new icn messageflickr-free-ic3d pan white
John Ryan and his Audix D6 | by Reference Laboratory
Back to photostream

John Ryan and his Audix D6

AUDIX D6 – SUB-DYNAMIC INSTRUMENT MICROPHONE

by: John Ryan

 

As printed on the box, the Audix D6 is a Sub-Dynamic instrument microphone definitely designed to properly capture low frequency sound sources and percussion instruments. For this reason, the Audix D6 is my first pick when specifying or chosing among the many kick drum microphones available on the market. I’ve decided to own my personal D6 to take along with me wherever I go and it’s a pleasure to share my impressions with sound engineers and tech-conscious drummers on this great product.

 

I first tried the Audix D6 in 2004, during one of my most challenging jobs ever, mixing FOH for an itinerant festival tour that saw 16 bands playing live on stage every afternoon, three days weekly, for three months, in eleven major Italian cities, then topping the evening with one or two major international headliners (Nile Rodgers & Chic, Kool & The Gang, Kid Creole & The Coconuts, KC & The Sunshine Band...to name a few). The audio team’s main goal was to treat every band with the same attention. Toni Soddu, our stage manager (well known for his perfect management in this type of battle), had configured a twin rhythm section setup on stage, with everything perfectly matching, as if we had two separate stages. Marco Dellatorre (on monitors) and I (in FOH) both had our Yamaha PM1D with 96 channels configured to allow 40 channels for each of the two setups (stage A & stage B), allowing total control on one layer at a time of all inputs, outputs and effects for each band, plus feeds to and from the A/V mobile units, as well as extra microphones for the MC’s and guests. The 16 bands were only allowed a quick line check and this was done while the other band was playing (stage A playing live and stage B doing line check, etc). At this point, speed and consistency was the first things we were after. Each band would only perform one song and I wanted each band to sound right within the first few bars, so it had to be right from the start. My choice of using a wide range of Audix microphones, as well as a few of the all time favorite brands and models, turned out as being a winner. For this, I have to thank Pasquale Lombardi of Lombardi Service in Termoli for supplying us with a large amount of Audix microphones, at the time still quite unknown to the Italian market.

Shortly before starting this tour, I had been introduced to the Audix D6 by my friend Angelo Tordini, CEO of Reference Laboratory and Audix distributor in Italy. The result of trying this large diaphram microphone on the kick drum surprised me, to say the least. I had previously used Audix microphones, but they were lacking a product that would sound right on the kick. The D4 will work at times, but it does take some knob turning and a bit of generosity in the low end with the equalizer. The D6 has been designed to respond just like you would expect it to on the kick drum. The proximity effect on it is quite evident, keeping the low end always present, even when it’s not quite close to the source. Feedback control is very good, even when you’re forced to use more preamplifier gain to compensate for the distance from the source, but this is a common feature in Audix microphones, thanks to their VLM capsule technology.

You could say that the D6 has built in EQ, tuned to picking up a kick drum. The slight enhancement in the 35-80Hz range, attenuation of the low mids (to avoid boominess) and enhancement of frequencies above 1KHz, give this microphone what it needs in the low end as well as the proper definition in the high-mids. Its cardioid pattern works very well in rerejecting off axis signals. Proof of this can be obtained by just placing the D6 in the kick drum and listening to the signal, flat (way in or way out is up to personal taste and requirements). In most cases, I prefer placing the D6 in the hole, a few degrees off axis from the beater head, with just the XLR out of the hole. This gives me excellent attack response and enough air around the capsule to give me the low end I need. With one D6 I get the sound I used to look for by double-miking the kick. In a jazz kit, where there usually is no hole, I like to place the D6 slightly off center, parallel to the head and about 4 inches away. The naturalness of the sound, providing the drum head is tuned properly, is awesome. However, as in all microphone cases, experimentation is the secret. There is no single rule on how or where to place your mics on your sources, but proper placement will generally reduce over EQing. My point of view has always been that if your source needs too much equalization, but your PA system is tuned properly, problem probably lies within the combination of the source’s quality and the microphone used. Microphones don’t do miracles, they help us in making them...at times.

Also, remember that a properly tuned source is of great importance and that it should be the first thing we want to listen to. A badly tuned percussive or harmonic instrument, will never sound right, even with careful microphone placement. If your drummer’s heads are tuned properly, simple microphones placement techniques will give you much satisfaction. The best thing about the D6 is that you will probably never touch the EQ...I don’t. Also, try cabling your a D6 (and the rest of your mics) with a Reference RMC01 cable and find out how much signal you’ve been losing all this time.

 

----------------------------

  

AUDIX D6 – MICROFONO PER STRUMENTI SUB-DINAMICO

 

di: John Ryan

 

Come stampato sulla confezione, l’Audix D6 è un microfono Sub-Dinamico, decisamente disegnato per la ripresa di sorgenti con basse frequenze e strumenti a percussione. Ancora oggi, io scelgo l’Audix D6 tra i molti microfoni per la cassa della batteria. Per questo motivo, ho deciso di avere il mio D6 personale, da portare ovunque io vada ed è con piacere che desidero scambiare con fonici e batteristi con la passione dell’audio,le mie impressioni a proposito di questo grande prodotto.

 

Ho provato, per la prima volta l’Audix D6, nel 2004, durante uno dei miei lavori più degni di sfida, mixando FOH per un festival itinerante che vedeva 16 band dal vivo ogni pomeriggio, per tre giorni a settimana, per tre mesi, in undici città principali Italiane, per poi finire ogni serata con uno o due headliners (Nile Rodgers & Chic, Kool & The Gang, Kid Creole & The Coconuts, KC & The Sunshine Band...per menzionarne alcuni). Lo scopo principale della squadra audio era di trattare ogni band con la stessa attenzione. Toni Soddu, il nostro Stage Manager (famoso per la perfetta gestione di simili battaglie), aveva configurato due sezioni ritmiche gemelle sul palco, con tutto perfettamente a doppio, come se fossero stati due palcoscenici separati. Marco Dellatorre (monitors) ed io (FOH), avevamo entrambi i nostri Yamaha PM1D con 96 canali configurati in modo da dedicare 40 canali per ognuno dei setup (palco A & palco B), permettendo il controllo di tutti gli input, output ed effetti su un layer completo per ogni band, più segnali da e verso l’unità mobile A/V e sufficienti microfoni di servizio per i presentatori e gli ospiti. Alle 16 band veniva permesso solamente un line check mentre l’altra suonava dal vivo (palco A suonava dal vivo mentre palco B effettuava il line check, etc). A questo punto, integrità e consistenza erano le prime cose che volevamo ottenere. Ogni band avrebbe suonato solamente un brano e io volevo che ogni band avesse il suono giusto sin dalle prime battute, quindi doveva essere giusto dall’inizio. La mia scelta di usare una vasta gamma di microfoni Audix, insieme ad alcuni marchi e modelli intramontabili, risultò essere vincente. Di questo ringrazio ancora Pasquale Lombardi della Lombardi Service di Termoli, che ci ha fornito un grosso quantitativo di microfoni Audix, allora ancora un prodotto non molto conosciuto in Italia.

Poco prima di iniziare questo tour, fui introdotto all’Audix D6 dall’amico Angelo Tordini, CEO della Reference Laboratory e distributore Audix in Italia. Il risultato della prova di questo microfono a capsula larga sulla cassa della batteria mi sorprese positivamente, a dire poco. Avevo già usato alcuni microfoni Audix, ma mancava un prodotto che sarebbe stato giusto per la cassa. Il D4 può andare bene a volte, ma richiede qualche manovra di troppo con l’equalizzatore e l’aggiunta di un generosità sulla parte bassa. Il D6 è stato concepito per rispondere esattamente come vi aspettereste da un prodotto specifico sulla cassa. L’effetto di prossimità è ottimo, evidenziando sempre la parte bassa, anche quando la distanza del microfono dalla sorgente varia. Il controllo di feedback è ottimo anche se siamo costretti a volte ad aumentare il guadagno del preamplificatore per compensare alla distanza dalla sorgente, ma questa è una caratteristica comune a tutti i microfoni Audix, grazie alla capsula con tecnologia VLM.

Potreste dire che il D6 ha un EQ al suo interno, tarato per catturare la cassa. La lieve esaltazione del range tra i 35-80Hz, l’attenuazione minima dei medio bassi (per eliminare le risonanze) e l’esaltazione delle frequenze al di sopra dei 1KHz, danno a questo microfono ciò di cui la cassa ha bisogno, mantenendo la definizione delle medio alte. La sua caratteristica polare cardioide respinge ottimamente i segnali fuori asse. La prova di tutto questo si può ottenere semplicemente piazzando il D6 nel foro della cassa, ascoltando il suo suono senza EQ (dentro o fuori è solo questione i gusto personale). Io preferisco, nella maggior parte dei casi, all’interno della cassa, con l’XLR fuori dal foro e con la capsula pochi gradi fuori asse rispetto alla pelle battente. Questo mi dà un ottimo attacco e sufficiente aria intorno alla capsula per darmi le basse che mi servono. Con un D6 sulla cassa, riesco ad ottenere il suono precedentemente trovato usando la tecnica della doppia microfonazione. Su un kit da jazz, dove spesso non c’è foro, mi piace posizionarlo leggermente fuori centro, parallelo alla pelle anteriore e a circa 10cm. La naturalezza del suono, sempre che la pelle della cassa sia accordata in maniera appropriata, è impressionante. Comunque, come in tutti i casi microfonici, il segreto è nello sperimentare. Non esiste un unica regola su come o dove posizionare i microfoni sulle sorgenti, ma il piazzamento ottimale generalmente riduce la troppa equalizzazione. Io sono sempre dell’idea che in un sistema ben tarato (impianto audio), se c’è troppo da equalizzare sulle sorgenti, il problema resta nell’accoppiata tra la qualità della sorgente e il microfono che si utilizza. Ricordate, i microfoni non fanno miracoli, ma ci aiutano a farli...a volte.

Inoltre, ricordiamoci che una sorgente bene accordata è di fondamentale importanza e dovrebbe essere la prima cosa cui ascoltare. Uno strumento accordato male, armonico o percussivo, non avrà mai il suono giusto, anche con piazzamenti microfonici scrupolosi. Se le pelli della batteria sono accordate a puntino, semplici tecniche di posizionamento dei microfoni vi daranno maggiore soddisfazione. la cosa migliore del D6 e che probabilmente non toccherete mai l’EQ...io non lo tocco mai. Inoltre, il D6 (e anche gli altri microfoni) cablato con un cavo Reference RMC01, vi farà comprendere anche quanto avete segnale avete perso in tutti questi anni.

 

www.johnryan.it

www.audixusa.com

www.referencelaboratory.com

3,684 views
0 faves
0 comments
Taken on May 25, 2011