flickr-free-ic3d pan white

Non bisogna ma rinnegare le proprie origini e il proprio dialetto,Ciociaro!!!!!!!

Cuncònu!!!!!!! (recipiente di rame a due anse,di forma biconica,era usato per prendere e conservare l'acqua!!!!!!!!!

 

Gli Padratèrnu, féci gli-òmu bbégli!

 

Bbégli gli vòttu, i fàttu cu ’na créta,

 

du tèrra sécca i roscia du Pischiéta,

 

’mpastàta all’acqua du gli Pisciarégli.

   

Pu fa gli màschi, usàu gli scarpégli,

 

la fémmuna, la féci cu lu déta,

 

la ’mprufumàu, la ruistìu du seta,

 

i méssu a còcia tuttu ’nfurnacégli.

   

Ma prò d’allora, lu ginirazziùni,

 

s’hau ’nfauzzìtu, i pianu pianu pàru,

 

ca s’hau arrudottu a crèscia sulu “’nsèrra”

   

cummu lu péra fòra du staggiùni.

 

Ruspàntu ci-ha rumàstu gli ciuciàru,

 

ca-’ncora mo, è fattu cu la tèrra.

  

Angelo De Santis

  

il Padreterno, fece l'uomo bello !

Bello lo volle, e fatto con un'argilla,

di terra rossa e secca di Pischieta (1)

impastata all'acqua del Pisciarello (2)

 

Per fare il maschio, usò lo scalpello,

la donna la fece con le dita

,la improfumò, la rivestì di seta.

e mise a cuocere tutto nella fornacella

 

Ma però d'allora, le generazioni

si sono infalsite, e piano piano pare

che si sono ridotte a crescere solo inserrate

come le pera fuori stagione

di ruspante ci è rimasto solo il ciociaro

che ancora adesso è fatto con la terra .

 

(1) contrada di Ceccano.

(2) Fontana .

  

1,377 views
23 faves
185 comments
Taken on April 7, 2011