new icn messageflickr-free-ic3d pan white

S.P.Q.R.

Gioacchino Belli.

 

Quell'esse, pe, cu, erre, inarberate

Sur portone de guasi oggni palazzo,

Quelle sò quattro lettere der cazzo

Che nun vonno dì gnente, compitate.

 

M'aricordo però che da regazzo,

Quanno leggevo a fforza de frustate,

Me le trovavo sempre appiccicate

Drent'in dell'abbeccé tutte in un mazzo.

 

Un giorno arfine me te venne l'estro

De dimannamme un po' la spiegazzione

A don Furgenzio ch'era er mi' maestro.

 

Ecco che m'arispose don Furgenzio:

« Ste lettre vonno dì, sor zomarone,

Soli preti qui reggneno: e ssilenzio ».

 

182 views
2 faves
4 comments
Taken on December 15, 2007