new icn messageflickr-free-ic3d pan white
View allAll Photos Tagged gambardellas

« Le vedi queste persone? Questa fauna? Questa è la mia vita. E non è niente. »

(Jep Gambardella)

Excerpt from brainproject.ca:

 

“Acri” is both a cautionary tale and an ode to mankind’s resilience in the midst of degenerative brain diseases. Like these pencils, the beginning stages of Alzheimer’s causes a gradual decline in memory recall, thinking, reasoning skills, and more. It is important to understand the early symptoms of Alzheimer’s and dementia in order to better care for and treat loved ones.

 

The title “Acri,” comes from the Latin for “sharp.” Latin continues to live on in countless books, inscribed into buildings, and printed on U.S. currency. We live as long as the last person who remembers us, and we live forever through the stories written about us. Degenerative brain diseases may take our memories and

lives, but it can never erase our existence.

 

“Nor shall death brag thou wander’st in his shade,

When in eternal lines to time thou grow’st.

So long as men can breathe or eyes can see,

So long lives this, and this gives life to thee.”

(William Shakespeare, Sonnet 18)

By Molly Gambardella

 

VITALE

 

Vitale is an exploration and dedication to the artist's grandmother, Philomena who lost a decade long battle with Alzheimer's in 2016. A talented singer, Philomena soloed with Leonard Bernstein in his "Mass" at Yale and in Vienna. Despite the disease, her memory of this accomplishment never faded. In her final days, a video of this life-defining performance became available for the first time. When she saw it, it was as if the disease, if only for a moment, was silenced. She remembered everything. The title of this art piece is Philomena's maiden name, Vitale, meaning "of life". (Artist's notes.)

Model: Chiara Gambardella

When I'm deciding if a girl will be moving into Blythe Towers (in other words: when I'm trying to make up my mind whether or not to buy a new Blythe) I will decide on their name and see if I can 'find' their back story. If I can't do these things ... well then I don't get the doll. I'm too sentimental to ever sell a Blythe once she comes to live with us - so it is important that she will fit in.

 

Pippa is the newest arrival to Blythe Towers - she was living in Sardinia and as a Devi Delacour, she obviously likes bats ... so her first name was easy - Pippa is short for Pipistrella (bat in Italian is il pipistrello - but that's a 'masculine' noun ...).

 

My girls usually get full names - and Pippa's middle and family names are my bis-nonna's (great grandma's) name ... Assunta Gambardella ... she was from Amalfi ... ...

West Haven's #22 Nico Gambardella slides under a leaping Bristol Eastern's #5 Sean Allaire on steal of second on May 31, 2005. Mike Orazzi-The Bristol Press.

N°154

Equipaggio/Team: Antonio Belotti (I) - Ugo Gambardella (I)

Marca/Brand: LANCIA [Italia]

Modello/Model: APRILIA CABRIOLET

Anno/Year: 1940

Excerpt from brainproject.ca:

 

Vitale

 

Vitale is an exploration and dedication to the artist’s grandmother, Philomena, who lost a decade-long battle with Alzheimer's in 2016. Philomena had a true talent for singing, soloing with Leonard Bernstein in his "Mass" at Yale and in Vienna, Austria. Despite the disease growing stronger, Philomena's memory of her performance never faded; she would routinely and proudly tell her grandchildren the colourful details each time they visited her. In her final days, a video recording of this life-defining performance became available for the first time in four decades. Upon showing it to her, it was as if the disease, if only for a moment, was silenced. She remembered everything.

 

This piece honours that special memory, which not even Alzheimer's could take away from her. The title of the piece is Philomena's maiden name Vitale, meaning "of life.”

The great beauty...Fontana di Trevi (Roma).

My Heart's in the Highlands - Else Torp and Christopher Bowers

Tratta dalla colonna sonora de: "La Grande Bellezza".

www.youtube.com/watch?v=yya97aeBS4s

“Finisce sempre così. Con la morte. Prima, però, c’è stata la vita, nascosta sotto il bla bla bla bla bla. È tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio e il rumore.

Il silenzio e il sentimento.

L’emozione e la paura.

Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza. E poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile. Tutto sepolto dalla coperta dell’imbarazzo dello stare al mondo. Bla. Bla. Bla. Bla. Altrove, c’è l’altrove. Io non mi occupo dell’altrove. Dunque, che questo romanzo abbia inizio. In fondo, è solo un trucco. Prima, però, c'è stata la vita, nascosta sotto il bla bla bla bla bla.

È ... “È così triste essere bravi, si rischia di diventare abili”

Sì, è solo un trucco. (Jep Gambardella)”

La chiave della grande bellezza ognuno l'ha dentro di sè, ma non tutte sono adatte ad aprire quella porta. Il clamore dei bla bla bla spesso ci confonde, ci impedisce di vedere con chiarezza dentro di noi e di cogliere con occhi diversi quello che ci circonda. Ognuno, come in ogni film, può identificarsi in un qualche personaggio, però diverso per quanto diverse sono le persone l'una dall'altra.

Chi ci vede pessimismo, chi ci vede amarezza, chi ci vede squallore, chi ci vede miseria: ognuno vede solo quello che in realtà è predisposto a vedere.

 

Non ci può essere felicità se le cose in cui crediamo sono "diverse" dalle cose che facciamo.

Scegliamo il nostro mondo successivo in base a ciò che noi apprendiamo in questo.

 

Se non impari nulla, il mondo di poi sarà identico a quello di prima, con le stesse limitazioni.

  

No processing here...don't need.

NIKON D7000 VR70-200 f.2,8

iso 400 f.3,2

Buon Ascolto.

Thans for visit in Rome...have a beatiful 2016.Dan !

i ragazzi del rockabilly bastardo

- Giovanni Gambardella -

 

ci si diverte un sacco... vvvrraaarrrrr.... :D

Work Quotes:

 

QUOTATION – Image :

  

Quotes Of the day – Description

 

Molly Gambardella is an illustrator, screen printer and designer from the United States who looks to push boundaries and create new environments with her artwork. To express herself, she uses various techniques...

#Work

quotess.net/motivational/work/inspirational-work-quotes-m...

Detail

 

N°154

Equipaggio/Team:

Antonio Belotti (I) - Ugo Gambardella (I)

Marca/Brand: LANCIA [Italia]

Modello/Model: APRILIA CABRIOLET

Anno/Year: 1940

Altro luogo celebrato nel film di Sorrentino "La grande bellezza". Purtroppo ad oggi il luogo risulta chiuso per lavori ed in uno stato di mantenimento abbastanza preoccupante.

Ho sostituito la foto. Rispetto alla versione precedente, questa ha un po' di più di contrasto, per attenuare i danni del controluce.

Dress: Alfonso Maria Ferraioli

Model: Chiara Gambardella

Napoli: Mostra d'Oltremare

Teatro Mediterraneo

 

È il risultato di un concorso nazionale che vide protagonisti progettisti con diverse impostazioni linguistiche e architettoniche ed è impostato ad assorbire il fondale scenico dell'asse principale. Il gruppo di progettisti fu composto da Nino Barillà, Vincenzo Gentile, Filippo Mellia e Giuseppe Sanbito, gli interni furono curati da Luigi Piccinato che intervenne sia nella versione del 1940 e sia nel 1952. Attualmente è stato restaurato da Cherubino Gambardella e sono stati recuperati il palcoscenico e i camerini nel 2009.

(fonte Wikipedia)

Italian postcard for the 1913 version of Quo Vadis? (dir. Enrico Guazzoni). Lygia (Lea Giunchi) saves Vinicius (Amleto Novelli) from the hands of Ursus (Bruto Castellani). Ursus, protector of Lygia, has just killed a gladiator who had been charged by Vinicius to kill Ursus while he himself planned to abduct Licia. V: Uff.Rev. St. Terni.

 

Lea Giunchi (1884-?) was the first comical actress in Italian cinema, acting either in her own 'Lea' series, or with male comedians such as Ferdinand Guillaume (Tontolini) and Raymond Frau (Kri Kri). She also played in the Italian silent epic Quo vadis? (1913), modern dramas and action movies.

 

Despite Wikipedia telling differently, Lea Giunchi was born Armanda Carolina Giunchi in Dusseldorf, Germany, on June 18, 1889. She was the daughter of an Italian father and a German mother. In 1909 she moved to Rome. There her professional career took off when she became the companion of Natale Guillaume (1888-1919), who together with his elder – and more famous - brother Ferdinando (1887-1977), was the fourth generation of a French family who had fled from France in the late 18th century and led the life of wandering circus artists. Natale left the family circus after his father Onorato remarried, his brother Ferdinando joined him, and together they did circus acts in various European circuses. Around 1907 they started to perform in vaudeville at the Sala Umberto in Rome, under the name of “les Guill-Guill”. Wikipedia suggests Giunchi was part of these performances already.

 

In 1909 the Guillaume brothers were hired by the Cines film company in Rome, to become comical actors and compete with the popular French comedian André Deed. Soon, in 1910, a whole series was designed around the character of Tontolini, played by Ferdinando, and with Natale as his sidekick or antagonist. It is then that Lea Giunchi as well started to act in the films with the Guillaume brothers, firstly in Tontolini e Lea al mare (1910). Immediately she became the companion of the character Tontolini, using the name Lea (not Armanda and without her last name). Giunchi remained Ferdinando Guillaume’s sidekick in countless comedies, until Guillaume moved over the Turinese company Pasquali and became ‘Polidor’.

 

Giunchi became so popular that she got her own Lea series, as of 1910, starting with Lea in convitto. Until 1916 Giunchi surely acted in some 34 Lea comedies, which were distributed all over Europe and to the United States. Examples are Lea si diverte and Lea vuol morire (both 1912), and Lea e il gomitolo (1913). Giunchi collaborated with several male comedians: the fat Giuseppe Gambardella, known as Checco, Lorenzo Soderini (aka Cocò, also often in drag as the ugly female antagonist of Lea), and foremost Raymond Frau, who replaced Guillaume as first comedian at Cines, when the latter left for Pasquali. Known as Kri Kri, Frau coupled with Giunchi in many comedies in the early 1910s, such as Kri Kri ama la tintora (1913), Kri Kri e Lea militari (1913). The Kri Kri films Giunchi played in continued until 1915. She also joined forces in comical shorts with her own little son Eraldo, born in Rome in 1910 [and not 1906 as Wikipedia and IMDB mention], and known as Cinessino. In 1911 Giunchi and Guillaume also had a daughter, Sylvia.

 

In the meantime Lea Giunchi also played in dramatic films, e.g. as Marta in Enrico Guazzoni’s adaptation of Faust (1910), and (despite her pregnancy of Eraldo) she was the Blue Fairy in Pinocchio (1911), an early feature-length film with the whole Guillaume family acting. Giunchi had her breakthrough as dramatic actress in 1912 with the part of the Christian girl Lygia (Licia in Italian) in the epic Quo vadis? by Enrico Guazzoni, released early 1913 and the worldwide sensation of that year. Other dramatic roles she had in e.g. Fior d’amore e fior di morte (1912) and Immolazione (Guazzoni 1914). Because of her special physical talents, Lea Giunchi played in several types of action movies, from westerns (Due vite per un cuore, 1912; Sulla via dell’oro, 1913) to mystery and detective films (Le mani ignote, 1913; La polizia moderna, 1912).

 

As Marzia Ruta wrote: “Giunchi’s acting peculiarity consisted in her ability to combine two different aspects in one single characterization: she made use of her body in a very free way, yet at the same time she also managed to be extremely charming and feminine. This is a case on its own in the context of Italian cinema of the time, where no other comic actress presented both these aspects at once: either they were the big fat woman who hit and tyrannized her poor little comic partner, or, in reverse, the coquettish and funny girl with a great ability in facial expressions (the best example of this type being the great Gigetta Morano). On the contrary, Lea made use of both the free and unprejudiced movements of her body and a coquettish femininity: this was quite a revolutionary combination of elements for the time, and Giunchi was the first, and probably the only actress to introduce it in Italian cinema.“ She continues: “In Lea e il gomitolo (1913) Giunchi destroys her parents’ whole apartment by desperately searching for a lost ball of wool: her frenzy movement, quite similar to a demoniac possession, is a metaphor for Lea’s desperate search for the only female identity she knows and can imagine; by destroying the apartment, she conquers both her right to read in peace and the possibility of an alternative female identity. At a time when Italian women were not allowed to vote because their husbands were held to also represent their will, Lea persuades her boyfriend’s parents to let their son marry her by disguising herself as a doll: a big puppet who complies with all of its owner’s instructions (Lea bambola, 1912).”

 

While Natale Guillaume acted in several Polidor-comedies in Turin in 1914-1916, Giunchi seems to have stayed in Rome, continuing at Cines. In 1915 Giunchi also signed a contract with the company Caesar Film and acted there in films such as La cieca di Sorrento (Gustavo Serena 1916) in which she had the lead as the blind girl, Parigi misteriosa (1917), an adaptation of Eugene Sue, and P.L.M., ossia l’assassinio della Paris-Lyon-Mediterranée (Edoardo Bencivenga 1918). In the mid-1910s she also acted at companies like Celio (La maschera dell’amore, Ivo Illuminati 1916) and Film d’Arte Italiana (La chiamavano Cosetta, Eugenio Perego 1917). The big wave of Italian short comedy petered out during the mid-1910s, which meant less work for Giunchi. A fatal blow she got after the First World War, when her companion – they apparently never married – Natale Guillaume was killed in an aerial accident, during the shooting in Naples of a film for Polidor Film, the company founded by his brother Ferdinando. A few months after, Lea Giunchi married Anselmo Muto, a doctor from Gaeta and fifteen years older than she. Giunchi withdrew from public life for good. Muto died in Rome in 1940. After the Second World War, in 1946, Lea and Sylvia left Rome and moved to Gaeta, probably to join Muto's family. In 1951 Lea emigrated with Sylvia and Eraldo and their families to Rio De Janeiro, after which traces of her get lost. While Giunchi remains a rather enigmatic personality, several of her long and short films remain in archives inside and outside of Italy. Her brother-in-law Ferdinando would become rediscovered by Federico Fellini in the postwar era and would act in Fellini’s films Le notti di Cabiria (1957) and La dolce vita (1960). He died at the high age of 90.

 

Sources: Italian Wikipedia. Marzia Ruta, Riavvolgendo il gomitolo: Lea Giunchi, storia di un corpo comico dimenticato (thesis Bologna 2008). Idem, Women and the Silent Screen conference 2010. Thanks to Marzia Ruta for additional information and corrections.

 

Italian Bruto Castellani (1881-1933) was the Arnold Schwarzenegger of the silent era. Amleto Novelli (1881 - 1924) was a star actor of the Italian silent cinema. He appeared in many biblical epics and starred with all the divas of the Italian film. During the shooting of a film, he suddenly died, only 38.

 

Model: Chiara Gambardella

Il tetto di una fabbrica, un tramonto di luglio, il set di uno shooting.

Ballerina: Antonella Lazzaro

 

Shooting coming soon at matteomignani.it

Art director: Chiara Ferrante

Assistente: Guido Gambardella

Fotografia: Matteo Mignani

 

Backstage video:

vimeo.com/70235429

Work Quotes:

 

QUOTATION – Image :

  

Quotes Of the day – Description

 

Color blind: colorful pencil sculpture by Molly Gambardella: goo.gl/cvD21L

 

Sharing is Caring – Don’t forget to share this quote !

 

#Work

quotess.net/motivational/work/inspirational-work-quotes-c...

Fairbanks - Gambardella's Pasta Bella

Riconoscimenti epicurei

 

Model: Chiara Gambardella

Everyone invited to my joint exhibition with Kevin O'Keefe at Gambardella, London

© gianfranco liccardo - Please don't use this image on websites, blogs or other media without my explicit permission.

My photos are © all rights reserved. Please e-mail me if you would like to use these photos.

 

La più consistente scoperta che ho fatto pochi giorni dopo aver compiuto sessantacinque anni è che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare. (Jep Gambardella)

En Florencia, Italia.

 

Todos tenemos una profesión u obsesión en la vida que tiene un origen a veces explícito, a veces implícito en nuestro pasado.

Cuando tenía ocho años viajé con mi familia por Europa y ello fue determinante en mi forma de percibir el mundo y la naturaleza.

Además, me permitió cultivar mucho amor y fe hacia el arte.

 

Ni mi intención, ni la de Jep Gambardella, es la pretensión. Creo que ambos al pensar así tendemos al auto-reconocimiento de nuestros antecedentes y sus consecuencias en nuestra personalidad.

 

De la Película La Grande Bellezza: compostimes.com/wp-content/uploads/2014/02/tumblr_n0qh92f...

 

----

Con esta fotografía empiezo un nuevo experimento del proyecto llamado: FOTOGRAMAS PERSONALES, cuya descripción es:

 

De cómo una frase en una película parece hablar desde nosotros.

De como una frase en una película pretende enseñarnos algo que desde ese momento empezaremos a creer.

 

¡A qué les ha pasado!

 

The Stade de France (French pronunciation: [stad də fʁɑ̃s]) is the national stadium of France, situated in the Parisian suburb of Saint-Denis. It has an all-seater capacity of 80,000, making it the fifth largest stadium in Europe, and is used by both the France national football team and French rugby union team for international competition. On 12 July 1998, France defeated Brazil 3–0 in the FIFA World Cup Final contested at the stadium. The Stade de France is listed as a category four stadium by UEFA and has hosted matches for the 1998 FIFA World Cup, 2003 World Championships in Athletics, and the 2007 Rugby World Cup making it the only stadium in the world to have hosted both a Football World Cup final and a Rugby World Cup final.

 

Domestically, the Stade de France serves as a second home facility to Stade Français, Paris's main rugby club. The stadium also hosts the main French domestic cup finals, which include the Coupe de France (both football and rugby), Coupe de la Ligue, Challenge de France, and the Coupe Gambardella, as well as the Top 14 rugby union championship match. The Stade de France has hosted two UEFA Champions League finals in 2000 and 2006, respectively. The stadium is also used for music concerts and other sporting events. The facility is owned and operated by the Consortium Stade de France.

  

Modelos: Sonia Ramírez, Rosalía Ocampo, Karen Gambardella

Vestuario: Diego Cerón

Maquillaje y Peinado: Maury Cervera

Fotografía y Edición: Yo :D

 

Manifestazione per la morte di Claudio Varalli. Il corteo, dopo aver distrutto alcune sedi fasciste, assalta la federazione provinciale del Msi-Dn in via Mancini.

Qui si scontra con la polizia che tira candelotti e spara. In corso XXII marzo sopraggiunge una colonna di automezzi dei carabinieri lanciati ad alta velocità; uno di questi camion, guidato dal milite Sergio Chiairieri, salito sul marciapiede con il chiaro intento di investire chiunque fosse sulla sua traiettoria, si trova innanzi il palo che reggeva l'orologio: l'autista ha un brusco scarto per evitare l'ostacolo e ripiomba sulla strada dove si trova Giannino Zibecchi, 27 anni, insegnante, che viene travolto in pieno, schiacciato e ucciso.

 

Sono rinviati a giudizio 3 militari: il carabiniere Sergio Chiarieri, autista del camion che uccise Giannino, il tenente Alberto Gambardella, capo macchina sullo stesso mezzo e il capitano Alberto Gonella, responsabile dell'intera colonna dei mezzi dei carabinieri. Sono imputati per "in concorso colposo fra loro aver cagionato la la morte di Giannino Zibecchi per colpa aggravata dalla previsione dell'evento"....

 

www.nelvento.net/archivio/68/filmati/giannino 28 n.rm

 

www.pernondimenticare.com/

Model: Chiara Gambardella

Milan, Italy. 14th September 2017. Italian rock band Gambardellas performs at Circolo Magnolia. Brambilla Simone Photography Live News

Marcarock 2014 - Marcallo con Casone (MI)

Modelos: Sonia Ramírez, Rosalía Ocampo, Karen Gambardella

Vestuario: Diego Cerón

Maquillaje y Peinado: Maury Cervera

Fotografía y Edición: Yo :D

 

Mille Miglia 14-15-2009

N.233

 

Gambardella (MC) - Cattaneo (IT)

Modelo: Karen Gambardella

Vestuario: Diego Cerón

Maquillaje y Peinado: Maury Cervera

Fotografía y Edición: Yo :D

 

E' di 12 morti e 16 feriti gravi il bilancio attuale dell'incidente che si è verificato alla stazione di Viareggio. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, nel corso di una conferenza stampa nella sede del Comune di Viareggio.

Sarebbero probabilmente quattro le persone ancora sepolte sotto le macerie delle abitazioni crollate nei pressi della stazione di Viareggio dopo l'esplosione di questa notte. Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, in una conferenza stampa nella sede del Comune della cittadina toscana. "Ci sono alcune persone disperse - ha spiegato - stiamo lavorando su due edifici e vi potrebbero essere tre o quattro persone". Quanto ai 30 dispersi di cui aveva parlato il sindaco, Bertolaso ha sottolineato che "verosimilmente si tratta di residenti che si sono allontanati senza segnalarlo e dunque possiamo escludere che vi siano 30 dispersi".

Quanto ai feriti, Bertolaso ha precisato che tra codici rossi e codici gialli, sono 16 le persone che sono trasferite negli ospedali, tra cui due bambini. Tutti i feriti presentano gravi ustioni. I due piccoli sono stati trasferiti al Bambino Gesù di Roma e a Firenze, altri tre feriti gravi sono stati trasferiti a Torino e due a Milano. Ci sono poi circa 300 sfollati, "che sono stati presi in carico dal Comune, che li ha già sistemati negli alberghi", ha aggiunto Bertolaso. Il capo della Protezione Civile ha poi aggiunto che al momento "non si può escludere che il numero delle vittime possa salire" e che l'attività di ricerca e soccorso dei dispersi potrebbe chiudersi già entro stasera.

Un primo bilancio dei Vigili del Fuoco parlava invece di 15 vittime, mentre attualmente sono 13 i morti carbonizzati che si trovano nell'obitorio dell'ospedale di Viareggio, due dei quali sono arrivati nell'ultima ora. E' quanto si apprende da fonti dei soccorritori.

Due palazzine sono crollate dopo le tre violente esplosioni e del vasto incendio provocate dalla fuoriuscita di gpl dalle cisterne trasportate da un convoglio merci deragliato intorno alla mezzanotte vicino alla stazione di Viareggio (Lucca) che attraversa il centro. Altre cinque sono state coinvolte dall'incendio e si scava ancora alla ricerca di persone disperse. Tra i feriti ci sono due bambini. Uno è grave ed è ricoverato all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni in gran parte del corpo. L'altro al Bambin Gesù di Roma. I feriti, tra cui molti ustionati, sono stati distribuiti tra gli ospedali di Pisa, Massa Carrara, Firenze, Parma, Roma e Genova. "Ho sentito un esplosione e sono uscito in strada insieme ad altri volontari - ha raccontato un volontario della Croce verde di Viareggio la cui sede è stata travolta dall'incendio - e ci siamo trovati le fiamme di fronte a noi e, purtroppo, un corpo carbonizzato a terra. E' stata una scena terrificante". "Abito vicino al luogo dove c'é stato l'incidente e ho visto una scena apocalittica" ha testimoniato invece il sindaco di Viareggio Luca Lunardini. "Uno dei vagoni è deragliato - ha spiegato il comandante del corpo nazionale dei vigili del fuoco Antonio Gambardella che dal centro operativo del Viminale sta coordinando le operazioni di soccorso - e si sono susseguite diverse esplosioni". Quanto alle cause, Gambardella non si è sbilanciato, limitandosi a dire che secondo alcune testimonianze sembra che il treno sia entrato in stazione con i freni in fiamme. I vigili del fuoco sono giunti in forze sul luogo dell'incidente insieme a carabinieri, polizia, guardia di finanza, personale medico del 118 e volontari della protezione civile. A Viareggio è giunto il capo della protezione civile Guido Bertolaso che è in contatto col presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. In arrivo a Viareggio anche il ministro dell'Interno Roberto Maroni. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è in contatto con il prefetto di Lucca Carmelo Aronica mentre il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli ha interrotto la sua visita ufficiale in Venezuela e ha nominato una commissione d'inchiesta. Un'inchiesta è stata aperta dalla Procura di Lucca. Il treno deragliato è un convoglio merci composto da 14 vagoni e proveniva da La Spezia in direzione Pisa.

Il gas di petrolio liquefatto(gpl), fuoriuscito dal vagone cisterna che ha deragliato alla stazione di Viareggio, a contatto con l'aria si è trasformato in nube che trovato un innesco: da qui la deflagrazione con la potenza di una bomba, causando gravi danni nel raggio di 300 metri. A spiegare le modalità dell'incidente è l'ingegner Sergio Basti, direttore centrale per l'emergenza del Dipartimento dei vigili del fuoco. "La ferrocisterna che trasporta 30 metri cubi di gpl - spiega Basti - per un guasto tecnico si è ribaltata, il fasciame si è rotto e il gas liquido è uscito. A contatto con l'aria si è trasformato in una nube di gas che ha invaso la massicciata e si é stratificata in basso. Una scintilla può aver causato l'esplosione che è stata devastante".

Sono cinque i vagoni del treno merci su cui si è verificata l'esplosione alla stazione di Viareggio che sono deragliati. Lo rendono noto le Ferrovie dello Stato, confermando che non c'é stato alcuno scontro tra convogli. "Alle 23.48 di questa notte, in prossimità della stazione di Viareggio, un carro cisterna contenente gpl, in composizione a un treno merci partito da Trecate e diretto a Gricignano, è esploso per cause in corso di accertamento" sottolineano le Ferrovie in una nota. Secondo le prime notizie disponibili "e stando all'evidenza dello scenario - proseguono - la locomotiva è regolarmente sui binari: dei 14 carri che componevano il treno, il primo, presumibilmente quello esploso, è riverso sulla massicciata, così come gli altri quattro carri successivi. Degli altri nove, due sono rimasti in posizione verticale, ma fuori dai binari, mentre gli altri sette non hanno subito conseguenze". Il treno era trainato da una locomotiva di Trenitalia, mentre dei 14 vagoni il primo è immatricolato presso la compagnia ferroviaria polacca Pkp, mentre gli altri 13 presso le ferrovie tedesche Deutsche Bahn.

Marcarock 2014 - Marcallo con Casone (MI)

1 3 4 5 6 7 ••• 79 80