Azienda Agricola
Quando quaranta anni fa arrivò qui “Zio Romano” con la sua grande famiglia, Colle Moro era una collina quasi brulla, coltivata a mezzadria da una famiglia di contadini che, nella trascuratezza dei vecchi proprietari, praticava un’economia di sussistenza. Allora si producevano olio, vino, grano, ortaggi, si allevavano polli. conigli, papere, tacchini......

Molte cose sono cambiate da allora. Quei contadini, stanchi dei disagi e della povertà della vita di campagna (non avevano ancora l’acqua in casa...), abbagliati dalle luci della città in continua espansione, sono andati via non appena affrancati dall’antico oppressivo legame con la terra, malgrado (o forse grazie a) il repentino miglioramento delle loro condizioni di vita.

Colle Moro invece è diventato un’oasi verde, un’azienda giardino, votata ad una produzione di alta qualità. Grazie all’instancabile lavoro di Zio Romano e di Zia Maria che negli anni, con la loro passione lui per la campagna e lei per i fiori, hanno piantato e curato migliaia di alberi e piante, oggi siamo circondati da un patrimonio vegetale di grande varietà e di immenso valore, fatto non solo di ulivi, ma anche di alberi da frutto e tante piante ornamentali: meli, peri, peschi, pruni, ciliegi, agrumi, giuggioli, carrubi, mandorli, noci, kiwi, fichi d’india, kaki, fichi, melograni... per deliziare il palato degli ospiti; pini, lecci, abeti, cedri, cipressi, magnolie, mimose, agavi, palme, osmanti, capperi, bouganville, iris, orchidee, rose, ciclamini, forsythie, gerani, biancospini, agrifogli..... , raggruppate nel boschetto o disseminate attorno alle ville, per allietarne i sensi.

L’ulivo, col suo carico simbolico di pace e di progresso (la storia della civiltà comincia con la coltura di grano, olivo e vite), è fin dall’inizio l’elemento portante di questa passione, come testimoniano le doppie file dei viali di olivi, che costituiscono accesso e cornice alla proprietà. L’attività dell’azienda agricola si è andata sempre più specializzando nella sua coltivazione. Tra gli oli che se ne ricavano spiccano l’”Ojie di ‘Live” (Olio d’Oliva in dialetto abruzzese), Extravergine Aprutino-Pescarese a Denominazione di Origine Protetta, ed il “Cipressino in Purezza”, monovarietale unico nel suo genere.

Il frutteto fornisce una produzione limitata all’uso interno: il profumo, il sapore e le proprietà nutrizionali di un frutto appena colto dall’albero sono piaceri riservati in esclusiva ai nostri ospiti.
36 photos · 30 views