2016 Gita ad Amorbach & Selingenstadt
5 Maggio 2016
Pellegrinaggio del 5 maggio - Una bella esperienza!

Ma che magnifica giornata, mi son detto al rientro a casa. Perché?
1. L’unione delle nostre comunità ossia il sentirsi parte di una realtà più grande, sapere che non siamo i soli a credere in Gesù, essere convinti che il nostro non è l’unico né il miglior modo di essere Chiesa ma ce ne sono altri da cui poter anche imparare. Unione non significa fare le stesse cose – questa si chiama uniformità – ma avere un’unica meta e puntare ad essa sostenendosi vicendevolmente. Questo permette la libertà di movimento e apre all’accoglienza.

2. La preghiera comune che non sostituisce quella personale ma dà il senso di comunità e testimonia che il fondamento del nostro stare insieme non è l’amicizia, la simpatia reciproca né la benevolenza vicendevole, bensì il ricono- scimento di Gesù come nostro Signore. Non è facile la fede cristiana: è un cam- mino continuo e costante in salita, difatti abbiamo iniziato la giornata con una preghiera in cammino per le vie di Amorbach nella cui chiesa si è celebrata la S. Messa di ringraziamento.

3. Il pranzo comunitario ove si è condiviso quanto preparato a casa: cosa c’è di più bello dell’offrire qualcosa a un altro e vedere che viene apprezzato sincera- mente? Gesù amava stare a tavola: non ha mai rifiutato un invito, anzi a volte si autoinvitava perché per lui lì si esprimeva la gioia della vita nella condivisione e nel dialogo fraterno.

4. La visita del monastero di Engelberg e della cittadina di Seligenstadt: due pic- coli gioielli che meritano un ritorno. Il monastero per gustarne la cucina e la città, magari durante i mercatini di Natale e di sera per assaporare il fascino di una autentica città tedesca. Certamente il bel tempo ha favorito tutto lo svolgi- mento della giornata, ma...quanto detto sarebbe valso anche in caso di mal- tempo. Chi avesse delle osservazioni critiche e dei suggerimenti per migliore lo svolgimento del pellegrinaggio lo faccia sapere in missione al più presto perché se ne tenga conto la prossima volta. Ma fatemelo dire: non ci fosse mi manche- rebbe. Ormai è un appuntamento a cui tengo molto.
28 photos · 13 views