune di Desenzano del Garda.
31 photos · 215 views