new icn messageflickr-free-ic3d pan white
Appello | by mariagraziaschiapparelli
Back to photostream

Appello

www.youtube.com/watch?v=2JrD-zzu034

 

Ricevo da un amico e inoltro, pregandovi della massima attenzione. In val d'Aosta, sopra Issime, c'e' uno splendido vallone, il vallone di San Grato, con insediamenti walser secolari; il vallone e' intatto nella sua bellezza, sale fino al col Dondeuil, ospita 4 agricoltori in tutto; ha laghetti, una zona umida, la chiesina della Madonna della Neve, e' di una bellezza incomparabile, come potrete giudicare dalle foto scattate in una escursione il 16 Ottobre 2005, e le foto non rendono giustizia alla bellezza del luogo....

Ora l'amministrazione comunale di Issime, come leggerete sotto, ha in mente un progetto insensato per questo vallone..

Aiutateci a bloccarlo firmando la petizione on line!!

Cerchiamo di salvare quel che resta della nostra bella Italia..

 

ecco il sito per la petizione on line

 

www.petizionionline.it/

 

www.petizionionline.it/petizione/salviamo-il-vallone-di-s...

 

Il Vallone di San Grato si trova nel Comune di Issime, un vallone laterale della Valle di Gressoney (Valle del Lys).

Si estende dal Villaggio di "Tschuckjini" (ca. 1300 mt) fino ai 3000 mt delle "Dames de Challant". A partire dal XIV sec. e' stato colonizzato da una popolazione germanica, i "Walser".

Il Vallone di San Grato è l’unico esempio in Valle d’Aosta ad aver mantenuto intatta la struttura fondiaria della colonizzazione Walser inserendo l'elemento umano senza stravolgere gli ambienti naturali.

Particolarmente interessanti sono le tipiche abitazioni, le antiche mulattiere, i boschi e le zone umide.

 

Ora, queste bellezze sono in pericolo !!!

 

L' Amministrazione comunale di Issime intende realizzare una strada lunga quasi 10 km, un acquedotto che capta le sorgenti che alimentano le zone umide, una rete di distribuzione di energia elettrica e una centrale idroelettrica.

Apparentemente tali opere potrebbero agevolare gli attuali quattro allevatori ma in realtà cancellerebbero definitivamente le peculiarità di questo territorio:

- antica mulattiera di transumanza e la continuità della trama dei sentieri;

- zone umide;

- boschi di piante secolari (abete, larice, pino cembro...)

- habitat naturali di specie rare animali e vegetali

- elementi architettonici caratterizzanti il paesaggio walser, il cui esempio tipico sono le lastre e i blocchi scolpiti in pietra che delimitano le mulattiere.

 

Nel contempo la costruzione di una strada comporterebbe l' inserimento di nuovi e impattanti elementi:

- muri di sostegno e scogliere di altezza fino a 5 mt;

- tornanti;

- parcheggi;

- transito di veicoli motorizzati.

   

Per chi avesse voglia di leggere, allego un articolo di repubblica sullo sfracello causato dalla TAV nella zona del Mugello....

www.repubblica.it/2009/03/sezioni/ambiente/tav-torrenti/t...

 

Grazie per il vostro tempo!

1,886 views
5 faves
56 comments
Uploaded on November 24, 2009