Cantande a Tenore (Canto a Tenore - Song to content)
Il canto a tenore è l'espressione etnico-musicale più arcaica della Sardegna centrale ed è la prova dell'esistenza della pratica polifonica in tempi remotissimi. L'assemblaggio vocale dà luogo a su tenore è formato da sa contra (il baritono), su bassu (il basso), sa mesu boghe (il contralto) e sa Boghe (la voce solista) che oltre a cantare la poesia deve scandire il ritmo e la tonalità che il coro vero e proprio deve seguire armoniosamente. Essi si dispongono in cerchio, riproponendo la forma architettonica della antica civiltà sarda, quella nuragica. Ci troviamo di fronte a un modo di cantare molto particolare soprattutto come emissione vocale, quindi molto interessante dal punto di vista timbrico. Delle quattro voci due sono gutturali: su bassu (basso) e sa contra (contralto). Esse caratterizzano in maniera peculiare il canto a tenore. Su bassu con un suono grave e profondo e un caratteristico vibrato mantiene la stessa tonalità della voce solista ,ovvero la fondamentale della triade su cui si accorda la polifonia del tenore; una quinta sopra si trova la contra che si caratterizza per un suono più lineare, metallico e meno vibrato. Quest'ultima può fermarsi e aspettare la risposta del tenore nei canti isterrita e muttos oppure continuare e fondersi insieme al coro nei rimanenti canti. È difficile stabilire le origini del canto a tenore che secondo alcuni risalirebbero addirittura a circa 4000 anni fa. La natura del canto sembrerebbe strettamente radicata nella vita pastorale,nella solitudine in campagna a stretto contatto con il bestiame e con la natura. Sono proprio gli animali e la natura i più probabili ispiratori delle voci. È probabile che la contra nasca dall'imitazione del verso della pecora, su bassu da quello della mucca e la mesu oche dall'imitazione del suono del vento. Solitamente il brano cantato è una poesia rimata che viene eseguita in varie modalità secondo la metricaimpostata: le composizioni endecasillabiche (undici sillabe per verso) si prestano per essere cantate a "sa seria" (canto che prevede un'esecuzione più pacata e malinconica), a "boghe ‘e notte" (espressione melodica più corta e leggera) o a “boghe ‘e ballu”, testi con scansione sillabica ridotta (sette-otto sillabe per verso) con varianti più ballabili.

The tenor singing is the most archaic expression and ethnic music of central Sardinia, and is proof of the existence of polyphonic practice in ancient times. The speech gives rise to assembly of content is made known contra (baritone), of bassu (bass), knows mesu vogues (contralto) and knows Bogue (lead singer) that in addition to singing the poem must scan the rhythm and tone that the choir itself should follow smoothly. They are arranged in a circle, repeating the architectural form of the ancient civilization of Sardinia, the Nuragic. We face a very particular way of singing mostly as spoken utterances, therefore very interesting from the point of view of timbre. Of the four two are guttural voices: on bassu (bass) and sa contra (contralto). They characterize the tenor singing a particular manner. On bassu with a deep bass sound and a distinctive vibrato keeps the same tone of voice solo, which is the fundamental of the triad on which fits the polyphony of content, a fifth above the contraction is characterized by a sound more linear, metal and less vibrato. This can stop and wait for the response content in the songs and isterrita muttos or continue and blend together with the chorus in the remaining songs. It is difficult to determine the origins of the tenor singing that some even date back to about 4000 years ago. The nature of the song seems closely rooted in the pastoral life, in solitude in the country in close contact with livestock and with nature. They are just animals and nature the most likely inspiration for the items. It is likely that the contraction arises from the imitation of the verse of the sheep on bassu from that of the cow and geese mesu imitating the sound of the wind. Usually the song is sung a poem that rhymes is done in several ways according to metricaimpostata: the compositions endecasillabiche (eleven syllables per line) are suitable to be sung to "seriously knows" (the song that provides a performance more subdued and melancholy), to "bogue 'Blues" (melodic expression shorter and lighter) or "vogues' and ballu", text scanning with reduced syllabic (7:00 to 8:00 syllables per line) variants with more danceable.
21 photos · 593 views