A Bench on the Road
A Bench on the Road è il risultato di una ricerca commissionata nel 2013 dalla University of Edinburgh nell’ambito del progetto Italian-Scottish Research Cluster (ISRC). Scritto da Laura Pasetti, il testo si basa sul materiale d’archivio raccolto dallo ISRC, che comprende interviste e testimonianze personali che hanno come protagoniste le donne.
L’opera teatrale parla delle storie di sei donne, comprese in un arco di tempo che va dal 1850 alla 1950, anni che videro l’immigrazione italiana su scala globale. Si conta infatti che 25 milioni di italiani lasciarono il proprio paese d’origine nel periodo compreso tra l’unificazione politica e il boom economico successivo alla seconda guerra mondiale, uno dei più grandi fenomeni migratori nella storia dell’umanità. Migliaia di questi scelsero di andare in Scozia, soprattutto a partire dagli anni 80 il 1800, raggiungendo picchi migratori durante gli anni delle due guerre mondiali e della nascita del fascismo e generando esempi di integrazioni socio-economiche senza precedenti. L’opera analizza l’intero spettro delle problematiche derivanti da questo fenomeno a partire dalla prospettiva femminile, focalizzandosi sul ruolo chiave assunto dalle donne nell’immigrazione e nell’integrazione tra il 1850 e il 1950, periodo di massima immigrazione italiana in Scozia.
La comunità italo – scozzese oggi costituisce un gruppo etnico grande e vivace in Scozia e gli immigrati italiani hanno contribuito allo sviluppo dell’identità scozzese nel corso della storia.
L’opera vedrà il coinvolgimento di tre attrici italo – scozzesi e di tre attrici scozzesi, nonché l’uso di canzoni popolari della tradizione scozzese e italiana. A Bench on The Road inoltre vedrà lo sviluppo di un progetto di ricerca fisica sotto la guida di due grandi maestri del teatro fisico: Andrew E Teresa Welminski, ex attori della compagnia teatrale Cricot 2, fondata da Tadeusz Kantor e riconosciuta a livello internazionale.

A Bench on The Road è un progetto finanziato da Creative Scotland, in coproduzione con il Piccolo Teatro di Milano -Teatro d’Europa, e con la collaborazione dell’Italian Cultural Institute di Edimburgo.
47 photos · 110 views