new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Mili San Pietro (Messina) - La Chiesa in stile arabo normanno | by Luigi Strano
Back to photostream

Mili San Pietro (Messina) - La Chiesa in stile arabo normanno

La Chiesa normanna Santa Maria di Mili è una tra le più antiche testimonianze di architettura religiosa arabo-normanna della Sicilia e della città di Messina. La chiesa, con l'annesso ex monastero, sorge sulla riva sinistra del torrente Mili nei pressi dell'abitato di Mili San Pietro, nel comune di Messina.Edificata intorno al 1090 dal Conte Ruggero d'Altavilla (che nel 1092 vi fece seppellire il figlio naturale Giordano, morto in battaglia a Siracusa) e da lui affidata, nello stesso 1092, ai monaci basiliani guidati dall'egumeno Michele, la chiesa sorge probabilmente sul luogo di un precedente cenobio di epoca bizantina.L'abbazia basiliana, tra le più importanti della Sicilia medievale, conobbe periodi di splendore e decadenza che si alternarono fino al 1542, anno della cessione, ad opera di Carlo V, dell'abbazia al neocostituito Grande Ospedale di Messina.Nel 1866 il monastero e la chiesa vennero acquisiti dal Demanio; il monastero fu venduto a privati, mentre la chiesa è tuttora patrimonio del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell'Interno.La parte più notevole della chiesa è quella absidale, in cui spiccano le tre cupole emisferiche, la maggiore e le due minori, di chiara matrice islamica e l'abside centrale, l'unica emergente all'esterno, in stile romanico. La chiesa venne prolungata in avanti nella prima metà del XVI secolo, con la realizzazione di una nuova facciata e l'innalzamento del livello della copertura.A seguito degli interventi di restauro postterremoto operati dall'arch. Valenti, la chiesa venne totalmente spogliata all'interno degli stucchi, degli intonaci e degli altari. Provengono da essa una tavola del 1638 di Francesco Laganà raffigurante la Madonna del Rosario tra devoti oranti, un'acquasantiera in marmo cinquecentesca ed una campana settecentesca, custoditi nella chiesa parrocchiale di Mili San Pietro. La lapide che ricorda la sepoltura di Giordano è conservata nei depositi del Museo Regionale di Messina.

 

L'architettura arabo-normanna introdotta in Sicilia e l'Italia Meridionale dai conquistatori Normanni derivava da una mescolanza di stili :Il romanico,il bizantino e quello arabo.Nel termine "arte arabo-normanna" si nasconde una sottile combinazione di elementi islamici (fatimidi, abassidi e magrebini), romanici (veicolati dalle frequentazioni dei sovrani, tra cui alcuni Benedettini franco-normanni), latini (portati da monaci italiani che seguirono i Normanni durante il loro, viaggio nel sud Italia) e bizantini (provenienti da vari monaci e da un patriarcato greco-bizantino).

 

1,529 views
3 faves
0 comments
Taken on June 9, 2014