Ricordo di Michele Angelo Mancuso
4 Gennaio 2017 - A otto anni dalla sua scomparsa, in uno dei luoghi a lui più cari, il Caffè Galante, si è svolto l'incontro per ricordare Michele Angelo Mancuso. Grazie alle pagine che ci ha lasciato, è stato possibile rivivere immagini e atmosfere di tempi ormai andati e grazie ai ricordi di familiari e amici che l'hanno conosciuto, di apprezzare l'ingegno, l'umanità e la brillantezza di un uomo arguto, colto e fine narratore votato a trasmettere i valori della bellezza, della cultura e delle tradizioni dei nostri territori.

Durante l'incontro, a cura di Benito Bisagni e organizzato dal Comitato Pro Caffè Galante, sono stati letti, da Marco Mancuso e dallo stesso Benito Bisagni, alcuni brani tratti dalle sue opere, tra cui “Crepuscolo di Maggio” e “La casa alta” (da “Siamo fatti di tempo” - Jester - Firenze 1971).

Si deve a Michele Angelo Mancuso il grande merito, tra i tanti, di aver impresso in maniera indelebile nelle pagine dei suoi scritti momenti della nostra storia cittadina e di averli resi vivi e vividi grazie alle sue capacità narrative. In esse vi troviamo anche episodi che riguardano la storia del Caffè Galante, in “Rapsodia Paesana”, in “Una lontananza di anni luce” e nella biografia del padre che egli scrisse.

Per i meriti e per l'affetto di cui godeva, durante la serata, è stato chiesto al Comitato Pro Caffè Galante di farsi portavoce presso l'Amministrazione Comunale dei sentimenti e del desiderio dei convenuti che presto possa essergli dedicata una delle vie della città che ha così tanto amato.
30 photos · 29 views