new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Molfetta -  Il Duomo | by michele masiero
Back to photostream

Molfetta - Il Duomo

Molfetta Puglia Italy © 2013 All rights reserved

Oil painting effect make with FotoSketcher

Nikon coolpix p 7100

 

Il Duomo di San Corrado

Il Duomo di San Corrado, originariamente dedicato a Maria SS. Assunta in Cielo, è situato ai margini dell'antico borgo di Molfetta, di fronte al porto. Costruito fra il 1150 e la fine del Duecento, costituisce un singolare esempio dell'architettura romanico-pugliese. Essa è infatti la maggiore delle chiese romaniche con la navata centrale coperta a cupole in asse (tre, nel caso specifico) impostate su tamburo a pianta esagonale, rispetto alle altre (comprese le quattro Basiliche Palatine) aventi la copertura del tipo a capriate e tegole sovrapposte. Il complesso strutturale è serrato tra due, maestose e leggiadre allo stesso tempo, torri campanarie. Queste (quella di mezzogiorno detta campanaria perché sede fisica del campanile, l'altra, più prossima al lato mare, di vedetta perché utilizzata a tale scopo per il preventivo avvistamento di eventuali incursioni saracene) sono gemelle, di base quadrata, a tre ripiani, alte 39 metri, aperte sui quattro lati da finestre bifore e monofore. Al solstizio d’estate, il 21 giugno, verso le prime ore del mattino, un raggio di sole attraverso una finestra va a colpire una formella, e così, il risultato ed i calcoli di un architetto – astronomo producono qui, come in altri luoghi celebri nel mondo (Cattedrale di Chartres, Chiesa di San Leonardo a Siponto – Puglia…), l’ansia di un enigma.

Interno

La costruzione, a pianta basilicale asimmetrica, è divisa in tre navate da pilastri cruciformi con colonne addossate e la navata centrale presenta una copertura a tre cupole in asse, come già riportato, di altezza variabile (quella centrale è considerevolmente più alta delle due di estremità), mentre le navate laterali sono coperte con tetti spioventi, a una falda ciascuna, con tegole costituite da chiancarelle della stessa tipologia della copertura dei famosi trulli della valle d'Itria. Stesso tipo di chiancarelle, assemblate a punta di diamante con sei falde convergenti al centro verso l'alto per ciascuna cupola (allo scopo di assecondare la pianta esagonale dei tamburi di base), ricopre le tre cupole centrali

 

 

The Duomo di San Corrado

The Duomo di San Corrado, originally dedicated to Maria SS. Assumed into heaven, is located on the edge of the ancient village of Molfetta, in front of the port. Built between 1150 and the end of the 13th century, constitutes a singular example of Apulian Romanesque architecture. It is indeed the largest of Romanesque churches with the nave covered with domes on axis (three in this case) set on a hexagonal plan, drum than the other (including the four Palatine Basilicas) with coverage of the trusses and overlapping tiles. The structural complex is clamped between two, majestic and elegant at the same time, bell towers. These (the noon Bell called because physical location of campanile, the other, closer to the sea side, because used lookout to do this for the sighting of any quote Saracen raids) are twins, square base, three shelves, 39 metres high, are open on all four sides by mullioned Windows and lancet windows. The summer solstice, June 21, to the wee hours of the morning, a ray of sunlight through a window goes to hit a tile, and so, the results and the calculations of an architect – astronomer produce here, as in other famous places in the world (Chartres Cathedral, Church of San Leonardo in Siponto – Apulia ...), the anxiety of an enigma.

 

Inside

 

The building, a basilical asymmetrical, is divided into three naves by columns with cross-shaped pillars huddled and the nave has three domes cover axis, as already reported, of variable height (the central one is considerably higher than the two ends), while the aisles are covered with roofs, lean-to, with tiles made of chiancarelle of the same type of coverage of the famous trulli of valle d'Itria. Same type of chiancarelle, assembled to spearhead with six foot Center converged upwards for each Dome (in order to pander to the hexagonal plant base drum), covers the three central domes

5,007 views
12 faves
39 comments
Taken on December 6, 2013